Idee di viaggio

I Cammini Italiani da fare nel 2021

I sentieri più belli per riscoprire l'Italia a piedi

Cammini 2021 A PIEDI Shutterstock
4/5

A piedi lungo strade antiche, tratturi e vecchie strade dimenticate per scoprire il lato autentico e meno conosciuto d'Italia. Per il 2021 vi consigliamo una serie di itinerari che vi condurranno verso borghi, vallate e natura incontaminata. 

Per un viaggio responsabile e sostenibil, il prossimo anno vi consigliamo alcuni dei più bei percorsi per esplorare il nostro paese da nord a sud viaggiando nel lato più sottovalutato d'Italia dove il distanziamento sociale è naturale. Pronti a conoscere i cammini più belli per il 2021?

15 cammini da fare nel 2021

  • Cammino di Dante
  • Cammino Materano
  • Kalabria Coast to Coast
  • Cammino dei Borghi Silenti 
  • Cammino di Santu jacu 
  • Cammino delle Terre Mutate
  • Sentiero degli Dei
  • Magna Via Francigena
  • Cammino di San Nilo 
  • Via Postumia
  • Cammino sulle Orme dei Sanniti
  • Tratturo Magno 
  • Cammino di Assisi
  • Cammino 100 Torri
  • Cammino Francescano de la Marca

I Cammini Italiani da fare nel 2021

Lonely Planet ha decretato le vie di Dante il cammino più bello per il 2021 nel suo Best in Travel. Si tratta di viaggio lento tra Emilia Romagna e Toscana alla scoperta dei luoghi appartenuti a Dante Alighieri. Le Vie di Dante rendono omaggio al Sommo Poeta attraverso un percorso che attraversa un tratto di Italia insolita e rurale fatta di foreste meravigliose, natura incontaminata, borghi poco conosciuti pievi romaniche e castelli medievali. Itinerario di punta delle Vie di Dante è il Cammino di Dante, un percorso di 395 km in 20 tappe da Ravenna a Firenze. Si parte dalla tomba del padre della lingua italiana a Ravenna e si raggiunge il Museo Casa di Dante a Firenze.

Un viaggio tra natura incontaminata, borghi e meraviglie che dalla Puglia conduce alla Basilicata: è il Cammino Materano, una strada che riprende antichi sentieri e tratturi portandovi fino a Matera. Una nuova variante del percorso vi condurrà prossimamente da Matera fino alla Campania, alla scoperta del Cilento. Il cammino è stato ideato dall'associazione barese In Itinere ed è composto da 6 differenti percorsi che portano fino alla Cattedrale della Madonna della Bruna di Matera. Il Cammino ha messo a sistema strade secondarie romane e vie medievali.  

Il nuovo cammino per scoprire la Calabria a piedi è un itinerario che dal Mar Ionio arriva fino al Tirreno. 55 chilometri, 10 comuni e due province vi faranno fare un viaggio a piedi tra natura incontaminata e luoghi dove il tempo sembra essersi fermato. Il cammino parte da Soverato e arriva a Pizzo. L'itinerario parte dalle spiagge ioniche della Costa degli Aranci, nei pressi del borgo di Soverato e attraversando il territorio montano delle Preserre Calabre nel loro tratto più breve, passa per i suggestivi borghi di Petrizzi, San Vito sullo Ionio e Monterosso Calabro. Il cammino termina nella pittoresca Pizzo, arroccata su uno sperone tufaceo a picco sulle dorate spiagge tirreniche della Costa degli Dei. 

Il Cammino si snoda sul versante nord dei Monti Amerini, è suddiviso in quattro tappe e si percorre in 4 giorni. In questo articolo vi spieghiamo perché vale la pena percorrerlo. Il Cammino dei Borghi Silenti è un percorso ad anello lungo 86 km che ruota intorno al Monte Croce di Serra, il punto più alto dei monti Amerini. Il progetto è stato messo a punto dal gruppo escursionistico Amerini Trekking ed è suddiviso in quattro tappe da percorrere in quattro giorni. 

Il Cammino di Santiago della Sardegna esiste! È il Cammino di Santo Jacu e attraversa tutta la Sardegna da Cagliari a Porto Torres, da Noragugume a Oristano, da Orosei a Olbia, passando per il Sulcis. Ognuno può scegliere da dove partire e dove arrivare da cinque punti (Cagliari, Porto Torres, Olbia, Oristano, le isole del Sulcis) e i percorsi possono essere attraversati in entrambi i sensi di marcia.

Il percorso completo misura circa 1600 km, di cui 470 km nell’asse centrale tra Cagliari e Porto Torres, 240 km tra Bolotana e Oristano (braccio laterale occidentale), 300 km tra Ozieri e Olbia (braccio laterale orientale), 340 km da Cagliari per il Sulcis fino alle isole di San Pietro e sant’Antioco (cammino del sud-ovest), a cui si sta aggiungendo di recente il nuovo percorso tra Olbia e Porto Torres in alta Gallura di 240 km e la variante Campidanese a Serrenti.

Nel cuore dell'Appenino, il Cammino delle Terre Mutate attraversa i luoghi dove tutto è cambiato a causa del sisma. Da Fabriano all'Aquila, l'itinerario di 200 chilometri attraversa il cuore dell'Appennino, seguendo un percorso solidale e di conoscenza. Il sentiero attraversa quattro regioni: MarcheUmbriaLazio e Abruzzo e vi metterà in relazione profonda con l’ambiente naturale e con le persone che vivono nei luoghi trasformati dal sisma. 

La Via degli Dei ripercorre una antica strada militare che collegava Bologna a Firenze e che vi farà vedere paesaggi incontaminati, faggete e borghi sospesi nel tempo. La Via degli Dei è lunga circa 130 km e ripercorre l'antica strada utilizzata già in epoca romana, la Flaminia Militare, che univa l'antica città di Felsina, l'odierna Bologna, con Fiesole e Firenze.

Durante il cammino passerete attraverso enormi faggete, lungo le dolci colline del Mugello e le torri in pietra del Monte Adone: questi sono solo alcuni dei paesaggi meravigliosi che vi si apriranno davanti agli occhi. Lungo la Via degli Dei ci si ferma a dormire in agriturismi, campeggi e B&b. In ogni tappa potrete scoprire le eccellenze del territorio e i connubi spesso geniali tra la cucina emiliana e quella toscana. Il dislivello copre i 1460 metri di altezza, è quindi alla portata di tutti i viandanti, e di ciclisti mediamente allenati.

Un antico percorso collega da tempi immemori Agrigento e Palermo passando per antichi percorsi, strade di transumanza e strade secondarie. La Magna Via Francigena è divisa ufficialmente in 8-9 tappe da 20-25 chilometri ciascuna per un totale di 183 km. Battuta dai greci delle colonie sicule, dai bizantini, dagli arabi, dai normanni e dai romani è un itinerario storico-culturale inserito all'interno delle Vie Francigene di Sicilia.

La Magna Via Francigena inizia di fronte alla Cattedrale di Palermo e raggiunge Monreale e la sua Cattedrale, camminando fianco a fianco ad un itinerario religioso: l’Itinerarium Rosaliae. Il sentiero passa per paesi sospesi nel tempo, città storiche, campagne, vette e un mare meraviglioso. 

Un modo speciale per scoprire con lentezza le meraglie del Parco Nazionale del Cilento è percorrendo il Cammino di San Nilo, un itinerario che attraversa il Cilento bizantino attraversando paesi sospesi nel tempo e natura rigogliosa. Il Cammino di San Nilo segue il sentiero che portò il giovane Nicola, nativo di Rossano Calabro, a vestire l’abito monastico e ricevere il nome di “Nilo” a San Nazario dove realizzò la sua vocazione monastica. 

Il cammino di San Nilo è lungo 103 km suddiviso in 7 spettacolari tappe che arrivano fino a Palinuro. Il percorso è tracciato ed accessibile a tutti ed è caratterizzato da salite e discese tra i boschi di faggio della montagna, lecci e ulivi della macchia mediterranea e paesini medievali.

  • Via Postumia

Sono 932 i chilometri che dovrete percorrere per attraversare la Via Postumia a piedi o in bicicletta. Il cammino attraversa il Nord Italia da Est a Ovest e passa per città d'arte, borghi e natura incontaminata. 

La via Postumia era una delle più importanti vie consolari romane. La strada oggi non ricalca questa via, è stata completamente tracciata, attraversa il nord Italia e conduce fino al Cammino di Santiago. Parte dal Friuli Venezia Giulia, attraversa VenetoLombardiaEmilia RomagnaPiemonte, per giungere in Liguria

Il Cammino sulle orme dei Sanniti è lungo circa 400 Km e può essere fatto a piedi, in bicicletta, o a cavallo con partenza da Venafro e arrivo a Matera. Il sentiero percorre 160 km lungo il Regio Tratturo Castel di Sangro - Lucera. Chi continua a camminare oltre i confini del Molise raggiunge il Gargano percorrendo il Tratturello Campolato-Vieste, che si chiama tratturello per distinguerlo dal tratturo regio che in certi tratti è largo fino a 111 metri. 

24 chilometri delineano il tracciato del Tratturo Magno, che da L'Aquila arriva a Foggia, il più grande e importante dei cinque regi tratturi, le antiche strade della transumanza. Percorrerlo a piedi significa fare un vero e proprio viaggio nella storia e nella natura incontaminata. Il cammino si snoda tra Abruzzo e Puglia passando per il Molise.

Il Tratturo Magno è stato in attività fino a circa 50 anni fa, ogni anno passavano di lì circa 3 milioni di animali che si muovevano, a seconda della stagione dalle montagne aquilane alle pianure della Puglia. In questo articolo vi spiegiamo come percorrere il Tratturo Magno con mappa e percorso. 

  • Cammino di Assisi

300 chilometri, 13 tappe e paesaggi naturali mozzafiato. Il Cammino di Assisi, conosciuto anche come Via di Francesco, è un viaggio sulle orme di San Francesco e di Sant'Antonio e si snoda tra eremi e foreste sacre.

È un cammino spirituale, oltre che un trekking. Un viaggio alla scoperta di sé stessi (non necessariamente da percorrere per fini religiosi); un percorso da affrontare da soli che dovrete fare almeno una volta nella vita. 

Unisce Dovadola, in provincia di Forlì, ad Assisi e attraversa borghi, foreste sacre e vallate rigogliose. Il percorso attraversa nelle prime tappe le foreste tosco-romagnole del Parco del Casentino, mentre nella seonda parte passa per tratti pianeggianti e passa nei pressi di luoghi abitati. Lungo il sentiero troverete numerosi rifugi e sistemazioni per dormire.

1284 chilometri, 105 torri, 88 comuni e 450 chilometri di spiagge, per un totale di 60 giorni di cammino. 

È il #cammino100torri, un percorso scenico lungo la costa, per innamorarsi della Sardegna. Si chiama così per le 105 torri costiere che scandiscono il sentiero (che non si allontana mai dal mare per più di due chilometri) e che percorre il perimetro della Sardegna passando per spiagge, dune, chiese, fari e luoghi inaccessibili. 

Tra Umbria e Marche c'è un cammino di 167 km che si snoda su sentieri di montagna e strade sterrate e collega Assisi ed Ascoli Piceno. Ripercorre le orme di San Francesco che viaggiò a piedi tra queste due regioni. Il percorso passa per due regioni, quattro province e 17 comuni: solo il 40% di esso passa su strade asfaltate (ma comunque poco trafficate). Il resto percorre sentieri nel folto del bosco, guada fiumi e torrenti, passa per strade sterrate e costeggia antichi castelli e borghi remoti.

Scopri