Idee di viaggio

10 cose da fare a Roma e nel Lazio per il Ponte del 29 giugno

Itinerari per il lungo ponte di San Pietro e Paolo

Laghetto Subiaco WEEKEND Shutterstock
3/5

Roma festeggia i suoi patroni, San Pietro e Paolo, il 29 giugno. Chi vive e lavora in città, quest'anno avrà un lungo ponte per poter organizzare una piccola fuga al mare o per godersi il lato insolito della città

Senza allontanarsi troppo da casa, ci sono tanti posti del Lazio che meritano una visita; alcuni di essi si trovano lungo i sentieri meno battuti. Ci sono poi le spiagge vicino Roma e i trekking più belli da fare per scoprire angoli insoliti del Lazio.

Ecco 10 cose da fare per il ponte del 29 giugno a Roma e dintorni. 

GUARDA ANCHE: ROMA GRATIS 

Cosa fare per il ponte del 29 giugno 

Un piccolo paradiso naturale si trova a poca distanza da Roma. Un piccolo laghetto che è una vera e propria piscina naturale con acque color smeraldo, dove si getta il fiume Aniene creando una bellissima cascata. È il Laghetto di San Benedetto di Subiaco, un angolo di paradiso, nascosto tra i Monti Simbruini, è un posto magico ed è più volte è stato definito come "i caraibi a due passi da Roma". 

Il parco dei mostri di Bomarzo è un sorprendente giardino artistico creato nel 1500 nel cuore della Tuscia. Si tratta di un bizzarro parco a tema con riproduzioni di giganteschi animali allegorici, mostri e creature di pietra disseminate in un contesto immerso nella natura tra alberi e cascate. Con una semplice gita di un giorno, molto indicata per bambini e famiglie, si verrà trasportati in un mondo immaginario pieno di strani animali fantastici che rendono unica l’atmosfera di questo luogo incantato.

  •    Gaeta

Situata strategicamente tra Roma e Napoli, Gaeta è una piccola gemma sul Tirreno che offre diverse possibilità di svago come passare ore rilassanti in riva al suo splendido mare cristallino o passeggiare nel suo borgo antico appollaiato su una rocca a picco sul mare. Da non mancare assolutamente è la visita presso la Grotta Del Turco, una maestosa grotta di fronte al Mediterraneo che offre una prospettiva diversa e affascinante

Su una rupe che domina la valle del Turano, il castello di Rocca Sinilbalda, poco distante da Roma, è una spettacolare sintesi di fortezza e palazzo rinascimentale. L'edificio, opo il rifacimento del '500, ha assunto la forma di un’aquila dalle ali ripiegate o, secondo alcuni, di uno scorpione dall'aspetto sinistro. Ispirato alle Metamorfosi di Ovidio, il castello di origine medievale domina il piccolo borgo in pietra di Rocca Sinibalda, anch'esso da visitare.

In provincia di Latina c'è un luogo di rara bellezza, un giardino decadente per cui perdere la testa. Il Giardino di Ninfa, un gioiello segreto del Lazio, una meravigliosa oasi nata sulle rovine di una antica città. L'Oasi di Ninfa è il luogo perfetto da visitare nel weekend insieme al Castello di Sermoneta e il Parco Naturale Pantanello 

Tra la Salaria e la Nomentana c'è un minuscolo quartiere, esperimento architettonico di Gino Coppedè, da cui prende il nome. Le palazzine e i villini che fanno parte di questo angolo incantato di Roma fondono Art Decò, Gotico e Liberty e le visioni allucinate e personali del suo visionario creatore. Si entra attraverso un arco che unisce due palazzine, una sorta di portale per un mondo magico dentro Roma.

  • Casina delle Civette, Roma

La Casina delle Civette era il rifugio solitario dell'ultimo discentente Torlonia e si trova nascosta dietro una collina dell'omonimo parco. Giovanni Torlonia l'ha voluta arredare e decorare secondo i temi medievali e dell'Art Noveau in un mix inquietante e magico di stili, colori ed elementi grotteschi. Troverete la Casina delle Civette al numero civico 90 di via Nomentana, nel parco di Villa Torlonia. Qui trovate il sito ufficiale per visitare la Casina delle Civette e i Musei di Villa Torlonia. 

Il Castello di Santa Severa si trova a Nord di Roma, nella frazione di Santa Severa del comune di Santa Marinella. Sorge su un'area antichissima: il sito etrusco di Pyrgi, città portuale collegata all’antica Caere, l'attuale Cerveteri e fondata tra la fine del VII e gli inizi del VI secolo a.C. Deve il suo nome ad una giovane martire, Severa, morta in questo luogo insieme ai suoi fratelli sotto l’impero di Diocleziano. Il castello di Santa Severa è affacciato sulla spiaggia. Si può visitare all'interno, mentre all'esterno ospita il borghetto medioevale e un ristorante e un bar dove mangiare all'aperto. 

  • Orologio ad Acqua del Pincio, Roma

Al Pincio c'è un orologio azionato dall'acqua di una fontana. L'articolato marchingegno è ben visibile attraverso una struttura in vetro. L'orologio ad acqua è stato costruito nella seconda metà dell'800 dal domenicano Giovan Battista Embriaco e dall’architetto Gioacchino Ersoch.

  • Museo Condominiale di Tor Marancia, Roma

Nel quartiere di Tor Marancia a Roma c'è un museo speciale. È il primo museo condominiale del mondo ed è uno dei migliori luoghi da raggiungere per vedere la street art a Roma. Il museo a cielo a aperto espone opere e murales di 22 artisti internazionali. Il museo é nato attraverso il progetto Big City LIfe. Il condominio di circa 1000 famiglie vive in un comprensorio composto da 11 palazzine le cui facciate ospitano 22 murales realizzati da artisti provenienti da 11 paesi e 4 continenti differenti. 

Scopri