Idee di viaggio

Green Pass, il Certificato Europeo per viaggiare: quando arriva e come funziona

Tutto quello che devi sapere sul certificato per viaggiare in Europa

 Eu Digital Covid Certificate COVID PASS Shutterstock
5/5

Si chiama Eu Digital Covid Certificate ed è il pass europeo per viaggiare in sicurezza durante la pandemia da Covid-19. Arriverà il 1 luglio 2021 e sarà disponibile sull'App IO, l'applicazione della Pubblica Amministrazione, e sull'app Immuni.

Il Pass Europeo consentirà i viaggi e gli spostamenti liberi in tutta Europa. Come funziona? Ecco tutto quello che devi sapere. 

Green Pass Europeo 

Il Certificato COVID digitale dell'UE è passato al voto, ottendendo il via libera definitivo. Sarà disponibile a partire dal 1 primo luglio e avrà validità un anno. Il certificato digitale Covid dell'UE, sarà utilizzato da tutta l'UE oltre che dall'Islanda, dal Liechtenstein, dalla Norvegia e dalla Svizzera. Chi ha diritto al certificato e come si ottiene? Ecco tutto quello che dovete sapere per viaggiare in sicurezza in Europa. 

Che cos'è l'EU Digital Covid Certificate ?

È un cerificato emesso dalle autorità nazionali e permetterà ai cittadini europei di muoversi liberamente in Europa. Così come il certificato per viaggiare in Italia tra regioni di diverso colore, il Certificato Europeo conterrà le seguenti informazioni:

  • Aver concluso il ciclo vaccinale o aver ricevuto la prima dose (con vaccini approvati dall'EMA)
  • Essere guariti dal Covid-19
  • Aver effettuato un tampone negativo prima della partenza

 

Sarà digitale o cartaceo?

L’Eu Digital Covid Certificate sarà disponibile sia in formato digitale che cartaceo e sarà dotato di un QR code che conterrà tutte le informazioni utili. 

Come funziona?

Ogni certificato conterrà un codice QR e una firma digitale verificata tramite il gateway dell'UE. Potrà essere sia in formato digitale che cartaceo. Il personale di frontiera eseguirà la scansione del codice QR per verificare le informazioni necessarie. 

Quando parte?

Il programma inizia ufficialmente il 1 luglio. Alcuni paesi lo stanno già utilizzando e sono: Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Grecia, Lituania, Polonia e Spagna. 

Si deve essere completamente vaccinati o basta una dose?

Non necessariamente: il certificato registrerà anche chi ha solo una dose: saranno i singoli Stati membri decidere se il certificato è valido solo con una dose di vaccino. 

Tipi di Vaccino

Qualora una persona presenti un certificato di vaccinazione rilasciato per uno dei vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA), gli Stati membri saranno obbligati ad accettarlo al fine di agevolare la libera circolazione. 

La normativa proposta offre agli Stati membri la possibilità di accettare certificati di vaccinazione rilasciati per vaccini che siano stati autorizzati a livello nazionale o che abbiano completato l'iter previsto per l'inserimento nell'elenco per l'uso di emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Tipi di test

Soltanto i test PCR e i test antigenici rapidi saranno accettati come prova del risultato negativo a un test.

Soltanto i test PCR saranno accettati come prova di guarigione. I test antigenici rapidi, i test sierologici o altri metodi convalidati potrebbero essere accettati successivamente, se si avranno dati scientifici a disposizione.

Per maggiori informazioni visitate https://www.consilium.europa.eu

Qual è la sua validità? 

La validità dipende dal tipo di certificato. In caso di guarigione vale per sei mesi (dall'avvenuta guarigione). Per chi presenta un tampone negativo, il certificato ha una validità di quarantotto ore dall'esecuzione del test per chi presenterà un test rapido (se accettato dal paese) e 72 ore per chi presenterà il tampone molecolare.

Per i vaccinati il certificato sarà disponibile dal 15esimo giorno dalla prima dose. Dopo la seconda dose avrà una validità di 9 mesi.

Dove si trova?

In Italia sarà disponibile, gratuitamente, sulle APP io e Immuni. 

Foto: © Michele Ursi / Shutterstock.com

Scopri