Idee di viaggio

18 posti dell'Europa dell'Est da visitare (dopo il Covid-19)

Ecco le meraviglie da visitare assolutamente

Bardejov VIAGGI Shutterstock
4.8/5

Con una ricca storia, incredibili architetture e tradizioni uniche l'Europa dell'Est è piena di destinazioni da esplorare a prezzi molto contenuti. Troverete un mosaico di graziose città color pastello dalla storia antica, montagne e laghi mozzafiato. 

Storia, cultura e natura rendono questa regione (molto spesso sottovalutata) d'Europa ricca di motivi per esplorarla. Ecco perché sarà la prossima zona da esplorare, appena si potrà di nuovo viaggiare. Ecco le migliori destinazioni e i migliori posti dell'Europa dell'est da visitare almeno una volta nella vita.

18 posti dell'Europa dell'Est da visitare (dopo il Covid-19)

  • Miniere di Sale di Wieliczka 
  • Cascata Bigar
  • Varsavia
  • Monti Tatra
  • Tallin 
  • Parco Nazionale del Durmitor
  • Praga
  • Laghi di Plitvice, Croazia
  • Bardejov, Slovacchia
  • Mostar, Bosnia
  • Cesky Krumlov 
  • Riga
  • Belgrado
  • Transilvania
  • Budapest
  • Spalato
  • San Pietroburgo
  • Kruja

Posti dell'Est Europa da visitare

Non troppo distante da Cracovia (città da vedere assolutamente) c'è un posto incredibile, è la Miniera di Sale di Wieliczka, una delle più antiche miniere di sale del mondo. Dichiarata Patrimonio dell'Umanità UNESCO nel 1978, la Miniera di Sale di Wieliczka è utilizzata dal XIII secolo. Conosciuta anche come la Cattedrale di Sale, raggiunge una profondità di 327 metri e presenta gallerie e cunicoli per un'estensione totale di più di 300 km.

  • Cascata Bigar, Romania

La cascata Bigar è un luogo fiabesco, che si trova all’interno del Parco nazionale Cheile Nerei Beusnita. È formato dalle acque cristalline del torrente Bigar, un affluente del Minis. Coperta da una coltre di muschio, la cascata è composta da centinaia di ruscelli che le danno questa forma particolare.

Conosciuta nel 18esimo secolo come la Parigi dell’Est, anche per le tante testimonianze lasciate dagli artisti italiani, Varsavia è una bellissima città nel cuore dell'Europa. La sua natura esuberante la rende una città unica, che riesce a coniugare perfettamente l’antico con il moderno.

  • Monti Tatra, Slovacchia

Bassi e Alti Tatra offrono le migliori escursioni e luoghi selvaggi di tutta la Slovacchia. Qui troverete numerosi rifugi di montagna che offrono tregua agli escursionisti in estate e agli sciatori in inverno. Le viste panoramiche sono mozzafiato e i prezzi per l'alloggio e il cibo sono molto bassi.

  • Tallin 

La capitale dell'Estonia è diventata una tappa fondamentale per i visitatori che desiderano godersi brevemente i paesi baltici in un weekend. Questa capitale da favola ha uno dei centri storici meglio conservati d'Europa, forse non tutti sanno che qui si può trovare la più antica farmacia d'Europa con strani medicinali fatti con succo di mummia, polvere di porcospini bruciati, api bruciate, polvere di pipistrello, pozione di pelle di serpente e polvere del corno dell'unicorno.

  • Parco Nazionale del Durmitor, Montenegro

Il più grande parco naturale del Montenegro, il parco del Durmitor vanta le gole più profonde d'Europa che potrete trovare lungo il fiume Tara. Il parco ospita fitte foreste di pini, centinaia di specie autoctone di uccelli, mammiferi e insetti. Il parco è Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

Praga non può mancare nella lista di ogni viaggiatore. Dal Castello di Praga raggiungete il famoso Ponte Carlo fino alla Piazza della Città Vecchia: la capitale ceca offre storia e architettura ad ogni scorcio. Visitate le principali attrazioni come la Cattedrale di San Vito e l'orologio astronomico di Praga, recatevi nel quartiere ebraico per vedere le sinagoghe storiche e il più antico cimitero ebraico. 

Una meraviglia naturale che sembra appartenere ad una fiaba e che si trova a metà strada tra Zara e Zagabria. Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice, caratterizzato da 16 laghi collegati tra loro da una rete di canali e cascate. I laghi di Plitvice sono alimentati dai fiumi Bijela Rijeka e Crna Rijeka (Fiume Bianco e Fiume Nero) e da sorgenti sotterranee che garantiscono il colore azzurro intenso e la limpidezza dell'acqua.

  • Bardejov, Slovacchia

È uno paesini più antichi della Slovacchia. Era l'antico luogo di villeggiatura dei reali ungheresi. Dal 2000 il centro storico della città è iscritto nel patrimonio UNESCO ed è costituito da edifici storici disposti nella zona delimitata da una cinta muraria fortificata. Bardejov è anche conosciuta come la più città più gotica della Slovacchia.

  • Mostar, Bosnia 

Si trova nella valle del fiume Neretva dove l'acqua è semplicemente spettacolare. Il paese è famoso per lo Stari Most, il bellissimo ponte bombardato purtroppo durante la guerra, nel 1993. Merita una visita per il suo centro storico e per il kujundziluk, il quartiere medievale, vecchio bazaar della città.

Forse la città più pittoresca della Repubblica Ceca; sicuramente vale il viaggio in treno o in autobus da Praga. Per prima cosa, fate un tour a piedi in questa piccola e pittoresca cittadina e poi trovate un posto in uno dei tanti eccezionali birrifici locali. L'architettura particolare della città vecchia è rimasta congelata nel tempo anche se il paese è uno dei luoghi culturali più attivi della Boemia.

La città della Lettonia è una meta perfetta per il weekend. È una città che merita una sosta di almeno due giorni per esplorare le sue meraviglie e l'architettura Art Nouveau. La Capitale lettone conta circa 800 edifici in stile liberty ed è una delle città europee che li conserva meglio.

  • Belgrado 

La capitale della Serbia catturerà i vostri cuori, è una destinazione da visitare soprattutto nei mesi più caldi. Belgrado è anche una delle città più convenienti da visitare, un ottimo posto dove fermarsi per un po' e godersi la vita come uno del posto. Da qui potrete partire poi per esplorare i Balcani

Non è di certo un'esagerazione se affermiamo che la Transilvania è una delle più belle regioni della Romania. È una delle zone più misteriose e selvagge della regione per la presenza di castelli tenebrosi avvolti nella nebbia. In realtà la Transilvania è molto di più, è uno scrigno di paesini medievali dove il tempo sembra essersi fermato, puntellato da castelli da favola con una storia interessante, dove i borghi e paesini sono circondati da foreste e boschi fitti.

La capitale dell'Ungheria è un elegante salotto adagiato sul Danubio e si trova a nord est del paese. Budapest, romantica e un po' malinconica, è una città dalle mille sfaccettature e dalle molte anime, se amate l'architettura, in giro per la città troverete edifici barocchi, neoclassici e art nouveau. Ma non è tutto, Budapest è la regina delle terme, sotto la città si snodano 125 sorgenti termali: non basterà un weekend per passare in rassegna le più belle strutture termali, nate dalle ceneri di antiche terme romane. Da Budapest il consiglio è di raggiungere Bratislava

  • Spalato, Croazia

Sebbene la più famosa delle città croate sia Dubrovnik, Spalato è una piacevole scoperta che ha la particolarità di presentare uno dei luoghi più insoliti e affascinanti dell'intero paese: l'antico palazzo estivo dell'imperatore romano Diocleziano. È possibile vagare per le strade del palazzo, piene di rovine romane e palazzi italiani del XIV secolo ed è possibile salire sull'antico campanile romanico e ammirare la vista mozzafiato sul Mar Mediterraneo.

Situata nel nord-est d'Europa, San Pietroburgo è conosciuta come la Venezia del nord ed è una delle città da non perdere in Russia. Il centro storico di San Pietroburgo è Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1990. Il palazzo d’Inverno, il Museo dell’Ermitage e la Prospettiva Nevskij lo rendono famoso in tutto il mondo.

  • Il borgo di Kruja, Albania

Nell’entroterra dell'Albania si trova Kruja, un piccolo borgo medievale, simbolo della resistenza contro gli ottomani. Kruja è un piccolo scrigno dell’Albania ma ricco di storia dove vedere il bazar, uno dei pochi mercati ottomani salvato dalla distruzione del regime di Hoxha, e la cittadella, la roccaforte di Gjergj Kastrioti Skënderbeu, l’eroe nazionale albanese per la sua resistenza all’impero ottomano. 

Scopri