News di viaggio

Olanda: Coffee shop vietati agli stranieri. Il governo rinuncia alla legge

Addio alla Marijuana libera in Olanda. Dal prossimo anno, la trasgressiva capitale, vieterà gli spinelli ai turisti stranieri ma Amsterdam dice no

E dopo avervi annunciato che nei coffe shop di Amsterdam la marijuana continuerà ad essere servita anche agli stranieri, arriva la notizia che metterà fine a tutte i dubbi. E' ufficiale. Il governo olandese ha rinunciato alla legge introdotta all'inizio dell'anno, che permetteva la vendita di droghe leggere solo ai residenti.


La legge era entrata in vigore in tre province del sud del paese, in Zelanda, Brabant Nord e Limbourg ed era stata prevista una sua estensione a tutte le altre province dei Paesi Bassi entro fine anno. Il ministro della giustizia, Ivo Opstelten, ha comunicato al Parlamento lunedì che il provvedimento sarà modificato e che spetterà a ogni amministrazione locale la decisione se mantenere, o meno, il libero accesso alle droghe leggere offerte dai “coffee shop” nei loro territori.


La soluzione consentirà  ad Amsterdam di non perdere i milioni di turisti che ogni anno la raggiungono per utilizzare le droghe leggere, il cui consumo è legalizzato. Le città di confine potranno decidere di proibire l’accesso ai coffee shop e l’utilizzo delle droghe leggere ai turisti.

L’ultimo provvedimento di legge Olandese in materia di sostanze stupefacenti prevedeva la privatizzazione dei coffeeshop, ovvero la possibilità d’acquisto di massimo 3 grammi al giorno e pagamento con carta di credito. La legge prevedeva la Tessera dell’erba esclusivamente da parte dei cittadini residenti in Olanda, a partire dal 1 gennaio 2012.

come-raggiungere-zaanse-schans-amsterdam


La decisione era stata assunta dall'estrema destra di Geert Wilders, che lo scorso anno aveva fatto inserire nel programma del governo, la proposta per combattere il turismo legato al consumo di stupefacenti e il crimine legato all'ambiente del narcotraffico.

Gli olandesi, per accedere ai locali avrebbero dovuto registrarsi ed ottenere un permesso, il wietpas, che garantisce l’ingresso esclusivamente allo shop dove si è registrati.


La legge avrebbe trasformato i 220 locali dove è consentita la vendita di cannabis in club privati. Per fumare uno spinello si richiedeva essere soci del locale e di risiedeere il olanda.