Racconti di viaggio

Irlanda: in giro per l'isola verde

On the road con il nostro Paoluccio tra scogliere a picco sul mare, pub e ottima birra. Un tour dell'Irlanda da Dublino a Connemara.

autore: paoluccio
Zingaguida di Dublino

Offerte voli low cost
Voli Low Cost per Dublino

Grati a Ryanair e muniti di solo bagaglio a mano atterrano a Dublino verso sera.
Dopo aver consumato il primo timido irish pasto, ci dirigiamo verso il desk della Murray's dove ad attenderci c'è la sorridente signorina e soprattutto la splendente Micra Rossa con volante a destra.
Attorno all'aeroporto ci sono lavori stradali ovunque, particolare che arricchisce di pathos e bestemmie i miei primi chilometri di guida a sinistra.
Abbiamo prenotato una stanza in un albergo sulla Naas Road. Ci arriviamo con discreta difficoltà. La prima pioggia ci accoglie: ok siamo in Irlanda. Ci mettiamo a letto, la vacanza partirà domani.




Giorno 1


Ci svegliamo presto, paghiamo la stanza, saliamo in macchina, cerchiamo un posto dove fare colazione (thè e dolcino) e siamo fortunati perchè lì possiamo pagare anche la M50. Per chi non lo sapesse la M50 è una sorta di tangenziale di Dublino a pagamento senza casello. La tariffa (3 euri per le auto) si può pagare in benzinai-market-edicole convenzionati.

La prima tappa del nostro tour è Cill Chainnigh (Kilkenny), per la birra, ma anche perchè è stata capitale medievale. Arriviamo a metà mattina. Parcheggiamo facilmente, a pagamento. La cittadina è piccolina e si gira piacevolmente a piedi. Le tappe obbligate sono il castello con annesso parco e la Cattedrale con cimitero e abbondanza di croci celtiche.

La pioggia ci accompagna e ci rifugiamo nel Kyteler's Inn, un pub ex-stazione postale abitato nel 1300 da Alice Kyteler, una strega che scampò al rogo. Mangiamo. Eh sì, si mangia bene e tanto. 'Sti pezzi di carne enormi e ben cucinati, 'ste patate, 'sti contorni. Tutto buono. Nei pub d'Irlanda mangeremo benissimo per tutta la vacanza.

Ovviamente beviamo Smithwick's e Kilkenny. Mi vergogno a chiedere "a glass" per Loredana. Arrivano due pinte che berrò io senza pietà. Ripasseggiamo per Kieran's street perchè Loredana cerca un caffè, bontà sua. Si accontenterà di una pastarella ripiena di qualcosa che le durerà fino a Cill Airne (Killarney).




Il tragitto (circa 200 km), causa acquazzone persistente, è lungo e faticoso. Ma la terra verde è già nei nostri cuori. La guida a sinistra è sempre più piacevole. Mi abituo allle rotonde, a sorpassare i trattori, alle pecore sul ciglio della strada, ma ho ancora qualche difficoltà a svoltare a destra. Gli alberi a volte formano delle gallerie naturali, impermeabili, lucenti. Ecco un rivolo, un altro che magicamente attraversa la strada. La vegetazione è sempre più folta: chissà dove sto andando, poi la strada s'apre, sbuca un pub con tre case attorno, scompare alle spalle, ora una scuola, un cimitero. Continuo a chiedermi perchè questa normalità mi appare così meravigliosa. Anche fermarsi a far pipì dietro un albero è normale e meraviglioso.
Continua a leggere...
Pagina Successiva »