Idee di viaggio

I migliori itinerari per vacanze estive con i bambini

Ecco il meglio dell'Italia da esplorare con i più piccoli

Lago Trasimeno ESTATE Shutterstock
/5

L’Italia regala mete e panorami davvero per tutti gusti, sia che viaggiate tra adulti che con i bambini

I servizi dedicati a loro infatti sono tanti, come anche le destinazioni. Dal mare alla montagna, dalle passeggiate al relax, dalla scoperta alla cultura, il viaggio con i bambini diventa ricco di prime volte. 

Dove portarli dunque per l’estate? Ecco alcuni itinerari in Italia da percorrere con i vostri figli. 

LEGGI ANCHE: VACANZE IN ITALIA

Itinerari per l'estate con i bambini 

  • Ravenna e Marina di Ravenna per un weekend

Un fine settimana breve ma intenso, che intreccia storia e vita da mare: Ravenna è la meta più adatta. Un giorno infatti potrete dedicarlo alla visita della città, una perla che conta ben otto monumenti Patrimonio Mondiale Unesco. 

Dalle basiliche ai battisteri, tra mosaici e la tomba di Dante, la giornata trascorrerà in un tour culturale. E il giorno dopo si va in spiaggia: a 13 chilometri infatti dalla città si trova Marina di Ravenna, con la sua spiaggia ampia che si affaccia sull’Adriatico e tantissimi servizi per il divertimento dei bambini. 

  • In bici sul Delta del Po 

Per le famiglie più sportive la vacanza è in sella alla bici, percorrendo le tante ciclabili che costeggiano il fiume Po. Si può andare per esempio dalla Riserva Naturale del Bosco della Mesola fino al mare, seguendo la ciclabile lungo il Canal Bianco e l’argine del Po di Goro. Potete rilassarvi poi con un’escursione in motonave per incontrare le tante specie di uccelli che vivono nelle lagune, tra i canneti, per poi concludere con un tuffo, giungendo alla costa, nella zona organizzatissima dei Lidi (per esempio degli Estensi o delle Nazioni). 

  • Calabria: Parco Nazionale della Sila

Sila è polmone verde della Calabria. Si tratta infatti di più di 150 ettari di parco tra Catanzaro, Cosenza e Crotone. Può essere un meta alternativa per chi è stufo della vita da spiaggia. Qui infatti, lontani dal caos della costa, ci si immerge nella natura, tra pini e corsi d’acqua, e si cammina sui tanti sentieri tracciati del parco, fermandosi ad osservare la flora e la fauna. Oltre ai trekking potrete visitare diversi musei che fanno parte del Parco della Sila, come quello dell’Artigianato e della difesa del suolo a Longobucco o Il Museo della Civiltà agrosilvopastorale, delle arti e delle tradizioni ad Albi. 

LEGGI ANCHE: DOVE ANDARE IN MONTAGNA CON I BAMBINI

  • Città della Pieve e il Lago Trasimeno

Si dorme tra le colline, in campagna, trascorrendo la giornata tra borghi dalla storia antica, dove in estate spesso vengono messe in scena manifestazioni medievali di arti e mestieri, tra sagre e bancarelle. 

Il punto di partenza può essere Città della Pieve, per poi curiosare tra gli altri umbri e raggiungere invece il Lago Trasimeno per visitare Castiglione del Lago, per un bagno o ancora per prendere il traghetto e raggiungere la piccola Isola di Polvese. Ma da Città della Pieve è possibile programmare anche un tour ad Assisi o a Perugia, o ancora in Val d’Orcia, tra Pienza, Bagno Vignoni e San Quirico d’Orcia. 

  • La Riviera dei Fiori

Chi frequenta la Liguria spesso si limita alla vita da mare, ma la Riviera dei Fiori, quella zona a Ponente in provincia di Imperia, regala molto altro. Nel parco naturale della Riviera dei Fiori è infatti incluso l’intero tratto che va da Capo Mimosa, nel comune di Cervo, una pittoresca cittadina arroccata e romanica, dalla vista incredibile sulla costa circostante, fino alla foce del Rio San Luigi, a Ventimiglia. Organizzate una visita al borgo medievale di Taggia, al Castello dei Doria di Dolceacqua, al centro termale di Pigna, o ancora ad Apricale, uno dei borghi più belli d’Italia.

  • Tra Toscana e Lazio

Dopo qualche giorno di relax al mare all’Argentario, si va alla scoperta della Tuscia Viterbese, una delle zone più suggestive del Lazio, dove si alternano colline, borghi antichi, castelli e testimonianze dell’epoca etrusca. Tra centri storici e cucina locale, questo è un tour che farà contenti sia bambini che genitori. Potrete raggiungere anche Bolsena, che sorge su un colle alle pendici dei Monti Volsini, con il suo Lago, uno dei più grandi d’Italia. Non perdete Montefiascone, un tempo importante centro dello Stato Pontificio, Grotte di Castro, e Civita di Bagnoregio, sospesa su rocce di tufo e raggiungibile attraversando un ponte di 300 metri. 

Da nord a sud della Sardegna, per scoprirne non solo le spiagge e le coste così amate dai turisti italiani e non, ma anche l’entroterra, ricco di tradizioni e di cultura. Si può scegliere da dove partire o se percorrerne solo una parte, prenotando l’alloggio in posizioni strategiche e andando ogni giorno alla scoperta di una piccola parte di quest’isola meravigliosa. Da Cagliari alla Gallura, oppure da Castelsardo a Cagliari: ogni zona della Sardegna ha le sue peculiarità. Dalla storia antica dei nuraghe alle artigianato, vivrete un’isola diversa dalle solite rotte. 

Si parte dalla Calabria, oppure dalla Sicilia, per poi vivere delle giornate itineranti tra le varie isole Eolie: Vulcano, Stromboli, Salina, Panarea, Lipari, Filicudi, Alicudi. Ognuna di loro ha caratteristiche che la rendono unica e differente dalle altre. Una vacanza a tutto mare, se possibile da trascorrere in buona parte in barca, così da poter visitare anche calette e grotte, perla di questa zona e difficilmente raggiungibili in altro modo. 

Autore: Paola Toia

Scopri