Idee di viaggio

La nuova Ciclovia Roma - San Felice Circeo

In bici lungo l'itinerario che collega Roma a San Felice a Circeo

Ciclovia Roma - San Felice Circeo: percorso e mappa IN BICI Shutterstock
5/5

Una delle notizie più attese e rinfrancanti dell’estate 2021 è arrivata proprio sul finire di Agosto quando il rientro alla routine settembrina sembrava già spazzare via ogni idea di fuga dalla città. 

Invece a rigenerare le fantasie di viaggiatori, amanti della natura e cicloamatori è arrivata salvifica l’inaugurazione ufficiale della nuova Ciclovia Roma – San Felice Circeo.

Che cos’è la nuova ciclovia Roma – San Felice Circeo?

Si tratta di un nuovo fantastico itinerario, messo a punto più volte, pensato per collegare in modo ottimale, sicuro e panoramico la capitale al borgo marinaro di San Felice Circeo, pedalando senza fretta immersi nella natura della campagna laziale.

Fino ad ora le uniche possibilità per spostarsi in bici tra queste due località era inoltrarsi nell’entroterra laziale passando sull’Appia per i tornanti dei Castelli Romani o avventurarsi verso la movimentata litoranea.

Questo nuovo percorso non rappresenta solo una valida alternativa per i ciclisti, ma anche un modo per riscoprire e valorizzare un territorio fatto di paesaggi nascosti, di località ancora poco battute dal turismo di massa, calandosi lentamente in una dimensione naturale simbiotica e sostenibile.

Qual è il percorso della ciclovia Roma – San Felice Circeo?

Dopo un lungo e scrupoloso lavoro per individuare il percorso migliore possibile tra Roma e San Felice Circeo, si è arrivati a delineare un affascinante itinerario, variegato e panoramico che mette insieme i tratti distintivi della natura laziale: mare, campagna, aree lacustri e riserve naturali protette.

La nuova ciclovia si snoda lungo un suggestivo percorso che attraversa campagne vista mare, aree verdi, costeggia laghi e corsi d’acqua, tocca l’agro pontino fino ad arrivare nel territorio incontaminato del magnifico Parco nazionale del Circeo, in un crescendo di natura incontaminata regno di grande biodiversità.

Le tappe di maggior rilievo naturalistico e paesaggistico dove una tappa lungo il percorso può regalare grandi suggestioni sono il Bosco dell’Armellino, il Bosco di Tre Cancelli, il Bosco della Biosfera Unesco, il Bosco di Torre Astura, il Bosco del Sughereto e la Pineta della Campana. 

Incantevoli sono anche gli scorci che si possono ammirare incontrando i laghi lungo il percorso come il Lago dei Monaci, il Lago di Paola, il lago di Caprolace e il Lago di Fogliano con il suo suggestivo borgo di grande rilievo naturalistico, storico ed architettonico perché costituito da una serie di antichi edifici settecenteschi, da un orto botanico pieno di numerose piante provenienti da varie parti del mondo e anche da un museo ornitologico.

Cosa vedere lungo la Ciclovia Roma - San Felice Circeo

 

  • Bosco dell’Armellino
  • Pineta “La Campana”
  • Sughereta Pomezia
  • bosco di Tre Cancelli – Fonti
  • Torre Astura
  • lago di Fogliano
  • lago dei Monaci
  • lago Caprolace
  • Lago di Paola
  • Bosco della Biosfera Unesco
  • San Felice Circeo

 

Per realizzare e mettere in piedi questo nuovo percorso, che ha qualcosa in più di una semplice ciclovia, c’è stato bisogno del lavoro e dello spirito d’iniziativa di due amici, amanti delle due ruote e del territorio come Andrea Romagnoli e Andrea Nataloni.

I due non solo hanno vagliato ogni possibile alternativa di itinerario incrociando la loro conoscenza del territorio con mappe e possibilità pratiche per arrivare al migliore punto di sintesi possibile, ma sono riusciti nel compito più arduo di coinvolgere le Amministrazioni Locali per trasformare il progetto in una realtà concreta.

Sebbene per questioni ambientali e amministrative il percorso abbia ancora uno status amatoriale esia bisognoso di alcuni interventi per rendersi più fruibile, le realtà coinvolte nel progetto vanno aumentando sempre di più, grazie al gemellaggio con associazioni locali impegnate nella tutela del territorio come ad esempio: Aiutiamo il Circeo a restare un promontorio, Fortino Circeo e Ass. Culturale Exotique, Romainmovimento Connessioni Sostenibili Ciclovia Anna Magnani.

Enti e organizzazioni che hanno a cuore la sostenibilità e il rispetto ambientale di un territorio che deve essere salvaguardato dagli effetti negativi del turismo di massa e che hanno nel mirino obiettivi concreti ed utili alla comunità come la difesa della scuola del centro storico di San Felice Circeo o la riapertura dell’accesso al mare a Sabaudia nei pressi della villa che fu di Alberto Moravia.

San Felice Circeo e il Parco Nazionale

Punto di arrivo della ciclovia, dove fermarsi a godere dell’impresa compiuta, è lo splendido borgo marinaro di origine medioevale di San Felice Circeo, un piccolo gioiello arroccato in cima a un promontorio a picco sul mare che regala un panorama unico.

Il centro storico di origine medioevale è cinto da antiche mura di protezione ed è attraversato da stradine e vicoli panoramici sul Golfo di Gaeta che si estende fino alle Isole Pontine. Nella sua piazza centrale si innalza la Torre dei Templari, con il suo caratteristico orologio e il portone d'ingresso del palazzo baronale che da sull’antico cortile del palazzo della famiglia Caetani. 

Con circa 8.000 ettari di terreno, il Parco Nazionale del Circeo è una delle oasi protette più interessanti d’Italia sul piano naturistico, grazie alla sua grande biodiversità che gli è valsa il titolo di Riserva della Biosfera conferito dall’Unesco. Al suo interno si trovano foreste estese e intatte, quattro laghi costieri, chilometri di dune sabbiose a ridosso del mare e una varietà di fauna di cinghiali e fenicotteri e flora con la rigogliosa macchia mediterranea.

Grazie al suo paesaggio meraviglioso di natura incontaminata tra mare, montagna Il Parco Naturale del Circeo si presta ottimamente a svariate attività dal trekking nel verde, al birdwatching, a percorsi ciclabili e alla visita di siti archeologici di rilievo come la Villa di Domiziano, considerata l’area archeologica più importante tra le centinaia presenti nel parco, alle Fonti di Lucullo: dove sgorga una benefica acqua minerale.

Se una volta scesi dalla bicicletta si avesse voglia di esplorare la zona in tutta tranquillità, la riserva offre la possibilità di camminate semplici e panoramiche alla portata di tutti, passeggiate in pianura immerse in paesaggi panoramici. Alcuni di questi partono dal Centro Visitatori Parco Nazionale del Circeo per la Riserva Naturale della Biosfera e presentano circuiti pianeggianti tra i boschi del Parco con sentieri segnati facili anche per chi ha bambini al seguito. Mulattiere, ponticelli, piste sterrate e ciclabili, conducono attraverso ambienti naturali suggestivi tra macchia mediterranea, baie, dune sabbiose e laghi a ridosso del mare con sentieri di circa un’ora.

Autore: Giorgio Calabresi

Scopri