Idee di viaggio

I campi di girasole più belli da ammirare in Italia

Ecco dove trovare i campi colorati da nord a sud

I campi di girasole più belli da ammirare in Italia WEEKEND Shutterstock
5/5

Se c’è un fiore che, per eccellenza, ricorda e rappresenta l’estate quello è di certo il girasole. Il suo giallo intenso e luminoso non può che ricordare a tutti la stagione più calda e allegra dell’anno. E la capacità unica che questo fiore ha di ruotare sempre verso la luce del sole, ricalca tanto l’abitudine tutta estiva che hanno le persone di seguire i raggi per un po’ di abbronzatura. 

L’Heliantus (questo il nome scientifico del girasole, che deriva dal greco: “helios”, sole e “anthos” fiore. Letteralmente fiore del sole) è l’ideale nei mazzi regalo che servono anche solo per dire a qualcuno che lo si sta pensando. Ed è perfetto nei vasi da appartamento per dare un po’ di colore alla casa nei pomeriggi estivi in cui non si è ancora in vacanza. Il girasole fiorisce in durante la stagione estiva, il periodo clou della fioritura è nel mesi che vanno da luglio ad ottobre

Il fascino del girasole, è evidente di fronte alle grandi distese e ai campi pieni di questo fiore bellissimo e dal colore intenso. Per un weekend fuori porta o una gita veloce si potrebbe pensare di visitarne qualcuno in estate! Ecco allora quali sono i più bei campi di girasole in Italia.

I campi di girasole più belli da ammirare in Italia

  • Vimercate – Lombardia
  • Sirolo – Marche
  • Rosignano Monferrato – Piemonte
  • Foggia –Puglia
  • Massa Marittima – Toscana

Vimercate – Lombardia

Un grande campo di girasoli, di ben 13 ettari, si trova a Vimercate, in Brianza. La Lombardia non è particolarmente conosciuta per le sue coltivazioni floreali e soprattutto di girasoli, ma questa coltivazione è un volere dell’azienda agricola Frigerio Augusto che ha deciso di abbellire parte del suo terreno proprio con un luminoso campo.

Sirolo – Marche

Le Marche sono una delle regioni d’Italia in cui è più facile imbattersi nelle distese di girasoli. Le coltivazioni floreali e, nello specifico, quelle di girasoli qui sono infatti tantissime. La provincia di Macerata – e soprattutto le zone rurali attorno a Senigallia – pullula di coltivazioni di girasoli. Ma, in particolare, è nel comune di Sirolo, alle pendici del Monte Coronero, che è estremamente facile ammirare ampie distese gialle. Si tratta di un piccolo borgo in cui le colline si affacciano direttamente sul mare e, in estate, spesso, le lunghe distese si colorano di un giallo intenso e luminoso.

Rosignano Monferrato – Piemonte

La provincia di Alessandria è la zona dove è possibile ammirare la maggior parte di campi di girasole presenti in Piemonte. In particolare, Rosignano Monferrato, un borgo di 1.524 abitanti – incastonato nei colli, tra Asti, Alessandria e Casale – ospita una delle più grandi distese di girasoli di tutta la regione. 

Foggia – Puglia

L’idea di un campo di girasoli in Puglia è venuta all’agricoltore Giuseppe Savino – fondatore dell’hub rurale Vazapp'– che negli anni passati aveva già scelto di arricchire la sua terra con un enorme piantagione di tulipani. 

Per questa sua seconda idea floreale invece Savino ha scelto per Foggia il fiore dell’estate: il girasole. Si tratta nello specifico di un campo in cui sono stati piantati 40.000 girasoli. La particolarità della distesa pugliese è che non si tratta solo dei classici girasoli gialli, ma qui è possibile trovarne di diversi colori.

Massa Marittima – Toscana

Tra tutte le regioni d’Italia, la regina in fatto di campi di girasole è certamente la Toscana. Diverse sono infatti le zone di questa terra in cui è possibile ammirare le distese in fiore, soprattutto – ovviamente – nel periodo estivo. Ci sono nella zona del Chianti, nel Mugello o in Val d’Orcia

La più famosa delle coltivazioni di girasoli si trova però a Massa Marittima. Qui, le distese di girasoli in fiore, sono una vera e propria tradizione: la coltivazione risale infatti a oltre 100 anni fa. Per vedere la famosa distesa basta percorre la strada che da Colle val d’Elsa conduce alle zone marittime di Punta Ala e Castiglione della Pescaia.

Autore: Paola Toia

Scopri