Idee di viaggio

I laghetti di Percile

Tutto quello che devi sapere per raggiungere il paradiso verdissimo dei laghetti di Percile

Laghetti di Percile ESPLORAZIONI Shutterstock
5/5

Tra i monti Lucretili c'è un paradiso verde dove ci sono due laghi che vale assolutamente la pena di visitare: i laghetti di Percile.

Laghetti di Percile

I laghetti di Percile sono due piccoli laghi di origine carsica. Si sono formati infatti all'interno di due doline carsiche. La forma circolare dei laghi racconta questa loro origine insieme alle pareti rocciose a strapiombo lungo il cono. In seguito all'impermeabilizzazione delle doline, dovuta probabilmente a un processo franoso e alla sedimentazione di materiali impermeabili, l'acqua piovana impossibilitata a scendere in un percorso sotterraneo si racccoglie nei due suggestivi laghetti. 

I laghetti, anche chiamati Lagustelli, si trovano uno accanto all'altro. Il più piccolo, il Marraone è a un livello inferiore di 20 metri rispetto al maggiore e la sua massa d'acqua nella stagione secca si riduce sino quasi a scomparire.

Il più grande, il Fiaturno, ha un diametro di circa 96 metri e una profondità di 16 con un livello di acqua che diminuisce meno durante la stagione estiva.

Percile

Il borgo di Percile è un piccolo borgo ben conservato che conta poco più di 200 abitanti. Si trova nella provincia di Roma ai confini con quella di Rieti e meno di 60 km dalla capitale, all'interno del Parco Regionale dei Monti Lucretili.  Il borgo di Percile è inserito nella lista dei borghi più belli d'Italia ed è uno dei borghi più belli del Lazio.  Il borgo ha origine romana quando era solo un piccolo aggolomerato di case. Nel medioevo si espande e nell'area circostante, per difendere i paesi vicini nascono rocche e castelli.
Il palazzo Borghese, così chiamato perché fu di proprietà dei Borghese, è il palazzo nobiliare più bello del piccolo borgo. Non perdete la visita durante la Sagra della Ramiccia, la prima domenica di dicembre, in cui si mangiano speciali tagliatelle fatte a mano e tagliate finissime e condite con un sugo tradizionale. A primavera invece (a maggio) è tempo della Sagra degli Sparaci (gli asparagi) e la festa della Montagna che apre alla stagione delle escursioni. 

Itinerario e percorso

I laghi di Percile si trovano all'interno della foresta Demaniale "Lago" che tutela circa 900 ettari di bosco e radure. Ma come si raggiungono i laghi di Percile, detti anche Lagustelli di Percile? Qui trovate tutte le info per percorrere l'itinerario che conduce ai laghetti.

Il percorso parte dall'azienda "Lago", a 4 Km circa dal borgo di Percile in località Porcareccia. Si prende il sentiero che dopo una decina di metri conduce a un varco nella recinzione da cui inizia l'itinerario vero e proprio che si snoda su carrareccia. Si cammina lungo pascoli a cespuglio e boschi di roverella, cerro, carpino nero e orniello, prugnoli, biancospini, rovi e rose selvatiche. I laterizi raccontano la presenza di comunità agricole e pastorali già in età Repubblicana. La carrareccia prosegue poi nel bosco fitto fino a raggiungere il primo dei due laghi. 

La vista è sorprendente per la vegetazione intricata e impenetrabile che circonda il lago. Il sentiero non prosegue verso le rive che non possono essere raggiunte per garantire la conservazione di questo ambiente prezioso. 

La carrareccia prosegue verso il secondo lago le cui sponde sono facilmente raggiungibili. Proprio per questo, per l'afflusso dei visitatori e gli animali da pascolo, non appare incontaminato quanto il primo. 

Si prosegue poi sul sentiero che sale alltraverso i pascoli di prugnolo e rovo al sito medievale di Rovine Morella. Si tratta delle rovine dell'antico insediamento fortificato di Castel del Lago di cui rimangono pochi resti in muratura immersi nel fitto del bosco, tra edere e alberi monumentali. 

Proseguendo oltre ci si immette nuovamente su carrareccia che all'altezza dei laghi si ricongiunge con il percorso fatto all'andata. 

Foto e immagini

 

 

Mappa e cartina

Scopri