Idee di viaggio

Chateau d'If: la prigione del Conte di Montecristo

Davanti al vecchio porto di Marsiglia c'è un castello speciale che fu una prigione, la stessa dove Alexandre Dumas immagina il suo Conte di Montecristo

Castello d'If FRANCIA Shutterstock
5/5

Se non avete ancora deciso di visitare Marsiglia, vi forniamo un motivo in più per farlo al più presto. Al largo del porto vecchio, al largo della città vecchia di Marisiglia, c'è un'isolotto quasi interamente occupato da un castello. Quel castello fu una prigione, che ospitò, tra i tanti, personaggi illustri e illustri immaginari.

Lo Chateau d'If di Marsiglia ha ispirato Alexandre Dumas nella stesura del suo romanzo più famoso. Il Conte di Montecristo, alias Edmond Dantès fu prigioniero nelle sue celle.

Chateau d'If

Il Castello d'If sorge su un'isoletta che fa parte dell'arcipelago delle Frioul, al largo della costa marsigliese. Fu costruito nel 500 e svolse, fino ai primi del 900 la funzione di prigione. La sua posizione, al centro del golfo e su una delle principali rotte di navigazione del periodo, ne faceva una fortificazione di cruciale importanza.

Storia

Le celle del castello sono disposte su due piani. Al piano terra c'erano le celle peggiori: piccole e anguste, senza finestra e con condizioni igieniche pessime (la speranza di vita per chi veniva rinchiuso qui era di 9 mesi al massimo); al piano di sopra c'erano invece celle un po' più grandi con la finestra e il camino, a cui si accedeva dietro pagamento di un compenso, come una specie di affitto.

I principali e più famosi prigionieri del castello d'If furono Jean-Baptiste Chataud, ritenuto responsabile di aver portato la peste a Marsiglia nel 1720, Honoré Gabriel Riqueti de Mirabeau, Fanny Dillon, sposa del generale Henri Gatien Bertrand e il rivoluzionario socialista Auguste Blanqui.

Nella finzione letteraria ospitò due personaggi del romanzo Il conte di Montecristo di Alexandre Dumas, Edmond Dantès e l’abate Faria e ne Il visconte di Bragelonne la maschera di ferro, il gemello del re, costretto ad indossare una maschera di ferro per non essere riconosciuto.

Visitare il Castello d'If

Il castello d'If smise di essere una prigione nel 1915 e divenne un museo e un faro. All'interno ci sono ancora i graffiti dei prigionieri e un percorso attraverso la storia e la letteratura classica e i suoi personaggi. 

Il castello può essere raggiunto attraverso le imbarcazioni che fanno un servizio navetta dal porto vecchio all'isola. Il servizio passeggeri è garantito ogni giorno, anche se può subire variazioni in caso di mal tempo. 

I biglietti per la navetta si comprano allo sportello dedicato presso il vecchio porto (Quai de la Fraternité, 13001, Marsiglia). Una volta sbarcati sull'isola dovrete pagare il prezzo del biglietto per visitare il museo.

Il castello d'If è generalmente aperto dalle 9:30 alle 18:00 ed è chiuso il lunedì. I biglietti possono essere comprati anche online. 

Scopri