Idee di viaggio

Cosa vedere in Emilia-Romagna

Città, borghi, parchi e riserve da scoprire

Torrechiara WEEKEND Shutterstock
5/5

Due nomi, due accenti, due modi d’intendere la vita, una sola grande regione: l’Emilia-Romagna capace di tenere insieme sul suo territorio una moltitudine di paesaggi, tradizioni, città d’arte, motori, eccellenze gastronomiche e ospitalità come pochi altri luoghi in Italia.

Antichi borghi medievali e rinascimentali, morbide colline, lunghe strisce di spiagge sabbiose, riserve naturali, foreste, laghi incantevoli, itinerari religiosi, grotte, sorgenti, percorsi naturalistici, un elenco potenzialmente infinito di attrazioni e luoghi d’interesse di una regione dalle tante anime, capace di regalare innumerevoli opzioni di esplorazione e scoperte a chi la visita.

Dagli Appennini, alla foce del fiume Po e fino alla costa adriatica questo territorio è da sempre uno dei più variegati e vivaci d’Italia, sotto il profilo culturale, gastronomico e paesaggistico.

Immaginiamo allora di metterci al volante del nostro Zinga Vagon del ‘66 per un ideale viaggio on the road e andare alla scoperta delle tante meraviglie disseminate in ogni angolo di questa sorprendente regione italiana.

La prima strada da percorrere col nostro furgoncino è senza dubbio la Via Emilia, la storica strada consolare romana, che attraversa la regione dalla Pianura Padana agli Appennini, passando per alcune delle città più significative tra Rimini e Piacenza e che funge da vero compendio introduttivo a questo variegato territorio.

Un vero itinerario a tappe tra castelli, borghi, siti del patrimonio UNESCO, stabilimenti termali e città d’arte che permette di entrare dritti nel cuore della regione.

Cosa vedere in Emilia-Romagna

  • Le città

Bologna, Ferrara, Modena, Parma, Ravenna, Reggio Emilia sono solo alcune delle città che si incontrano lungo il viaggio e che sono capaci di trasmettere tutto il fascino e la storia di questo territorio.

Il capoluogo Bologna è il più grande centro urbano della regione, da sempre una delle città più vibranti e riconoscibili d’Italia, sede della più antica università europea, conserva un centro storico dove passeggiare sotto i caratteristici portici ad arco tra le sue meraviglie come Piazza Maggiore e Le Due Torri. Grazie anche alla sua atmosfera vivace e alle sue infinite prelibatezze gastronomiche regala a chi la visita un soggiorno divertente e godurioso.

A Ferrara spiccano ancora le testimonianze della storica eredità della nobile famiglia Este, a partire dall’antica cinta muraria che circonda la città, dal Castello Estense che svetta sul centro urbano, alla cattedrale romanica, al Palazzo dei Diamanti, al Corso Ercole I D’Este e a Via delle Erbe in tour ideale da fare pedalando in una delle città più ciclabili d’Italia. 

Con i suoi edifici aristocratici e i suoi viali eleganti che costellano un raccolto e delizioso centro storico ricco anche di importanti chiese, Parma è la città più raffinata della regione. La città ducale eccelle per arte e cultura musicale che prende forma all’interno dei suoi numerosi teatri storici, che la rendono meta imperdibile per gli amanti dell’opera. Inoltre a Parma nascono anche alcune tra le specialità italiane più amate nel mondo come il Parmigiano Reggiano e il prosciutto crudo di Parma.

Altrettanto ricca di storia e monumenti e buona gastronomia è Reggio Emilia, Piazza Prampolini, la settecentesca Torre dell’Orologio e soprattutto lo storico Museo del Tricolore all’interno del Palazzo Comunale sono da non perdere quando si visita la città.

Tra i vanti di Modena ci sono un incredibile centro storico estense entrato nella lista patrimonio mondiale dell'UNESCO, il museo della Ferrari che svela i segreti di un mito immortale e l’altrettanto famoso e amato aceto balsamico da gustare nei tanti ristoranti locali.

Piazza Duomo e Piazza Cavalli al centro città rendono Piacenza un piccolo gioiello da riscoprire in tutta calma, tra palazzi nobiliari, chiese antiche e atmosfera rilassata anche nelle vallate che la circondano.

Se invece ci spostiamo sul versante orientale della regione incontriamo la storica città di Ravenna ultima capitale dell'impero romano d'Occidente. Per via di questo glorioso passato qui si trova ancora un eccezionale patrimonio artistico, in larga parte nella lista dei tesori Unesco, come la tomba di Dante Alighieri, rovine di edifici romani e chiese monumentali come la Basilica di Sant'Apollinare che custodisce ancora un’incredibile e rara serie di mosaici bizantini.

Arrivando sulla costa adriatica entriamo infine nella città più evocativa della Romagna, Rimini, nota in tutta Europa per le sue distese di spiaggia sabbiosa a perdita d’occhio, per la sua leggendaria vita notturna e per un centro storico ricco di antiche rovine romane, musei e hotel di lusso divenuti parte dell’immaginario collettivo.

  • Bologna
  • Ferrara
  • Modena
  • Parma
  • Ravenna
  • Reggio Emilia
  • Piacenza
  • Rimini

La costellazione di antichi e suggestivi borghi disseminata su tutto il territorio emiliano romagnolo è una delle ricchezze di queste regione. Piccoli villaggi di origine medioevale arroccati sui colli, adagiati nelle vallate o affacciati sul mar Adriatico rappresentano la tradizione paesaggistica e culturale di questa terra. 

L’Appennino Tosco-Emiliano, la Pianura Padana e la costiera Adriatica sono le aree paesaggistiche più ricche di comuni e paesi incastonati in ambienti naturali mozzafiato e arricchiti da imponenti castelli ancora in ottimo stato di conservazione. Tra i borghi più suggestivi della regione vengono inseriti i piccoli comuni di Bobbio nota per i suoi monumenti, chiese, palazzi e per il suggestivo Ponte del Diavolo, Brisighella terra dell’Olio extravergine di oliva DOP, Castell’Arquato con la sua fortezza, Compiano, Dozza famosa per i suoi murales e meta dei migliori street artist internazionali, Fiumalbo all’interno del Parco del Frignano, Gualtieri per ritrovare le tracce del pittore Ligabue, Montefiore Conca con la sua fortezza che svetta sulle colline, Montegridolfo circondato da uliveti e vigneti, San Giovanni in Marignano antico granaio, San Leo con la sua imponente Rocca, Verucchio di origine etrusca e Vigoleno panoramico e ottimamente conservato, tutti con la una propria identità riconoscibile e tutti annoverati nella lista dei borghi più belli d’Italia, grazie alle loro qualità turistiche, storiche e paesaggistiche.

Da non perdere ci sono poi tanti altri piccoli paesi che meritano di essere riscoperti come i borghi di Grazzano Visconti e Cortemaggiore nel piacentino, Busseto, Fontanellato, Colorno, Torrechiara e Sant’Andrea Bagni nel parmense, Castelvetro di Modena, Fanano e Sestola nel modenese, Bagno di Romagna, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Longiano, Monteleone, Portico di Romagna, San Benedetto in Alpe e Premilcuore in provincia di Forlì e i borghi di riviera in provincia di Rimini come Pennabilli.

  • Fontanellato
  • Busseto 
  • Montefiore Conca 
  • Castell’Arquato
  • Vigoleno
  • Bobbio
  • Castelvetro di Modena
  • Fanano
  • Fiumalbo
  • Sestola
  • Bagno di Romagna
  • Brisighella
  • Castrocaro Terme
  • Longiano
  • Monteleone
  • Montefiore Conca
  • Pennabilli
  • San Leo
  • Verucchio
  • San Benedetto in Alpe
  • Premilcuore

  • Parchi, riserve e natura

L’intero territorio dell’Emilia Romagna presenta una fitta rete di riserve naturali e parchi che si estendono dagli Appenini al Mar Adriatico con: due parchi nazionali (quello dell’Appenino Tosco –Emiliano e quello delle Foreste Casentinesi), un parco interregionale (Sasso Simone e Simoncello), 14 parchi regionali e 17 riserve naturali. Qui si trovano alcuni rari ecosistemi e tesori di biodiversità tra ambienti naturali di ogni tipo, migliaia di specie vegetali e centinaia di quelle animali.

Questa enorme ricchezza paesaggistica e ambientale offre anche numerosi spunti per gite di un giorno e visite nel cuore della natura regionale, dalle aree montuose con i percorsi di trekking sugli Appennini a sud di Reggio Emilia a quelle lagunari del Delta del Po dove dedicarsi al birdwatching. 

GUARDA ANCHE: AUTUNNO IN EMILIA ROMAGNA

Oltre alle Riserve regionali di Ghirardi, Bosco di Scardavilla, Rupe di Campotrera, Dune fossili di Massenzatica e Alfonsine da non mancare per chi ama fare esperienze significative all’aria aperta, segnaliamo le suggestive mete paesaggistiche delle Valli di Comacchio composte da numerosi specchi d’acqua abitati da numerose specie animali, Il lago di Ridracoli nato dalla diga del Fiume Bidente all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi da percorrere con sentieri escursionistici, Il parco dei Sassi di Roccamaltina sull’ Appennino Modenese pieno di borghi e percorsi nel verde per biciclette e cavalli, Il Parco del Corno alle Scale che contiene le spettacolari Cascate del Dardagna e Il Lago Santo Parmense raggiungibile con un memorabile viaggio in seggiovia.

  • Parco Nazionale dell’Appenino Tosco –Emiliano 
  • Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi
  • Parco di Sasso Simone e Simoncello
  • Parco dei Sassi di Roccamaltina
  • Riserve regionali di Ghirardi
  • Bosco di Scardavilla
  • Rupe di Campotrera
  • Dune fossili di Massenzatica e Alfonsine
  • Valli di Comacchio
  • Lago di Ridracoli
  • Parco del Corno alle Scale

Spiagge più belle dell'Emilia Romagna

Questa regione è anche luogo delle mete balneari più frequentate d’Italia, grazie alle centinaia di km che si allungano sulla riviera romagnola con sabbia dorata, stabilimenti attrezzati per famiglie e lidi pet friendly, fondali bassi ideali per bambini, street food tradizionale e possibilità di praticare ogni tipo di sport acquatico.

Centri balneari come Cesenatico, Rimini, Riccione, Cattolica, Gabicce Mare e molte altre località rendono la costiera adriatica tra le più visitate e ospitali per vacanze adatte ad ogni tipo di viaggiatore.

Vediamone alcune tra le più rinomate:

  • Spiaggia di Cesenatico - Cesenatico
  • Spiaggia di Marina di Ravenna - Ravenna
  • Spiaggia di Cattolica -Cattolica
  • Spiaggia di Marina Romea – Marina Romea
  • Spiaggia di Riccione- Riccione
  • Lido degli Estensi - Comacchio
  • Milano Marittima - Cervia
  • Spiaggia della Pinarella di Cervia - Cervia   
  • Spiaggia di Casal Borsetti - Casal Borsetti
  • Spiaggia della Bassona - Fosso Ghiaia
  • Spiaggia di Levante - Cesenatico
  • Spiaggia Isola dell'Amore - Goro
  • Lido di Classe e Bassona
  • Bellaria Igea Marina


Luoghi insoliti in Emilia Romagna: i meno conosciuti

Lontano dalle città principali c'è un lato segreto della regione fatto di luoghi isoliti e particolari che vale la pena scoprire. Il modo migliore per esplorare la regione è viaggiare lungo catena montuosa dell'Appennino, le paludi, le foreste, le grotte e le sorgenti naturali e i umerosi percorsi naturalistici. 

Tra le cose vedere assolutamente ci sono i castelli, le città termali e chiese romaniche disseminate lungo la Via Francigena ed eretti sulle verdi colline nei territori degli antichi Ducati di Parma, Piacenza e Pontremoli. Le fortezze nelle zone di Castel Arquato, Vigoleno, Soragna e Bardi sono tra le meglio conservate in Italia e offrono scorci panoramici e strutture di architettura romanica. Poco distante da Bologna, non perdete una visita al surreale castello Rocchetta Mattei

Cammini in Emilia-Romagna

Il modo migliore per esplorare il lato meno battuto dell'Emilia Romagna è a piedi, sono numerosi i percorsi che passano per la storica regione. Tra i più belli segnaliamo la storica via Francigena, la via degli Etruschi, la Via della Lana e della Seta e la Via degli Dei.

Gite fuori porta in Emilia Romagna

Natura, borghi, spiagge e meraviglie naturali ecco cosa vedere: 

  • Castell'Arquato
  • Le cascate del Dardagna
  • Il Parco del 100 laghi 
  • Zocca
  • Correggio 
  • Gatteo

 

Mappa e cartina

Autore: Giorgio Calabresi

Scopri