Zingarate

I musei di Istanbul, il Museo di Pera

1480598_10152047799897597_1894540379_n

E’ tra i miei musei preferiti: perché è esempio virtuoso di museo privato, perché ha delle collezioni entusiasmanti, perché è ospitato da un edificio splendido, perché la programmazione di mostre ed eventi culturali è allettante. Si trova a Beyoğlu, sulla sponda europea: la vecchia Pera cosmopolita, da cui prende il nome; più precisamente a Tepebaşı, a pochi passi da Casa d’Italia (sede dell’istituto italiano di cultura, di un teatro, della Camera di commercio italo-turca). Il museo ha aperto nel 2005, ha preso il posto dell’hotel Bristol: la facciata neoclassica è…» leggi tutto

  • 2 Commenti

    Le librerie di Istanbul, Akmar Pasajı

    Akmar

    Ho storicamente speso una parte consistente dei miei soldi in libri: soprattutto saggi di storia e di politica internazionale, romanzi quasi esclusivamente storici (e prevalentemente in inglese e francese: in italiano, ultimamente, ho letto solo quelli del mio amico Antonio Pennacchi). Avendo vissuto qualche tempo fa a Parigi, vi ho sperimentato un vero Bengodi: librerie straripanti di volumi d’occasione (semi-nuovi, a prezzo ridotto), un invito ad accaparrarsene sempre di più. E una delle piacevoli scoperte di Istanbul è stata quella di ritrovare lo stesso sistema, i sahaf: rivendite di libri» leggi tutto

    1 Commento

    Le bevande di Istanbul, il caffè turco (e l’Unesco)

    647-kahve-bayrak.nasil-neden-nicin

    Tranne rare e motivate eccezioni, io non bevo caffè. Sì, sì, me lo sono sentito anche dire: “ma che razza di italiano sei?” Il suo gusto però non m’intriga, poi per principio sono contrario a sostanze stimolanti/dopanti; d’altra parte, sono appassionato di tè: ma esclusivamente per la varietà infinità delle fragranze, non in quanto sveglia supplementare. Ovviamente, parlo di caffè tradizionale: le brodaglie, gli americani possono tenersele! Questo preambolo per dire: non sono un esperto, anche quello turco l’avrò bevuto quattro o cinque volte. Però ne parlo, eccome se ne…» leggi tutto

  • 2 Commenti

    Le bevande di Istanbul, il vino (Suvla)

    Suvla

    In Turchia purtroppo manca la “cultura del vino”: già le bevande alcoliche non sono particolarmente diffuse (anche a causa di restrizioni esagerate nelle condizioni di vendita: ne ho parlato qualche mese fa), tra i consumatori abituali in ogni caso dominano i fanatici del rakı che accompagna cene a base di pesce e meze (antipasti di straordinaria varietà e bontà). Sono rimasto sconvolto, ad esempio, quando nei ricevimenti delle conferenze internazionali – quelle importanti, con ministri e ricconi – mi sono ritrovato il cameriere che si aggirava per i tavoli con» leggi tutto

    2 Commenti

    Lo shopping a Istanbul, il “mercato delle donne” di Fatih

    kad_nlar_pazar_

    Due settimane fa ho raccontato la mia esperienza – non particolarmente entusiasmante – al “mercato del mercoledì” nel quartiere di Fatih, al centro della penisola storica: ma mi sono reso conto di aver scritto una sciocchezza. Ho fatto infatti confusione, sostenendo che quel gigantesco mercato settimanale – il Çarşamba pazarı (“mercato del mercoledì” per l’appunto) – è anche noto come “mercato delle donne”, kadınlar pazarı; in realtà, si tratta di due mercati separati, diversissimi tra loro per caratteristiche anche se piuttosto vicini: e a mia discolpa c’è il fatto che…» leggi tutto

    1 Commento

    I libri su Istanbul, Les Désenchantées (di Pierre Loti)

    Default_2x.225x225-75

    L’ho letto un paio di settimane fa, ma avevo deciso di non parlarne sul blog: per il semplice fatto che del romanzo Les Désenchantées (“Le disincantate”) di Pierre Loti non è mai stata fatta una traduzione in italiano; però, ho scoperto che è appena uscita – praticamente un secolo dopo la precedente – quella dell’altro romanzo di ambientazione istanbuliota dello scrittore francese, Aziyadé: se non hanno messo in programma quella di Les Désenchantées, magari provo a sollecitarli anche io. E ne varrebbe la pena, si tratta di un lavoro più…» leggi tutto

  • 1 Commento

    Lo shopping a Istanbul, Taze e l’olio d’oliva Tariş

    icsatislar_1

    Per ovvie ragioni climatiche e storiche, la Turchia è tra i più grandi produttori mondiali di olive e di olio; anche se, in effetti, la coltivazione è concentrata sulla costa occidentale: nel resto del paese – soprattutto all’interno – neanche il consumo è diffusissimo e prevale invece il burro. In ogni caso, non c’è il culto dell’olio che c’è dalle mie parti in Italia: le sfide a chi serve quello più genuino – praticamente autoprodotto – ai propri commensali, per non parlare dei vari DOP e IGP; l’approccio turco: olio» leggi tutto

    1 Commento

    I ristoranti di Istanbul, Hanegah

    466068_414940528537593_1698701915_o

    Hanegah non è in effetti un vero e proprio ristorante: ma è un posto delizioso e autenicissimo in cui assaggiare delle specialità culinarie turche, della regione del mar Nero. Si trova a Fatih, poco lontano dall’omonima e grandiosa moschea: in una piazzetta che era in epoca ottomana un mercato dei cavalli – come testimonia un’eloquente scultura rampante – e oggi è un punto di ritrovo fitto di caffè alla moda. E Hanegah, casa di legno su tre piani (all’ultimo ci vive la famiglia che lo gestisce) e tavolinetti all’aperto, è…» leggi tutto

    2 Commenti

    Le altre 10 cose da (assolutamente) fare a Istanbul

    1454679_368596303287002_1452201346_n

    Il mio post finora più seguito è: Le 10 cose da (assolutamente) fare a Istanbul, con 24 mila visualizzazioni in circa 8 mesi; e anche gli altri decaloghi – sulle cosa da non fare, vedere e non vedere – sono nelle primissime posizioni della speciale classifica: dopotutto queste formule – cosa fare e/o vedere a istanbul, in x giorni – sono tra le più gettonate nei motori di ricerca. Ho pensato allora di rilanciare, di scrivere altri decaloghi per raddoppiare i miei consigli.

    LEGGI ANCHE: Le 10 cose da (assolutamente)» leggi tutto

    1 Commento

    Gli italiani di Istanbul, Appuntamento col cinema italiano 2013

    1425590_683292308369856_244683821_n

    A volte sono critico con le attività dell’Istituto italiano di cultura di Istanbul, soprattutto quando manca un filo conduttore e programmazione; però, c’è solo da applaudire quando vengono lanciate rassegne – con attenzione alla qualità e alle novità – che si protraggono nel tempo, acquisendo sempre più visibilità e spettatori. E’ il caso dell’Appuntamento col cinema italiano, nel 2013 arrivato alla quarta edizione: dal 29 al 5 novembre, 7 recentissimi film – sull’Italia di oggi – che hanno partecipato e avuto premi e riconoscimenti nei più importanti festival; la formula…» leggi tutto

    1 Commento