Racconti di viaggio

Tre giorni a Berlino

In Germania insieme a ryanjet con tante informazioni per non perdersi il meglio della capitale tedesca con pochi giorni a disposizione. Dal Reichstag ai resti del Muro e tanto altro

Autore: ryanjet
Periodo: 8-10 settembre
ZINGAGUIDA DI BERLINO
10 COSE DA NON FARE A BERLINO


Stavolta per "missione" avevo l'arduo compito di visitare Berlino, una delle città più grandi d'Europa, nell'arco temporale di 3 giorni, come se non bastasse scarsi anche! L'ultimo giorno, oggi, infatti è trascorso tra code, ceck-in e voli, ma non posso assolutamente lamentarmi. Per portare il mio sedere in Germania, ovviamente ho scelto la mitica, amatissima mamma Ryanair, che con la modica cifra di 4€ mi ha trasportato da Roma a Orio, da Orio a Berlino e viceversa, 4 voli, tutti e 4 conclusi in anticipo sui tempi, dei mostri!

Non finirò mai di ringraziarli, senza di loro i 2/3 dei viaggi che ho effettuato non sarebbero mai stati possibili per le mia povere tasche di studente. Anche il soggiorno è stato perfetto, clima estivo, oltre i 25° e sole splendente per 3 giorni consecutivi, non me lo aspettavo. Ma veniamo al sodo, prima del racconto delle giornate, le INFO, tanto importanti e tanto ricercate, fanno sempre comodo.

HOTEL
Ho alloggiato all'Hotel Quentin (charlottemburg/wilmerdorf), un 3 stelle a 3 passi dalla Ku'damm, all'altezza di Adenauer Platz, U-Bahn a 60 secondi, idem per i bus. La zona è coperta da market, fast food, panetterie, ristorantini e negozi vari, insomma c'è tutto, è ben illuminato di notte e tranquillissimo. 45€ a notte per la doppia uso singola, camera grande, letti comodi, tv, minibar, cassaforte, terrazzino, bagno con prodotti da doccia, asciugacapelli e stirapantaloni.

LEGGI ANCHE IL NOSTRO BLOG DA BERLINO

Pulizia buona, il personale parla inglese, wifi free nella hall (a me arrivava anche in stanza), camere ben insonorizzate, unica pecca il mobilio veramente datato, roba proprio antica con la classica puzza di legno vecchio quando apri i cassetti, una rimodernata non gli farebbe male. Tutto sommato un buon voto lo prende visto il rapporto qualità/prezzo/zona. Un bell'8.

NOTA DOLENTE N°1
(ricezione cellulare)
Eh sì, stavolta due cosine non ho potuto prevederle, la prima è che la Wind non prende praticamente mai! Se e quando prendeva, al massimo mi dava una tacca, (avevo con me 2 cellulari triband con 2 schede), quando entravo in metro perdevo inesorabilmente anche quella tacca di segnale e per riprenderla decine di minuti di attesa.

La prima notte per chiamare la mia ragazza sono sceso praticamente in mutande sulla Ku'damm per cercare una dannata tacca come un rabdomante cerca acqua nel deserto, quasi non rendendomi conto dove vagavo, tutto preso dal display del telefono in "ricerca", chissà che avranno pensato gli ignari passanti. Alla fine, dopo un'ora, ha preso linea, ho chiamato e sono rientrato in hotel perdendo definitivamente il segnale.

L'unica zona dove si aveva una ricezione stabile andava dall'isola dei musei ad Alexander Platz. All'aeroporto ho conosciuto un ragazzo che ha avuto i medesimi problemi, ma con TIM, tanto che ha comprato una scheda tedesca per chiamare. Quindi, uomo avvisato mezzo salvato, se dovete fare pochi giorni, adattatevi e avvertite in Italia che chiamerete e messaggerete poco o nulla, altrimenti, se il soggiorno è lungo, prendete una scheda internazionale o una vodafone tedesca.

 


NOTA DOLENTE N°2 (spostamento Schonefeld - Berlino)
All'arrivo a Schonefeld, tutto convinto, mi sono avviato verso la stazione S-bahn, per prendere la 9 o la 45 fino a Charlottemburg, prendo il biglietto zona A-B-C (ora l'aeroporto è in zona C) e aspetto, aspetto, aspetto...
Il treno non passa e l'orario non è rispettato, boh, abituato all'Italia non mi faccio tanto il problema, ma invece avrei dovuto farmelo.

Insomma, dopo una mezz'ora abbondante arriva la 9, ma invece di fare tutto il percorso in centro, si ferma a Treptower Park, vale a dire in una zona non molto lontana dall'aeroporto, mal collegata. La S-bahn 45 fermava a Sudkreuz, quindi a meno di metà percorso, lontana anche essa dal centro. Presa la 9, dopo 40 minuti a passo d'uomo, si scende a Treptower (lei torna indietro), prendo la S42 (ring), che dopo oltre un'ora e un giro megagalattico (pensavo che stessi tornando a Roma), arriva dalle parti di Charlottemburg dove prendo finalmente una U-bahn per Adenauerplatz (la 7).

GUARDA ANCHE I BORDELLI DI BERLINO

Causa dei disagi, dei lavori di ampliamento, che in pratica hanno mozzato le direttrici principali. Il corriere di Berlino titolava in prima pagina a caratteri cubitali S-Bahn Chaos Crack e i tg ne parlavano diffusamente.
Al ritorno ho dunque preso la U-bahn 7 fino a Rudow e il bus 171 fino all'aeroporto, in meno di un'ora ho risolto. Quindi chi si reca a Berlino a breve, tenga conto dei lavori e si organizzi con i bus, 171 e X7, comodi e rapidi, portano a Rudow e ad Hermannstrasse, da li U-bahn e via per qualunque destinazione.

MEZZI
Apparte i guai della S-bahn, il resto funziona tutto a dovere. Personalmente ho preso la U-bahn 3 volte e un bus, quindi ho fatto biglietti singoli da 2.10€, se avete intenzione di viaggiare molto coi mezzi andate di abbonamento giornaliero o Welcome Card. Insomma, la cosa è soggettiva, dipende da come e cosa volete raggiungere/visitare.

AEROPORTO SCHONEFELD
Bell'aeroporto, c'è tutto, dal Burger King al pub irlandese, controlli doppi, tenetene conto per la tempistica, sia all'ingresso per i ceck-in, sia all'ingresso per i gate, la polizia è stata tranquilla, controlli rapidi, il personale Ryanair faceva imbarcare di tutto come bagaglio a mano, niente storie, ma questo dipende sempre da chi ti capita ai controlli.

VISITE A PAGAMENTO
Castello di Charlottemburg: 10€ (7 studenti)
Torre della Tv: 9.50€

Primo giorno: 8 settembre
Parte la missione! Non albeggia nemmeno ed io sono già in auto, direzione aeroporto di Ciampino, grazie al passaggio della mia ragazza risparmio parecchi € di parcheggio. Il 1° volo Ryanair della giornata che mi porta ad Orio parte puntualissimo alle 06.50 ed atterra con 10 minuti di anticipo sullo schedulato, alle 07.50. In attesa del 2° volo Ryanair per Berlino, mi accomodo davanti al gate 14, accendo la psp e mi vedo un paio di puntate dei Griffin, il tempo passa velocemente e alle 10.15 sono già in pista pronto al decollo, puntualissimo.
Atterraggio a Berlino Schonefeld alle 11.35, 15 minuti di anticipo sullo schedulato, volo tranquillissimo, tutto assolutamente perfetto.

A causa dei sopra citati problemi con la S-Bahn, purtroppo perdo una marea di tempo (prezioso) e giungo in hotel per il ceck-in alle 14 circa. Trafelato, pago, salgo in camera, mi lavo le mani, poso lo zaino e scendo al volo in metro, U-Bahn 7, fermata Richard Wagner, direzione Schloss Charlottenburg, alle 15 circa ci sono finalmente!

Ingresso per il castello, studenti 7€, c'era anche l'audioguida ma non si è resa necessaria, le didascalie nelle sale c'erano anche in inglese. Il piano terra è molto sfarzoso, com'è logico che sia, le sale luminose, piene di stucchi, velluti, porcellane decorative, marmi, insomma uno spettacolo per gli occhi! Il secondo piano meno spettacolare, con lo studio, biblioteca e sale di rappresentanza più "spartane". Dopo circa un'ora la visita termina. Le stanze che ho preferito sono state le due ovali, luminosissime con il vasto giardino parato difronte! La sala delle porcellane cinesi, con le pareti ricoperte di splendide porcellane e la cappella con un affresco sul soffitto luminoso e colorato.

LEGGI ANCHE STREET ART A BERLINO

Ora tocca ai Giardini di Charlottemburg di fronte, l'ingresso è sul lato destro del castello, è libero, complice la magnifica giornata mi trovo innanzi ad uno spettacolo, secondo solo a Versailles per quanto mi riguarda. I giardini sono curatissimi, sembrano green per il golf (del resto anche gli altri giardini berlinesi sono tenuti in modo ineccepibile), c'è un piccolo lago, un canale della Sprea scorre su un lato, alberi ombreggianti, ponti e ponticelli, silenzio e gente che prende il sole. Rilassantissimo, peccato che non ho il tempo di sedermi per più di cinque minuti.

Camminando camminando si arriva di fronte un bell'edificio bianco, il Belvedere, tutto intorno prato inglese verde e luminoso, come primo impatto con Berlino non mi aspettavo questo panorama! Il tempo nel parco scorre veloce, sono impegnatissimo a fare foto e video, (alla fine del viaggio scatterò qualcosa come 450 foto e girerò 150 video circa, per un totale di oltre 3 ore di visione, grazie alla mia nuova memory da 8gb), si fanno presto le 18 e il mio programma prevede altro.

 


A malincuore me ne vado e mi incammino a piedi verso Kaiser Wilhelm Gedachtniskirche (la chiesa mozzata bombardata), durante il tragitto, di una mezz'ora, bevo la mia prima birra tedesca, una Berliner Pilsner, nulla di che, dopo le birre praghesi, irlandesi e belghe, ci vuole ben altro per impressionarmi.

Giunto a destinazione, mi sale un velo di tristezza, la chiesa è li in mezzo, semi distrutta, carica di storia, mi lascia per qualche attimo pensieroso. Il campanile e la chiesa nuova ai lati si contrappongono con il loro moderno vetro e acciaio alle mura decrepite di pietra della Gedachtniskirche, secondo me, lasciando un bell'effetto.

GUARDA ANCHE: ARMINIUSMARKTHALLE IL MERCATO COPERTO DI BERLINO REGNO DELLO STREET FOOD

Entro all'interno della Gedachtniskirche, c'è una piccola mostra fotografica che ricorda con delle bellissime foto ed illustrazioni i momenti cruciali della vita della chiesa dal bombardamento in poi. I mosaici sui soffitti sono sfatti, il pavimento spezzettato, le mura scorticate. Subito dopo entro anche nella chiesa moderna difronte, un interno spettacolare, più da night club a dire il vero con la luce blu diffusa nell'oscurità della sala poco illuminata.

La piazza circostante non è un granchè, troppo caos e troppo traffico, la zona è in espansione, ci sono operai al lavoro. Scendendo dalla piazza delle chiese, prendo la strada per Wittemberg Platz, supero l'Europa Center e dopo pochi minuti eccomi in piazza, la destinazione è il Ka De We, il grande magazzino. Una via di mezzo tra Harrods e El Corte Ingles, mi è piaciuto, piuttosto sobrio ma elegante, ordinato ed ovviamente tirato a lucido. La struttura è enorme, 7 piani, l'ultimo con ristorante panoramico, visito il 5° prendendo l'ascensore interno e il 7°. Nel 5° rosico un po' nella zona hi tech e al 7° mi godo una bella veduta di Wittemberg Platz e zona circostante dall'alto.

Continua a leggere...
Pagina Successiva »