Idee di viaggio

Bomarzo: la storia del parco dei mostri

La storia del parco dei mostri di Bomarzo ispirato dall'arte e che ispirò e continua ad ispirare l'arte.

Bomarzo WEEKEND Shutterstock
/5

BOMARZO PARCO DEI MOSTRI

Il Parco dei Mostri di Bomarzo è un parco unico dove i miti e la mitologia, i mostri ed i personaggi della letteratura diventano creature reali fatte di pietra e ricoperte dal muschio che avanza.

In tanti nel corso della storia hanno cercato di svelare la loro logica misteriosa, ma non c'è stato molto da fare: il Parco dei Mostri non risponde ad una logica precisa e proprio come i mostri interiori e gli archetipi che rappresenta è complesso e aperto ad interpretazioni mutevoli.

GUARDA ANCHE: I GIARDINI DELLA SPECULAZIONE COSMICA

LA STORIA DEL PARCO DI BOMARZO

La creazione del parco, che il suo mecenate chiamò il Sacro Bosco, risale al lontano 1547.

Il principe Pier Francesco Orsini lo commissionò all'architetto ed antiquario Pirro Ligorio che con grande abilità visionaria elevò a sistema il genere grotesque.

Statue mitologiche ed enigmatiche, simboli alchemici e mostri di ogni genere spuntano tra il folto del bosco e intorno ad architetture impossibili (come la casa inclinata che vedete qui sotto).

GUARDA ANCHE: COSA VEDERE A VITERBO

E poi c'è il tempietto funebre dedicato a Giulia Farnese (omonima dell'amante del Papa spagnolo e moglie del principe) con la cupola modellata su quella di Santa Maria del Fiore a Firenze. A lei è dedicato il parco che secondo un'iscrizione sembra nascere con uno scopo semplice e umano, Sol per sfogare il core.

come-visitare-parco-mostri-bomarzo

Luca Lorenzelli / Shutterstock.com

bomarzo-parco-dei-mostri_1

bomarzo-visitare

 

 

#bomarzo#viterbo#italy#monsterpark#instamoment#instatravel

Una foto pubblicata da Cristiano-Italy (@cri_dalma) in data Ott 10, 2014 at 6:22 PDT

 

#bomarzo#italy#monsterpark

Una foto pubblicata da Cristiano-Italy (@cri_dalma) in data Ott 10, 2014 at 6:20 PDT

Il parco è una specie di oasi fiabesca in cui si cammina nella mitologia e tra le citazioni letterarie, dalle Metamorfosi di Ovidio alla Divina Commedia, passando per il Decamerone.

#bomarzo#viterbo#italy#monsterpark#beautiful

Una foto pubblicata da Cristiano-Italy (@cri_dalma) in data Ott 10, 2014 at 2:37 PDT

 

#bomarzo#monsterpark#viterbo#italy#incredibleplace#weekend#2014

Una foto pubblicata da Cristiano-Italy (@cri_dalma) in data Ott 10, 2014 at 2:33 PDT

Salvador Dalì si innamorò del parco e da lui si lasciò ispirare (qui trovate il video di Dalì a Bomarzo). Michelangelo Antonioni gli dedicò un famoso documentario di 10 minuti, La villa dei mostri. Lina Wertmuller ci girò qualche scena di un piccolo gioiello della Commedia Italiana, Sotto sotto strapazzato da anomala passione.

 

 

 

 

COME ARRIVARE A BOMARZO

Il Parco dei Mostri si raggiunge facilmente in macchina dall'uscita Orte (da Sud) e Attigliano (da Nord) dell'A1.

Con i mezzi pubblici non è facilmente raggiungibile anche se ci sono autobus Cotral che dalla stazione di Orte o da Viterbo raggiungono il paesino di Bomarzo.

ORARI DEL PARCO DEI MOSTRI

 Il Parco è aperto tutti i giorni dalle 08.30 alle 19.00 e fino al tramonto da novembre a marzo.

DINTORNI DI BOMARZO

TERME DEI PAPI

CAPRAROLA, UNO DEI BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA

 

 

Scopri