Idee di viaggio

Viaggiare in aereo con i bambini: cosa devi sapere?

I consigli e le dritte per viaggiare con i bambini

Bambino Aeroporto CONSIGLI Shutterstock
5/5

Volare con i bambini vi preoccupa? Affrontare il primo volo - e i successivi - insieme ai più piccoli richiede soltanto organizzazione.

Non abbiate timore, abbiamo raccolto tutte le informazioni necessarie per volare sereni con i bambini, dai documenti indispensabili ai bagagli possibili, fin all’intrattenimento più adatto. Scopriamo insieme tutto quello che dovete sapere sul prendere l’aereo con i bambini.

LEGGI ANCHE: VIAGGIARE SIN DA PICCOLI

In Aereo con i Bambini

  • Quali documenti sono necessari? 

La risposta è la stessa che per gli adulti: i bambini devono avere documenti personali in corso di validità, qualsiasi età abbiano. Anche i neonati dunque devono avere la loro carta, che può essere quella d’identità se si viaggia in Europa oppure il passaporto per gli altri Paesi. Ricordate che per ottenere i documenti, se ancora non li avete, sono necessari a volte tempi piuttosto lunghi, dunque organizzatevi con un buon anticipo.

  • I bambini viaggiano in braccio?

Posti e costi dei biglietti cambiano in base all’età dei bambini. Da 0 a 2 anni i piccoli viaggiano in braccio all’adulto, che sia la mamma o il papà, con una cintura legata a quella del genitore. Dai 2 anni in poi avranno diritto al loro posto a sedere (che comunque è acquistabile se si desidera anche prima dei 2 anni). I costi variano per tratte e compagnie aeree. 

  • Cosa posso portare in aereo per il mio bambino?

Ci sono compagnie aeree più e altre meno baby friendly. La maggior parte di esse però permette di portare in aereo una borsa dedicata al bambino, oltre a poter portare al gate o ad imbarcare il passeggino. Potrete avere con voi a bordo anche l’acqua o altre bevande per il bimbo (senza limite di ml come accade normalmente per il bagaglio a mano). Potrebbero chiedervi però di fare un check del liquido ai controlli di sicurezza. Il passeggino, dicevamo, si può imbarcare con le valigie, spesso nell’area bagagli fuori misura, oppure si porta al gate e si lascia direttamente sotto l’aereo prima di salire. Vi verrà restituito appena sbarcati, anche in questo caso o fuori dai portelloni o insieme ai bagagli. Oltre al passeggino diverse compagnie permettono di imbarcare gratuitamente un altro oggetto necessario al bambino, come il seggiolino per l’auto per esempio, che molti genitori, soprattutto per questioni di costi di noleggio, preferiscono portare con sé. 

  • Baby cot per i viaggi lunghi

Nel caso di voli oltreoceano, è possibile richiedere una culla, che si aggancia alle pareti dell’aereo di fronte ai posti dei genitori. È comoda perché il bimbo dorme più largo e sereno e mamma e papà non devono tenerlo in braccio per tutta la tratta, potendo così riposare e alzarsi senza vincoli. È normalmente richiesta la prenotazione della culla perché è in numero limitato, dunque informatevi con la vostra compagnia aerea. A quel punto il posto a sedere sarà assegnato direttamente perché abbia la cot di fronte.

  • Priorità per le famiglie

Molte compagnie danno la possibilità alle famiglie con bimbi piccoli di passare prima nelle varie operazioni di imbarco, sia in fase di controlli che di passaggio al gate per esempio. Decidete liberamente cosa fare, ricordate che le attese spesso sono lunghe e soprattutto dopo il gate capita frequentemente di attendere in tunnel non riscaldati e in file molto affollate. Avete il posto prenotato e il bagaglio del bambino non può essere imbarcato, dunque non abbiate necessariamente fretta. 

  • Ciuccio e biberon per decollo e atterraggio

La pressione alle orecchie può essere fastidiosa per i bebè in fase di decollo e atterraggio, ecco perché è fondamentale avere con sé un ciuccio o un biberon, o allattare al seno il bimbo durante questi momenti. Deglutendo si allenterà il disturbo. 

  • Intrattenerli a bordo

Indipendentemente dalla durata del volo, è utile organizzarsi prima con delle possibili attività da far fare ai bambini a bordo. Libretti, fogli e matite, qualche gioco, delle carte, delle cuffie da collegare allo smartphone con un cartone animato, qualche snack, non fatevi trovare impreparati: tenere per più ore fermi dei bambini è la vera sfida del volo! Ricordate infine che potete chiedere al personale aereo di riscaldare eventuali biberon o pappe per i vostri bebè.

Scopri