Idee di viaggio

La strana storia dell'isola maledetta della Gaiola

I napoletani la chiamano l'isola maledetta. Una volta era legata alla terra ferma ed ora si raggiunge con pochissime bracciate a nuoto. Un tour fotografico nel cuore della leggendaria isola e del suo macabro mistero.

LA GAIOLA, NAPOLI - La Gaiola è una piccola isola a due passi dalla costa di Posillipo, a Napoli.

L'isola, vicinissima alla terra ferma, si raggiunge a nuoto dalla spiaggia che si trova sotto al Parco del Virgiliano.

gaiola_1

(Foto: futureGalore / Shutterstock.com)  

Oltre ad essere un incredibile paradiso marino immerso in un parco archeologico sommerso, la Gaiola è uno dei posti più belli per andare al mare a Napoli ed anche un luogo di mistero, ammantato da un'ombra macabra.




STORIA DELLA GAIOLA - Nel XVII secolo viveva sull'isola della Gaiola un eremita soprannominato "Lo Stregone" che campava con l'elemosina dei pescatori.

Dopo la sua morte sull'isola fu costruita la bellissima villa, visibile anche oggi, che fu tra le altre, proprietà di Norman Douglas.

Negli anni '20 del '900 l'abitazione fu dello svizzero Hans Braun, trovato morto e avvolto in un tappeto; poco tempo dopo la moglie annegò in mare.

La tragica sorte degli inquilini della villa continua con il tedesco Otto Grunback, che morì d'infarto in casa.

isola-gaiola-napoli


Una sorte simile toccò all'industriale Maurice-Yves Sandoz che morì suicida in un manicomio in Svizzera e poi al barone Paul Karl Langheim, trascinato sul lastrico dalle feste che organizzava alla Gaiola.

In ultimo l'isola è appartenuta a Gianni Agnelli che subì la morte di molti familiari e a Paul Getty il cui nipote fu sequestrato in quegli anni. La storia finisce con Gianpasquale Grappone coinvolto nel fallimento della sua società di assicurazioni "Colombo".

GUARDA ANCHE: LE SPIAGGE PIU' BELLE DELLA CAMPANIA

gaiola-parco

gaiola-parco-sommerso

 "Parco Sommerso di Gaiola" è semplicemente il nome dell'Area Marina Protetta che si estende dal Borgo di Marechiaro fino alla Baia di Trentaremi. La zona a cui si accede attraverso le citate scalette è la Zona di Riserva Integrale dell'Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola, che come scritto ha un estensione molto maggiore interessando anche la stessa spiaggetta e porticciolo della Gaiola che invece fanno parte della Zona di Riserva Generale. Da quanto si legge, invece, sembra che attraverso le scalette si accede all'Intera Area Marina Protetta, mentre invece si accede solo alla zona di massima protezione che quindi ha una specifica regolamentazione per l'accesso. A proposito della regolamentazione, da voi opportunamente citata, un'altra piccola precisazione riguarda il fatto che non è corretto scrivere che è vietato bere e mangiare, piuttosto è vietato introdu

Oggi l'isola, con villa annessa, è diventata proprietà della Regione Campania.

Dalla spiaggetta, percorrendo alcune scale, si accede all'area marina protetta Parco Sommerso della Gaiola (è necessario rilasciare un documento all’ingresso). Qui la sabbia lascia il posto alla scogliera selvaggia, praticamente di fronte ai due isolotti uniti dal ponticello.

Nell'area protetta non è possibile introdurre cibi e bevande ed è permesso l'accesso a massimo 100 persone insieme.

PARCO SOMMERSO DI GAIOLA - La costa di Posillipo era in epoca romana una zona residenziale dove si ergevano le ville più belle. Una di queste è la villa di Pausylipon (con vista sulla Gaiola). I resti delle ville marittime, le maestose cave di tufo, gli approdi e i ninfei sono oggi visibili sulla costa e sotto il livello del mare a causa del bradismo (abbassamento della costa terrestre tipico di queste zone).

GUARDA ANCHE: BAIA, IL PARCO ARCHEOLOGICO SOMMERSO DI BACOLI




COME ARRIVARE ALLA GAIOLA -
L’area della Gaiola va dallo scoglione di Marechiaro alla Baia di Trentaremi, sotto il parco archeologico di Pausilypon (dove si trova la grotta di Seiano).

La spiaggia libera si raggiunge dal Parco Virgiliano (Posillipo) muovendosi verso Coroglio, dove è possibile parcheggiare prima dell’ingresso alla Discesa Gaiola.

DISCESA GAIOLA - La Discesa della Gaiola passa attraverso villette e verde con lunghe rampe di scale che scendono direttamente alle acque limpide e perfette della Gaiola.