Idee di viaggio

Perché il Boeing Malaysia Airlines potrebbe essere scomparso

Cosa è accaduto al volo Malaysia Airlines? Ecco la ricostruzione dei fatti e gli scenari più probabili

/5
Del volo MH370 della Malaysia Airlines diretto a Pechino, e con a bordo 239 persone, non se ne sa ancora nulla, l'aereo sembra davvero essere sparito nel nulla.

Sempre più insistente l'ipotesi dirottamento per il volo della Malaysian Airlines, scomparso la scorsa settimana. Secondo il premier malese Najib Razak, si tratta di  un'"azione deliberata" effettuata da un pilota molto esperto."L'aereo, ha detto il premier, è rimasto in volo per altre sette ore dall'ultimo contatto con la torre di controllo". Gli ultimi dati satellitari che hanno rilevato che "il volo è rimasto in volo fino a sei ore e mezza dal decollo".

Il premier ha inoltre precisato di non poter accertare che si sia trattato di un dirottamento e di non sapere dove si trovi in questo momento il velivolo affermando che L'aereo non è scomparso, è stato dirottato
"Malgrado le notizie di stampa secondo cui l'aereo è stato dirottato, voglio essere molto chiaro sul fatto che stiamo ancora indagando su ogni possibilità per stabilire cosa sia stato a far deviare il volo dalla sua rotta originaria".

E se nei giorni scorsi si faceva sempre più insistente la voce dell'attacco terroristico, per via dei passaporti rubati a un cittadino austriaco e a un italiano, oggi questa ipotesi è sempre più remota. Questo infatti quello che afferma l’Interpol che afferma che dietro la vicenda dei documenti rubati c'è traffico di esseri umani. Gli uomini identificati, di origine iraniana, nomn avrebbero alcun legame con gruppi terroristici e avrebbero usato i documenti falsi per espatriare.

LEGGI ANCHE: TUTTE LE NOZIE DALLA RETE SUL JET MALAYSIA AIRLINES SPARITO NEL NULLA

Secondo quanto afferma Scott Mayerworitz di Associated Press, quello che è accaduto a bordo del volo MH370 "è avvenuto velocemente, da non lasciare ai piloti il tempo di effettuare una chiamata di soccorso". Gli investigatori potrebbero impiegare mesi, se non anni, per scoprire cosa è successo al Boeing 777 della Malaysia Airlines.MH370 è partito dal Kuala Lumpur International Airport, l’aeroporto di Sepang alle 00:41 ora locale dell’8 marzo ed era diretto a Pechino, in Cina, dove sarebbe dovuto atterrare alle 6:30 del mattino. Dopo un'ora di viaggio si perdono i contatti e da allora la compagnia non è riuscita più a comunicare con l'equipaggio e nessun dipositivo di emergenza a bordo è riuscito a segnalare la posizione del velivolo. L'aereo è sparito dai radar quando sorvolava il tratto di mare circondato dalle coste di Malesia, Thailandia, Cambogia e Vietnam. Non è escluso che, l'aereo stesse compiendo una manovra per tornare indietro, prima di sparire nel nulla.



Dalle prime ricerche sono state individuate delle chiazze d'olio e combustibile nel Golfo compatibili con quelle che lasciano gli aerei in caso di incidente in mare, ma un funzionario malese ha affermato che non proviene dall'aereo scomparso. Ci chiediamo allora cosa sia successo al volo MH370  visto che non ci sono state segnalazioni di guasti, emergenze o mayday da parte dei piloti. C'è da dire che gli incidenti aerei si verificano maggiormente durante le fasi di decollo ed atterraggio, quando il velivolo è soggetto a forte stress e raramente si verificano incidenti quando l'aereo si trova in assetto da crociera, la fase del volo più tranquilla, che consente agli assistenti di volo di svolgere il servizio di bordo e ai passeggeri di alzarsi o svolgere attività consentite dall’equipaggio di cabina (fase in cui si trovava il volo Malaysia).

Secondo una rilevazione statistica effettuata da Boeing solo il 9 per cento degli incidenti mortali avviene quando un aereo è in questa modalità di volo. Ricordiamo anche che il velivolo scomparso è un Boeing 777, un velivolo che detiene uno dei migliori record di sicurezza nella storia dell'aviazione, infatti secondo
John Goglia dell'U.S. National Transportation Safety Board,
"è uno degli aerei più affidabili mai costruiti".

Resta quindi l'ipotesi che a bordo sia accaduto qualcosa di veloce ed improvviso, e questo forse, lo dimostrerà il campo dei detriti, una volta ritrovati. Se sarà un vasto campo, sparso su decine di chilometri, allora l'impatto sarà avvenuto mentre il Boeing si trovava ad alta quota.



Guasto ai motori, danni alla fusoliera, dirottamento? Ancora si brancola nel buio e non ci sono prove. Scott Mayerworitz di Associated Press ha analizzato per Business Insider gli scenari più probabili che potrebbero portare alla scomparsa del velivolo.

- Catastrofico Cedimento strutturale "La maggior parte degli aeromobili sono in alluminio che è soggetto a corrosione nel corso del tempo, specie in ambienti molto umidi. Ma vista l'efficienza della compagnia e gli elevati standard di sicurezza, gli esperti affermano una rottura della struttura dell'aeromobile è un evento piuttosto remoto. I momenti del volo in cui possono verificarsi incidenti, quando viene minacciata l'integrità del velivolo, sono quelli della fase di pressurizzazione e depressurizzazione della cabina, per il decollo e l'atterraggio. Ad aprile 2011, Boeing 737 di Southwest Airlines ha effettuato un atterraggio di emergenza poco dopo il decollo da Phoenix per via di danni alla fusoliera. L'aereo, con 118 persone a bordo, è atterrato in tutta sicurezza. Ma tale rottura è meno probabile per un Boeing 777, visto che questo tipo di velivolo vola su lunghe distanze facendo pochi atterraggi e decolli".

LEGGI ANCHE: UN PILOTA CI SPIEGA COSA ACCADE DURANTE UNA TURBOLENZA IN VOLO

- Condizioni atmosferiche "Gli aerei sono progettati per volare durante le tempeste. Tuttavia, nel giugno 2009, un volo Air France da Rio de Janeiro a Parigi si è schiantato durante un forte temporale sopra l'Oceano Atlantico per colpa di un errore del pilota.  Le condizioni atmosferiche durante il volo Malaysia Airlines erano nella norma e non sono state segnalate anomalie lungo la rotta".

-
Disorientamento spaziale del pilota "I piloti si sarebbero accorti troppo tardi di essere usciti dalla rotta perdendo così il controllo dell’aeromobile circistanza improbabile visto che i radar avrebbero potuto intercettare il Boeing, anche se questa eventualità non ancora esclusa".

- Guasto ai motori "Nel gennaio 2008, un Boeing 777 British Airways si è schiantato a 300 metri prima della pista a Heathrow di Londra. Mentre l'aereo stava per atterrare, i motori hanno perso slancio a causa di accumulo di ghiaccio nel sistema di alimentazione. Non ci sono state vittime. La perdita di entrambi i motori è una causa possibile, ma i piloti avrebbero avuto tempo di effettuare la chiamata d'emergenza segnalando l'anomalia".

- Una Bomba: Diversi aerei sono stati abbattuti da una bomba, come il volo Pan Am 103 tra Londra e New York nel dicembre 1988.

- Dirottamento: "Improbabile l'ipotesi di un un dirottamento classico visto che i dirottatori di un aereo solitamente hanno qualche tipo di richesta, mentre un dirottamento come quello dell'11 settembre è plausibile, i terroristi  avrebbero potuto costringere i piloti a cadere nell'Oceano".

- Suicidio del Pilota: Ci sono stati due incidenti nel corso degli anni 90, un volo SilkAir e uno EgyptAir che si ritiene siano stati causati deliberatamente dai piloti.
 
Ultimo il caso dell'abbattimento per errore. E' accaduto nella storia dell'aviazione militare commettere errori ai danni di voli civili come "nel luglio 1988, quando un missile della Marina Statunitense ha abbattuto un volo Iran Air, uccidendo tutti i 290 passeggeri e l'equipaggio. Nel settembre 1983, un volo Korean Air Lines è stato abbattuto da un caccia russo, per errore".

Anche se alcuni esperti hanno paragonato l’improvvisa perdita di contatti con il volo MH370 con l'incidente al volo Air France 447, non si ha ancora alcuna informazione o prova che possa far supporre quale siano state le cause dell'incidente.

Scopri