Idee di viaggio

La Grotta di Eolo, l'angolo segreto della Reggia di Caserta

La grotta perduta era nascosta dagli anni 70

Reggia di Caserta WEEKEND Shutterstock
4.2/5

Le meraviglie della Reggia di Caserta non smetteranno mai di stupirci. Un tesoro nascosto dagli anni '70, torna alla luce dopo tanti anni. È la Grotta di Eolo, un tesoro segreto che presto sarà oggetto di un importante restauro. 

La grotta è tornata alla luce dopo i lavori di pulizia e ripristino degli ambienti del Parco della Reggia di Caserta. Ecco la scoperta. 

LEGGI ANCHE: POSTI POCO CONOSCIUTI DELLA CAMPANIA

Grotta di Eolo

Durante i lavori di manutenzione e restauro di alcune zone della Reggia di Caserta è tornato alla luce un luogo perduto, una grotta che custodisce un piccolo tesoro fatto di sculture, capitelli, fregi e stemmi: è la Grotta di Eolo

Si tratta di un paradiso perduto, rimasto segreto dagli anni ’70. Nella grotta, ripulita da rovi e piante infestanti, è tornato alla luce un tesoro composto da oltre 300 pezzi tra capitelli, foglie d'acanto, fregi e stemmi, appartenuti ai gruppi scultorei del Parco Reale, rinvenuti in parte anche nella macchia boschiva e nei depositi, sono riemersi dall'oblio.

I reperti sono stati fotografati e catalogati in attesa di poter tornare, dove possibile, nella loro collocazione originaria.

La grotta non è ancora visitabile perché sarà oggetto di una importante ristrutturazione. Ecco le foto e il video ufficiale dalla pagina Facebook della Reggia di Caserta. 

Scopri