Idee di viaggio

Cammino di Oropa, a piedi tra i santuari più belli del Piemonte

Un cammino che passa per borghi e natura incontaminata

Oropa A PIEDI Shutterstock
5/5

In Piemonte c'è un cammino che devi conoscere e ti porterà alla scoperta di natura incontaminata, santuari e paesaggi meno noti della provincia di Biella. È il Cammino di Oropa, un itinerario che sale fino alle alpi Biellesi. 

Il percorso è suddiviso in quattro tappe di lunghezza che varia dai 14 al 16 km, parte da Santhià in provincia di Vercelli e si conclude presso il Santuario di Oropa. Ecco tutto quello che devi sapere per percorrere uno dei cammini più belli del Piemonte. 

Cammino di Oropa

Per percorrere il cammino di Oropa, puoi richiedere delle Credenziali, un passaporto del pellegrino da timbrare ad ogni tappa. All'arrivo al Santuario di Oropa, otterrai il Testimonium, un attestato firmato dal Rettore del Santuario. La credenziale ti darà diritto a usufruire delle speciali convenzioni. 

Il cammino di Oropa parte Santhià e arriva al Santuario di Oropa in provincia di Biella. È suddiviso in quattro brevi tappe, non è impegnativo ed adatto a tutti. L'itinerario è ben segnalato con segnaletica e indicazioni. L'itinerario parte dalla stazione ferroviaria di Santhià e fa tappa a Roppolo, Torrazzo, Santuario di Graglia, e arriva fino al Santuario di Oropa

Nella seconda tappa potrai raggiungere, con una variante, Sala Biellese o Magnano. Nella quarta tappa puoi invece scegliere tra il percorso principale che sale a Oropa lungo il sentiero D1; oppure, una volta arrivati in prossimità del villaggio di Favaro, imboccare il facile sentiero che sale verso Oropa lungo la vecchia tramvia dismessa.

Tappe e percorsi

  • Da Santhià a Roppolo

Il cammino si sviluppa lungo la Via Francigena e conduce verso le colline dell’anfiteatro morenico d’Ivrea. Dopo aver attraversato il paese di Cavaglià si giunge a Roppolo, da cui ammirare il panorama sul lago di Viverone.

  • Da Roppolo a Torrazzo

La seconda tappa ti porterà nei boschi della Serra d’Ivrea, l’anfiteatro morenico più grande d’Europa. Raggiungerai Ricetto di Viverone, l'antico borgo fortificato da cui si gode di un bellissimo panorama sull'anfiteatro morenico di Ivrea e sul Lago di Viverone.

Dal paesino di Zimone potrai fare una sosta al Monastero di Bose, all'antico Borgo di Magnano, per poi raggiungere Torrazzo. Da qui potrai prendere la variante per arrivare a Sala Biellese.

  • Da Torrazzo al Santuario di Graglia

Il percorso passa per gli antichi boschi della Serra Morenica d’Ivrea, intervallati da prati e cascine. Si sale verso Donato, per arrivare al Santuario di Graglia.

  • Dal Santuario di Graglia al Santuario di Oropa

Il percorso si sviluppa sul fianco del Mombarone e scende su una ripida mulattiera fino ad attraversare il fiume Elvo, prima di risalire verso Sordevolo. Da qui il percorso si fa più impegnativo, è il sentiero D1, che sale verso il Santuario di Oropa, incastonato tra le montagne in una piccola valle delle Alpi Biellesi. 

Per maggiori informazioni su tappa e percorsi visitate il sito ufficiale https://www.camminodioropa.it

Come organizzare il Cammino di Oropa

 

  • Come ottenere la Credenziale

 

Il Cammino di Oropa, come altri cammini religiosi, ha una Credenziale sulla quale verranno apposti i timbri ad ogni tappa che testimonieranno il percorso fatto fino al Santuario di Oropa. La Credenziale ufficiale dà diritto a prezzi speciali nelle strutture convenzionate. 

Dove si richiede la Credenziale? Il passaporto del pellegrino si richiede all'Associazione degli Amici della Via Francigena di Santhià chiamando il numero 3664404253 per prendere appuntamento, oppure alla Casa del Movimento Lento di Roppolo, da contattare al 3357979550 o scrivendo una mail a casa@movimentolento.it. Per ottonere la Credenziale è richiesta un'offerta di almeno 3 Euro, utilizzati dall'Associazione di Santhià per l'acquisto dei materiali necessari per la manutenzione dell'itinerario. 

 

  • Come ottenere il Testimonium

 

I viandanti provvisti della credenziale ufficiale, al loro arrivo al Santuario di Oropa potranno richiedere un "Testimonium" presso l'ufficio Sante Messe, nel portico sul lato destro rispetto alla Basilica Antica del santuario. 

 

  • Come si arriva a Santhià e da Oropa a Santhià?

 

Si arriva a Santhià in treno o in auto (linea ferroviaria o autostrada Milano-Torino) e, una volta arrivati a Oropa si ritorna a Biella con l'autobus urbano e il treno per arrivare a Santhià in meno di mezz'ora. 

Se arrivate in auto potete lasciarla all'autorimessa Belotti, vicino alla stazione di Santhià, che riserva un prezzo speciale ai pellegrini di 7 Euro/giorno per un parcheggio al coperto, tel. 0161 94335. Altrimenti vicino alla stazione ci sono vari parcheggi pubblici gratuiti in cui in genere non ci sono problemi a lasciare l'auto per pochi giorni. Ad esempio potete parcheggiare in Via Tagliamento, dove gran parte dei parcheggi non richiedono disco orario, oppure nel parcheggio vicino alla Coop di Via Ferraris.

 

  • Come è segnato il percorso?

 

L'itinerario è completamente segnalato con segnavia gialli e neri e la scritta "Cammino d'Oropa". 

 

  • Cosa portare?

 

Portate con voi un repellente per le zanzare che sono tante specialmente in estate e tarda primavera. Vestitevi a strati e siate pronti per le piogge. La prima tappa è completamente esposta al sole. Portate con voi un cappello, crema solare e occhiali da sole. Per tutto il resto valgono le regole su come preparare lo zaino per un cammino.

Mappa e cartina

Sul sito ufficiale troverai mappa, cartina e percorso Gps che vi auteranno durante la camminata.

Scopri