Idee di viaggio

Un pilota ci spiega cosa succede veramente durante una turbolenza in volo

Se avete paura di volare, la prima preoccupazione che avrete sarà per le possibili turbolenze in volo

Turbolenza in volo VOLARE Shutterstock
/5

Turbolenza in volo | Cos'è una turbolenza? Come si affronta? Un pilota ci spiega cosa succede veramente durante una turbolenza. 

La turbolenza è sicuramente la prima preoccupazione per chi ha paura di volare. Per certi versi questa paura potrebbe essere giustificata se immaginate un aereo in balia di una tempesta, che magari perde quota. Se a questo ci aggiungete i film che mostrano scene drammatiche in volo, la preoccupazione salirà esponenzialmente. Per fortuna, la realtà è molto meno allarmistica e preoccupante.


LEGGI ANCHE: PAURA DI VOLARE

Infatti, salvo rarissime condizioni, una turbolenza non è mai vista come un evento pericoloso. Si tratta soprattutto di un fastidio.  
Cosa succede esattamente su un volo quando questo accade? Ce lo rivela il pilota Patrick Smith, in un articolo pubblicato da Business Insider. 

Se siete in cerca di rassicurazioni la prima cosa che dovete sapere è che le turbolenze sono fenomeni normali. "Su ogni volo ogni giorno si incontrano un certo numero di turbolenze, che possano causare la caduta del caffè a terra o il riversamento di prodotti in cambusa, afferma il pilota, aggiungendo che "dal punto di vista di un pilota, le turbolenze sono qualcosa di normale, non un problema di sicurezza. Sono fastidiose ma non sono pericolose".

turbolenza_edited-1


Potete stare tranquilli perché "sono rari i casi in cui ci possono essere problemi al punto tale che i passeggeri possano ferirsi o ancor più raramente che i componenti aeronautici possano essere danneggiati. Mettetela così, afferma il pilota "del piccolo numero di passeggeri feriti ogni anno a causa delle turbolenze, si può dedurre che nella maggior parte dei casi si tratta sono persone che non avevano le cinture di sicurezza allacciate, quando avrebbero dovuto farlo".


Alla domanda se le turbolenze possono arrivare, inaspettatamente, dal nulla, la risposta è Sì. I piloti ricevono meteo e previsioni sulle possibili turbolenze prima del volo. Secondo quanto afferma il pilota "una volta in volo riceviamo periodici bollettini da parte dei meteorologi a terra. Abbiamo un radar meteo nella cabina di guida, in modo da monitorare la situazione e, nel caso, evitare le situazioni peggiori. E, forse più utile di tutti, riceviamo segnalazioni in tempo reale dagli aerei vicini. Con tutti questi strumenti a nostra disposizione, riusciamo ad avere una buona percezione di quando e quanto forte può essere una turbolenza. Ma ogni tanto però le turbolenze arrivano senza preavviso. Quasi sempre si tratta di un lieve fastidio, ma il suggerimento è di avere sempre le cintura allacciate, quando ve lo impongono, anche quando le condizioni sembrano tranquille".

LEGGI ANCHE: LA PLAYLIST PER DISTENDERE I NERVI 

Nella storia dell'aviazione civile moderna, non c'è stato un solo aereo caduto a causa di una turbolenza (forse ci sono stati uno o due casi di incidenti poco più seri), quindi spavento a parte, dovete sapere che "gli aerei sono progettati per resistere a una quantità estrema di stress e sono testati per sopportare turbolenze estreme, che non possono, per esempio, strappare un'ala del velivolo". Certo, la sensazione del passeggero è che l'aereo stia colando a picco, ma la realtà è che gli aerei sono invece abbastanza stabili. 

Ma cosa succede nella cabina di pilotaggio durante una turbolenza? Dimenticate scene epiche di piloti che premono disperatamente i comandi, magari tenendo le mani sudate sul volante, con ansia e tensione.

"Gli aerei sono progettati secondo ciò noi chiamiamo stabilità positiva che consiste nel fatto che se un aereo si sposta da suo punto originario nello spazio, per sua natura, tenderà a ritornarci". Il modo migliore di gestire la turbolenza è quella di uscirne fuori". "L'equipaggio quindi non è alle prese con una bestia, una delle cose peggiori che un pilota potrebbe fare nel caso di forte turbolenza è cercare di combatterla", afferma Patrick Smith, "alcuni piloti automatici hanno una modalità speciale per gestire queste situazioni, che operano de-sensibilizzando il sistema".

turbolenza-aereo


LEGGI ANCHE:  IL DECALOGO PER VIAGGIARE IN SALUTE

Nel caso vi troviate a leggere notizie di voli con turbolenza, diffidate da quello che raccontano i passeggeri, quando ci sono notizie su turbolenze in aereo. "Senza offendere la capacità di osservazione di nessuno, afferma il pilota "le persone hanno la terribile abitudine di travisare ed esagerare le sensazioni del volo, specie se hanno paura. Anche in casi in cui i vuoti d'aria sono irregolari, durante quelle che il pilota potrebbe chiamare "turbolenze moderate ", un aereo raramente si sposta a più di 20 metri in altezza".


Le turbolenze continueranno ad aumentare a causa dei cambiamenti climatici, ecco cosa afferma al riguardo Patrick Smith "Forse, le turbolenze tenderanno ad aumentare, ma nel frattempo voglio ricordare che le flotte di aeromobili di linea in tutto il mondo è più che raddoppiato, negli ultimi 20 anni, e continua a crescere sempre di più. E' ovvio che, se sale il numero dei voli, potrebbe aumentare anche il numero di incidenti, indipendentemente dalle variazioni delle condizioni atmosferiche".

Se volete sapere tutto sulle turbolenze, non vi resta che leggere il post del pilota Smith su askthepilot.com.
Scopri