Idee di viaggio

L'abbazia divina lungo il cammino di San Michele

Un'abbazia ad un'altezza divina che veglia sulla Val di Susa e che si erge lungo il cammino di San Michele, dalla Normandia alla Puglia.

SACRA DI SAN MICHELE, ABBAZIA - In Val di Susa (Piemonte) c'è una Abbazia arroccata a 1000 metri di altezza che veglia su tutta la valle e che il poeta Clemente Rebora definì un "culmine vertiginosamente santo".

La Sacra di San Michele è un colosso di pietra grigia con una facciata alta più di 40 metri che si staglia contro il blu intenso del cielo.

L'Abbazia è stata fondata tra i 983 e il 987 su un picco del Monte Pirchiriano sulle Alpi Cozie.ù

GUARDA ANCHE: L'ABBAZIA DI FOSSANOVA

sacra

sacra-san-michele-val-di-susa

Sacra di San Michele

Una foto pubblicata da antonioo (@antonioogalaxy) in data: Ott 10, 2014 at 5:23 PDT

GUARDA ANCHE: UNA ROCCA SOLITARIA IN ABRUZZO

In pochi sanno che questa bellissima abbazia, che in determinate condizioni atmosferiche spunta luminosa da una coltre di nuvole, fa parte di un percorso religioso che va da Mont Saint-Michel in Francia e arriva a Monte Sant'Angelo in Puglia.

sacra-san-michele_1

sacra-san-michele-dintorni-torino

GUARDA ANCHE: COSA VEDERE A TORINO

Il pellegrinaggio passa per luoghi di culto dedicati all'Arcangelo Michele, disseminati in oltre 2000 km di cammino attraverso l'Europa.

Un fine settimana all'insegna dei simboli del #piemonte #sacrasanmichele

Una foto pubblicata da Meowni (@monicutz) in data: Set 9, 2014 at 12:55 PDT

 

#sacrasanmichele#avigliana#notte

Una foto pubblicata da Luca Giurleo (@lucisluke2180) in data: Set 9, 2014 at 12:15 PDT

 

#sacrasanmichele#guardiano#romanico #church #chiesa #italia #sanmichele#picoftheday #ig_italia

Una foto pubblicata da Irma Stropeni (@irmastrop) in data: Set 9, 2014 at 1:27 PDT

 

La Sacra di San Michele è uno scrigno d'arte: le rovine del cimitero precedenti all'anno 1000, gli scaloni del XII secolo, il Portale Romanico scolpito con bassorilievi ispirati allo Zodiaco e le opere di pittori del '500 e del '600.

Se la Sacra di San Michele suggerisce con la sua severa maestosità che nessuno può essere come Dio, di certo, come notava un cronista dell'XI secolo, è possibile contemplare la divina maestà solo avvicinandosi in prossimità dell'abbazia.