Idee di viaggio

8 cammini bellissimi da fare a piedi in Campania

Tutti i cammini segnati per organizzare un viaggio lento in Campania.

Sentiero degli Dei A PIEDI Shutterstock
5/5

Camminare fa bene al corpo e alla mente e permette di prendersi una pausa di natura rispetto al cemento e alle corse quotidiane in città. In Italia ci sono numerosi cammini segnati che permettono di viaggiare a piedi con lo zaino in spalla, passando per borghi, natura e città (qui trovate i migliori cammini da fare in Italia). 

Il Mibact ha creato un atlante dei cammini italiani (qui trovi la mappa del Mibact dei Cammini d'Italia) in cui ha inserito i cammini opportunamente segnati che rispondono a determinati standardi di fruibilità per l'utente. I cammini della Campania sono rimasti per ora esclusi da questo atlante ma la regione sta lavorando, con il contributo finanziario del governo, per rendere fruibili alcuni dei principali cammini che attraversano la regione, tra cui la via Francigena e la Via Viarum, ovvero l'antica via Appia. 

Cammini in Campania

Il fatto che per ora i cammini della Campania non compaiono nell'atlante del Mibact non significa che essi non possono essere percorribili. In questa guida abbiamo selezionato i cammini della Campania da percorrere assolutamente nei tratti opportunamente segnalati e fruibili. Abbiamo incluso nella guida anche qualche escursione che, sebbene non coinvolga tappe di più giorni, rappresenta un modo speciale per prepararsi ai cammini più lunghi.  Quali sono i cammini da fare a piedi in Campania? Prima di fare un cammino accertatevi di avere tutte le informazioni disponibili sull'itinerario (lunghezza delle tappe, luoghi per fermarsi a dormire) e di allenarvi prima della partenza, camminando tutti i giorni e allenando con voi anche le vostre scarpe da trekking, che non devono assolutamente essere nuove. A questo link trovate una utile guida alle cose da sapere prima di fare un cammino.

Cammini più belli da fare in Campania

Abbiamo selezionato 8 cammini da fare assolutamente in Campania. A questi si aggiungono la Traversata del Parco Regionale del Matese (al quale mancano solo 2 requisiti per entrare a far parte dell’atlante del MiBACT), il Sentiero Italia, un work in progress di 6 mila chilometri lungo tutta la Penisola italiana, il Cammino degli Internazionalisti o Sentiero degli Anarchici e il Regio Tratturo Pescasseroli-Candela.

Il Cammino di San Nilo segue il sentiero che portò il giovane Nicola, nativo di Rossano Calabro, a vestire l’abito monastico e ricevere il nome di “Nilo” a San Nazario. Oltre ai luoghi toccati dal viaggio del Santo, rientrano nel cammino altri luoghi al monachesimo italogreco nel Cilento meridionale.  

Il cammino di San Nilo misura 103 km ed è suddiviso in 7 spettacolari tappe che arrivano fino a Palinuro. Il percorso è tracciato ed è caratterizzato da salite e discese tra boschi di faggio, lecci, ulivi e paesini medievali.

Lungo il cammino si attraversano 11 borghi immersi nella natura del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, l’unico Parco Nazionale al mondo a vantare quattro riconoscimenti UNESCO: Patrimonio dell’umanità, Biosfera MAB, Geosito e Patrimonio Immateriale grazie alla Dieta Mediterranea. Maggiori info su www.camminodisannilo.it

  • Francigena del Sud

La via Francigena ha delle varianti interessanti che dal Sud Italia portano a Roma. Non esiste infatti una unica Francigena del Sud, ne esistono diverse, tante quante i percorsi che dalla Puglia e dalla Calabria salivano a Roma. Qui trovate tutte le info sulle Vie Francigene del Sud.

  • Cammino dell'anima

Il cammino dell'Anima è uno degli itinerari delle Francigene del Sud che passa per la Campania e che può essere agevolmente percorso perché ben segnato e di facile fruizione. Misura 55 chilometri nel territorio nord-occidentale della provincia di Benevento, da Faicchio a Pietrelcina lungo la valle del Titerno. Il percorso passa per San Salvatore Telesino e per l’Abbazia Benedettina fino alla zona archeologica dell’Antica Telesia, città di origini romane, di cui si sta riportando alla luce l’anfiteatro. Le acque del rio Grassano fanno da cornice alla strada che ci porta a Telese Terme dove possiamo visitare la Torre Longobarda e rilassarci negli stabilimenti termali.  Da Benevento, seguendo la Via Appia Traiana e alcuni percorsi secondari, si giunge a Pietrelcina.

La Via Micaelica, o via dell’Angelo, collega Roma a Monte Sant’Angelo, in provincia di Foggia, passando per la Campania. Il cammino è legato al culto micaelico e nasce probabilmente intorno al 708 quando in Normandia, venne fondato il Santuario di Saint Michel su delle reliquie fatte prelevare dal Gargano dal Vescovo Oberto. Sul sito Francigene del Sud o su jubilantes.it sono scaricabili le tracce GPS ed è consultabile una mappa con le strutture di accoglienza. 

La via Silente nasce come percorso ciclabile, ma nulla vieta di percorrerla a piedi. Il 70% del percorso si svolge su strada asfalta in territorio collinare e a bassa percorrenza. Ogni tappa, essendo pensata per la bicicletta, è un po' più lunga delle tappe usuali dei cammini e misura circa 35 km di tragitto. Le tappe sono 15 ma nessuno vieta di prendersela più comoda e fermarsi più spesso. Necessario però studiare con cura il percorso e capire quali possono essere le tappe aggiuntive e se presentano punti di ristoro e alloggi. 

  • Sentiero degli Dei

Il sentiero degli Dei è un percorso escursionistico di circa 8 km che attraversa i terrazzamenti e le mulattiere della Costiera Amalfitana, da Agerola a Positano. Si chiama Sentiero degli Dei perché secondo il mito e la leggenda è qui che passarono le divinità greche per salvare Ulisse dalle Sirene. Il sentiero degli Dei è uno degli itinerari più belli e panoramici della Campania. 

  • Sentiero del Mediterraneo a Marina di Camerota

Il Sentiero del Mediterraneo parte da Marina di Camerota, sale sui 170 metri del Monte di Luna ed attraversa tre tra le spiaggie piu belle del Cilento: la spiaggia del Pozzallo, Cala Bianca e la Baia degli Infreschi, riserva marina protetta e porto naturale. Il sentiero del Mediterraneo è un semplice sentiero che si percorre in una giornata di cammino.

Il Sentiero del Mediterraneo di Marina di Camerota è incluso in un sentiero molto più grande che attraversa l'intera penisola italiana, partendo dalla Basilicata e per arrivare in Francia, percorrendo 4200 km di costa. 

La scelta del tracciato, condizionata dall’orografia accidentata della costa e dalle difficoltà presenti sul territorio, comela forte concentrazione antropica in alcune aree come la Campania, la Liguria e la Toscana, abbandona spesso la linea costiera, deviando verso l’interno. 

Scopri