Idee di viaggio

10 viaggi on the road da fare per scoprire l'Europa

I road trip più belli da fare in Europa

Ring of Kerry ROAD RIP Shutterstock
5/5

Guidare tra fiordi e cascate lungo la Strada dei Troll in Norvegia, risalire la costa atlantica del Portogallo tra fari e falesie o rallentare il ritmo tra rinomati borghi sul mare della Costa Azzurra

I viaggi on the road alla scoperta delle meraviglie d’Europa sono esperienze di vita che rimangono impresse nella mente e nel cuore. Ecco 10 idee per un road trip in macchina (o camper) in Europa. Dovete solo scegliere la data di partenza e la compagnia. All’itinerario ci abbiamo pensato noi. 

10 viaggi on the road da fare in Europa

  • Costiera Amalfitana 
  • Autobahn
  • Ring of Kerry
  • Les Corniches
  • La Strada dei Troll
  • Dall’Algarve a Porto
  • Strada Transfagarasan
  • Grand Tour della Svizzera 
  • Da Barcellona a Cadaqués
  • Road trip in Slovenia

Costiera Amalfitana

La Costiera Amalfitana è un incanto di natura, arte e bellezza riconosciuta patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Sospesa come una terrazza tra le acque blu del Tirreno e il blu del cielo, la costiera ha ispirato non pochi pittori che hanno cercato di catturare la grande bellezza di questo paesaggio. Soprannominata Divina Costiera, è diventata soprattutto a partire dal secondo dopoguerra meta prediletta del jet set mondiale. La costiera è inoltre la terra delle zagare e dei limoni dove la macchia mediterranea digrada verso il mare tra borghi pittoreschi e antiche ville. La Costiera Amalfitana è percorsa dalla Strada Statale 163, considerata una delle più belle strade panoramiche d’Italia. È un percorso di circa 40 km che si snoda lungo il golfo di Salerno attraversando 14 borghi, uno più bello dell’altro: Amalfi, Atrani, Cetara, Conca dei Marini, Furore, Maiori, Minori, Positano, Praiano, Ravello, Scala, Tramonti, Vietri sul Mare e Agerola. In auto lungo la mitica 163 vedrete cupole dorate, maioliche colorate, case color pastello, ville dai giardini lussureggianti e limoni. La Costiera Amalfitana è la meta perfetta per un viaggio on the road, da fare idealmente in primavera per evitare la folla di turisti d’estate, ma è un incanto in ogni stagione. 

In Germania lungo l’Autobahn

La Germania vanta bellissime strade panoramiche come La Strada delle Fiabe, La Strada Romantica e la Strada tedesca delle Alpi, ma se avete tempo e volete girare tutta la Germania mettetevi semplicemente al volante lungo l’autostrada. L’Autobahn è il sistema autostradale tedesco che conta 1000 km e collega Colonia a Berlino, con tappe a Düsseldorf, Muenster, Brema, Amburgo e altre bellissime città della Germania. L’autostrada tedesca è un sogno per gli automobilisti: le strade sono in ottime condizioni, non ci sono limiti di velocità nelle regioni non urbane (anche se si raccomanda di non superare i 130 km/h) e non ci sono stazioni di pedaggio (anche se è necessario acquistare un bollino, valido per un anno o per un periodo di tempo più breve). Potreste, dunque, arrivare in Germania in aereo, noleggiare un’auto all’aeroporto e così partire alla scoperta delle meraviglie tedesche. 

Ring of Kerry, Irlanda 

Il Ring of Kerry è un anello di circa 200 chilometri che attraversa il tipico paesaggio irlandese: verdi brughiere, baie di sabbia bianca e viste sconfinate sull’oceano. Non ci sono rinomate mete turistiche da visitare, sono le atmosfere irlandesi e gli scenari naturalistici a rendere meraviglioso questo itinerario che si snoda nella penisola di Iveragh, nel sud-ovest dell’Irlanda. Si parte dalla cittadina di Killorglin, famosa per la sagra del Puck Fair. Si prosegue verso Glenbeigh, autentico paese di torbiere, e poi verso Rossbehy Strand: per 5 km si snoda una lunghissima duna dalla quale si scorge la penisola di Dingle. Raggiungete il paese di Cahersiveen e Leacanabuile, la fortezza risalente all’età del bronzo. Ritornate sulla strada principale, prendete la deviazione per Portmagee, da cui si aprono due possibilità: raggiungere Valentia Island per ammirare il panorama su Beginish Island, Cahersiveen e la punta di Duulus Head, o raggiungere le isole Skellig, paradiso naturalistico e dimora di monaci. Si prosegue lungo lo Skellig Ring, e una volta superata la cittadina balneare di Waterville, se avete tempo, salite al passo di Coomakista, per ammirare le praterie e le lande del Kerry. Proseguite verso Sneem lungo la strada principale che corre in alto o più lontano rispetto alla costa. Infine, scendete verso la Derrynane House, immersa in un paradiso per gli amanti delle passeggiate. 

Les Corniches, Francia 

Da Nizza a Mentone attraverso strade tortuose e mozzafiato. Les Corniches sono un insieme di tre percorsi panoramici che si snodano lungo la Costa Azzurra, ideali per un road trip tra mare, natura selvaggia e rinomati borghi della riviera francese. La Cornice Inférieure è una strada nata intorno al 1860 che percorre la costa della Provenza fra ville e paesini affacciati sul mare. Vale la pena fare una sosta a Villefranche-sur-Mer, Cap Ferrat, Villa Ephrussi de Rothschild, Villa Grecque Kérylos e Cap d’Ail. La Moyenne Corniche, invece, è una strada panoramica scavata nella roccia della montagna che offre meravigliosi scorci sul mare. Non perdete una sosta a Èze. La Grande Corniche, infine, è la strada più panoramica delle tre, che Alfred Hitchcock scelse come location per il film Caccia al ladro, con Cary Grant e Grace Kelly, che poi proprio tra queste curve perse la vita in un incidente d’auto. Concedetevi una sosta a La Turbie e a Roquebrune. Se invece da Nizza partite nella direzione opposta, cioè verso ovest, arriverete ad Antibes e alla mitica Cannes. 

La Strada dei Troll, Norvegia 

La Strada dei Troll è un bellissimo itinerario di 106 km che attraversa la Norvegia occidentale, regalando panorami mozzafiato su cascate vertiginose, ripide montagne, profondi fiordi e fertili vallate. Fin dalla sua inaugurazione nel 1936, la Trollstigen ha attratto turisti da tutto il mondo. Tra tornanti da brivido e panorami spettacolari, la Strada dei Troll collega Langevatnet a Åndalsnes, passando per il Geirangerfjord, il fiordo più famoso al mondo e sito protetto dall’Unesco. Potrete ammirare il panorama da Flydalsjuvet e da Ørnesvingen, o strada delle Aquile, fare una sosta a Gudbrandsjuvet, un ponte su una gola di rocce. Il tratto sicuramente più emozionante è quello tra 11 stretti tornanti che si snodano tra le alte montagne di Kongen (il Re), Dronningen (la Regina) e Bispen (il Vescovo), i nomi preannunciano la loro maestosità. L’itinerario termina al villaggio Åndalsnes, immerso in uno degli scenari più affascinanti della Norvegia, lungo le rive del Romsdalsfjorden e a poca distanza dell’Isfjorden. Il villaggio è uno dei porti di attracco delle crociere nei fiordi norvegesi. La Strada dei Troll è aperta da maggio ad ottobre. 

Dall’Algarve a Porto, Portogallo 

Dall’Algarve a Porto lungo la costa atlantica del Portogallo per scoprire paradisi dei surfisti, paesini medievali e città dal fascino decadente. Si parte da Tavira, cittadina sul versante orientale dell’Algarve, sulle rive del fiume Gilão, vicina al confine con la Spagna. Proseguite verso Faro e poi Albufeira, un tempo villaggio di pescatori, oggi località balneare dalla vivace vita notturna, quindi si arriva a Lagos. Entrambe queste ultime sono rinomati ritrovi di surfisti. Proseguendo si arriva all’affascinante Sagres e al Cabo de São Vicente, dove le maestose scogliere sferzate dai venti e dalle onde creano un paesaggio spettacolare. Il faro all’estremità sud-occidentale del Portogallo sovrasta falesie dagli incredibili colori abitate solo da uccelli marini. Ci si addentra poi nel Parque Natural do Sudoeste Alentejano, passando per il paese di Carrapateira, la meravigliosa spiaggia di Bordeira e il paesino di origini arabe, Aljezur, fino alla spiaggia  di Arrifana, un lembo di sabbia in una bellissima insenatura ideale per il surf. Continuando a risalire la costa si arriva a Odeceixe, con le sue case dipinte di bianco, a Zambujeira Do Mar, un piccolo borgo di pescatori con spiagge meravigliose, e a Vila Nova de Milfontes. Così guidate alla volta di Lisbona e prendetevi il tempo per scoprire con calma la luce atlantica di questa città malinconica, struggente e decadente fra mirador, tram d’epoca gialli e stradine in salita. Si può continuare il viaggio verso Cascais, graziosa località balneare a soli trenta minuti dalla capitale, e poi verso Sintra dove vale la pena vedere il Palacio Nacional dall’atmosfera fiabesca. Così riprendete la strada fino all’incantevole Porto, dove degustare il famoso vino liquoroso come non l’avete mai bevuto. 

Strada Transfagarasan, Romania

Considerata tra le più belle d’Europa, la Transfagarasan è una strada dai panorami mozzafiato che attraversa la catena montuosa del Fagarasan in Transilvania. Costruita tra il 1970 e il 1974 per volere del dittatore Nicolae Ceauşescu per permettere alle truppe romene di attraversare i Carpazi rapidamente in caso di un’invasione sovietica, la strada collega le regioni della Transilvania e della Muntenia ed è ancora chiamata la follia di Ceauşescu. La strada lunga 152 chilometri, parte dalla città di Bascov, vicino Pitesti, passa per Curtea de Arges e si snoda attraverso le montagne più alte della Romania regalando viste mozzafiato. A nord il paesaggio è arido mentre a sud si susseguono verdi vallate. Si attraversano riserve naturali fino a raggiungere il lago glaciale Balea per terminare vicino alla città di Cartisoara. Molte le gallerie e i viadotti di questa strada tortuosa che si inerpica tra numerosi tornanti. La Transfagarasan è aperta solo 4 mesi l’anno, quelli estivi, a causa delle condizioni climatiche. Un’esperienza di guida epica che richiede circa due o tre giorni di viaggio. 

Grand Tour della Svizzera 

Passi alpini, laghi di montagna e tornanti maestosi, ma anche hotel di lusso e ristoranti stellati. La Svizzera offre bellissime strade panoramiche per un viaggio on the road attraverso le meraviglie del Paese. L’itinerario più completo conta 1.600 chilometri, 22 laghi, cinque passi alpini sopra i 2.000 metri e 12 siti del patrimonio culturale dell’Unesco: il Grand Tour della Svizzera raccoglie il meglio del Paese attraverso 3 itinerari di diversa durata. Se avete una decina di giorni consigliamo il tour più completo. Si parte da Zurigo in direzione cascate del Reno, le più grandi d’Europa, e la pittoresca cittadina di Stein am Rhein per arrivare a San Gallo. Ripartite alla volta di Davos, sede del Forum economico mondiale nel Cantone dei Grigioni. Attraversate l’Engadina per arrivare a Lugano, la città svizzera delle palme sull’omonimo lago. Proseguite per Ascona, lungo le rive del lago Maggiore, e così partite per il Passo della Furka, un percorso spettacolare che tra tornanti mozzafiato vi farà ammirare meraviglie come il Matterhorn e il ghiacciaio del Rodano. Così concedetevi una meritata sosta a Zermatt. Attraverso Täsch sul Rodano e il Canton Vallese, si arriva poi a Montreux, quindi attraversando i vigneti del Lavaux e Losanna si arriva a Ginevra. Si possono visitare poi Friburgo, la città dei ponti e il distretto della Gruyère per arrivare a Gstaad. Da non perdere la pittoresca cittadina di Neuchâtel, il Lago di Bienne, l’Isola di San Pietro, la fabbrica di cioccolato della Maison Cailler, il punto panoramico Le Moléson e il Lago di Lauenen. Attraverso Interlaken, Berna, l’Emmental e l’Entlebuch, l’itinerario vi porterà al lago dei Quattro Cantoni e a Lucerna, per tornare infine a Zurigo. 

Da Barcellona a Cadaqués, Spagna 

Se avete già fatto il giro dell’Andalusia e cercate nuovi posti da vedere in Spagna, la Costa Brava può essere un’ottima alternativa. Partendo da Barcellona puntate l’auto verso nord. Se atterrate all’aeroporto di Girona, non perdete un giro del centro storico dell’ultima provincia catalana prima del confine con la Francia. Così superate Lloret de Mar e quella parte della Costa Brava presa d’assalto dal turismo di massa, e proseguite verso interessanti paesini come Palafrugell, Pals e Begur, perfetti per una sosta. Raggiungete quindi Púbol per vedere il Castello Gala Dalì, costruito nell'XI secolo e acquistato nel 1968 da Salvador Dalì come regalo per la moglie Gala. Proseguite verso Figueres, la città natale di Dalì dove visitare il Teatro-Museo Dalì che vi farà immergere nel mondo surrealista del genio catalano. Ritornate sulla costa per fare un bagno nella meravigliosa baia di Roses e poi raggiungete Cadaqués, un affascinante villaggio di pescatori dalle casette bianche e l’atmosfera magica che ha conquistato Dalì, ma anche molti altri artisti come Picasso, Garcia Lorca, Mirò e Paul Eluard. Raggiungete, dunque, la vicina Port Lligat, un piccolo borgo nel comune di Cadaqués, dove Dalì costruì una meravigliosa casa sulla spiaggia in cui visse per 50 anni, fino al 1982, anno della morte di Gala. La casa museo di Dalì vi rimarrà nel cuore. 

Road trip in Slovenia, il Paese verde

La Slovenia è il Paese verde ricco di foreste, riserve naturali, valli silenziose, cime montuose, laghi cristallini e coste incontaminate da esplorare in un insolito viaggio on the road. Se volete scoprire il meglio di questo Paese a cavallo tra l’Europa occidentale e l’Europa orientale, partite da Lubiana per il lago di Bled, dove passeggiare tra i sentieri intorno al lago. Scendete verso sud se volete vedere le grotte di Postumia e il misterioso castello di Predjama, incastonato in una parete rocciosa alta 123 metri. È uno dei castelli più affascinanti del mondo che sembra essere uscito da una fiaba gotica. Oppure dal lago di Bled partite per il lago di Bohinj dove andare in kayak tra le sue fredde acque. A pochi chilometri dai laghi troverete il Parco nazionale del Triglav dove vedrete una delle cascate più belle della Slovenia, Slap Savica. È una cascata alta circa 60 metri in mezzo al bosco. Nel Parco nazionale del Triglav non perdete le gole di Tolmin, gole profondissime attraversate dalle limpide acque del fiume Tolminka, o la gola del Vintgar dove potrete camminare su un sistema di passerelle in legno che seguono il percorso del fiume Radovna tra le alte pareti verticali di roccia fino alla cascata Sum. Gli amanti del trekking poi possono dirigersi alla sorgente del fiume Isonzo (Soca in sloveno): un percorso piuttosto impegnativo condurrà alla grotta sorgente, una sorta di piccola piscina naturale dall’acqua color turchese. Se infine volete prendere quota dirigetevi verso nord fino a Kranjska Gora, una località posizionata tra le Alpi Giulie e le Caravanche, nota località sciistica dove fare trekking d’estate. Kranjska Gora è anche il punto di partenza per ammirare da vicino i monti del Martuljek e per raggiungere la cima del Passo di Vrsic, alto circa 1600 metri. 

Autore: Francesca Ferri

Scopri