Idee di viaggio

Per andare in vacanza in Grecia è necessaria un'autocertificazione

Ecco cosa sapere e quali documenti utilizzare

Santorini MARE Shutterstock
5/5

State pianificando un viaggio in Grecia? Partirete per una delle isole più belle? Ci sono delle informazioni che dovete sapere. A partire dal 1° luglio 2020, il governo greco ha introdotto specifiche procedure di ingresso. 

Per entrare in Grecia è necessario compilare un'autocertificazione il Passenger Locator Form (PLF).

Tutti i viaggiatori sono tenuti a completare il proprio PLF almeno 48 ore prima di entrare nel paese, fornendo informazioni dettagliate sul loro punto di partenza, sulla durata dei soggiorni precedenti in altri paesi visitati e sull'indirizzo di soggiorno in Grecia. A questo link trovate le regole per andare in vacanza in grecia questa estate

Viaggiare in Grecia, cosa serve?

Una volta arrivati in Grecia i passeggeri dovranno recarsi nell'area in cui si trova il personale addetto allo screening e controlla l'esclusivo codice di risposta rapida (QR), generato dall'autocertificazione, che ciascun passeggero può mostrare dallo schermo del suo cellulare o dal modulo QR stampato.

Il personale addetto allo screening indirizzerà i passeggeri, a seconda del loro codice QR, verso l'area di screening, per ulteriori controlli e test-Covid 19 o verso l'uscita (area di ritiro bagagli o controllo passaporti). 

Fino a quando i risultati dello screening non saranno disponibili, i passeggeri testati per il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 saranno obbligati ad autoisolarsi all'indirizzo della loro destinazione finale come dichiarato sul modulo di localizzazione dei passeggeri (PLF). 

È possibile evitare il test solo nel caso in cui il visitatore avesse effettuato un test analogo nelle 72 ore precedenti e fosse risultato negativo. 

Scopri