Idee di viaggio

I borghi più belli in Umbria

La selezione dei piccoli centri dell'Umbria appartenenti al circuito dei Borghi più belli d'Italia

Piccoli centri, paesini con viuzze e casette di pietra dove la vita scorre lenta e dove la cucina tradizionale è semplice e gustosa. Vi portiamo alla scoperta dei borghi più belli in Umbria e dei motivi per cui vale la pena visitarli.

Quali sono i borghi più belli da visitare in Umbria?

Bevagna è un delizioso paesino medievale con le stradine strette. Dopo aver fatto una passeggiata lungo il caratteristico centro storico, fate una sosta per assaggiare la bontà dei piatti al tartufo e le specialità della cucina umbra come il Sagrantino Docg, coltivato anche nel territorio dell'antica Mevania, come attestano persino Giovenale e Plinio.

borghi-piu-belli-in-umbria

(Foto: ermess / Shutterstock.com)

Castigione del Lago è invece una fortezza medievale che guarda al Trasimeno. La prima cosa che catturerà la vostra attenzione sarà l'imponente Palazzo della Corgna collegato alla Rocca medievale da un percorso che si snoda lungo le mura. Fermatevi a mangiare la specialità della zona, la regina in porchetta, carpa cotta al forno, insaporita con finocchio, aglio, pepe e sale.

LEGGI ANCHE: COSA VEDERE TRE GIORNI IN UMBRIA

Corciano - Secondo un’antica leggenda questo paese è nato grazie a Coragino, il mitico compagno di Ulisse. Non perdete una visita alla chiesa di Santa Maria Assunta che custodisce due capolavori: l'Assunta dipinta dal Perugino nel 1513 e il Gonfalone di Benedetto Bonfigli datato 1472.

GUARDA ANCHE: BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA

Norcia invece non è solo un borgo ma è un vero e proprio paradiso enogastronomico dove potrete assaggiare tartufo nero pregiato, la lenticchia di Castelluccio (la migliore d'Italia) e il prosciutto, i salumi e i formaggi della norcineria, il farro e il miele.

norcia-borghi-umbria

(Foto: maudanros / Shutterstock.com)

Piciano è un delizioso paese protetto da una cinta muraria trecentesca lunga circa 600 metri in cui sono incluse otto torri e tre porte di accesso, la Fiorentina, la Perugina e la Rastrella.


Cosa vedere in Umbria: guida ai piccoli centri

Poche casette, quasi tutte vuote ormai fanno da sfondo al delizioso paesino di Montecastello di Vibio dove merita una visita il Teatro della Concordia una inestimabile struttura di appena 99 posti tra i palchi e la platea, progettato in pieno clima post rivoluzionario francese del 1789. Nel corso del 2002 il teatro è stato celebrato anche dalle Poste italiane attraverso l’emissione di un francobollo nella sezione “patrimonio artistico e culturale italiano”. Qui le informazioni per visitarlo.

In provincia di Perugia fate visita al piccolo paese di Massa Martana e dirigetevi verso l'Abbazia di San Fidenzio e Terenzio e la vicina Chiesa di Santa Illuminata. Una volta qui non potrete non fare scorta di Nociata, torrone fatto con noci, miele, albumi d’uovo, bucce d’arancia e poi avvolto in foglie d’alloro, creata nel caffè Caffè Ranucci ad opera di un cameriere ritornato da Copenaghen.

Palazzo dei Duchi Mattei sovrasta l’antico borgo di Giove. Il castello ducale si trova su una antica roccia che domina la città. Si narra che il castello abbia 365 finestre, una per ogni giorno dell’anno. Poco distante dal belvedere c’è la Porta d'ingresso al borgo medievale, fatto di stradine strette e case addossate, speroni di mura, archi e portali in pietra.

Il Castello di Giove

Una foto pubblicata da 📷 Dede' 🐱😻💞💕 (@dede_many) in data: 9 Ott 2016 alle ore 12:50 PDT

 

Vallo di Nara è un paese con mura possenti e antiche torri che circondano le case in pietra che sono addossate le une alle altre e sono interrotte da ripide viuzze, archi e sottopassaggi. Due porte simmetriche, Portella e Portaranne, permettono l'accesso al paese-castello, dove il transito è consentito solo ai pedoni.

Citerna conserva ancora nella cinta muraria, nei camminamenti medievali e nell’acropoli sovrastante il borgo, la sua struttura difensiva. Fermatevi ad assaggiare del vinsanto, passito tipico umbro, un vino potente, ottenuto da uve scelte raccolte da vigne vecchie attaccate sulla soffitta fino a Natale per appassire.

Merita una sosta anche Stroncone, dalla cui porta principale si diramano due stradine, prendete quella dedicata a Sebastiano Vici per la bella atmosfera che si respira attraversandola. Dopo una visita alla città, fate scorta, di vini e formaggi prodotti nella zona.

GUARDA ANCHE: POSTI BELLI DA VISITARE IN ITALIA

Cosa mangiare in Umbria

In Umbria è d'obbligo fermarsi per un pasto in una delle tipiche trattoria dove dovrete assolutamente assaggiare pasta fatta in casa, salumi, formaggi, carne alla brace, legumi e cereali, tutto annaffiato da ottimo vino rosso. 

 

Vedi le foto: I borghi più belli in Umbria