Idee di viaggio

Cinque Terre in Autunno: le esperienze da provare

Cosa fare e vedere durante la stagione più colorata dell'anno

Cinque Terre in Autunno: le esperienze da provare WEEKEND Shutterstock
5/5

La riviera ligure e le Cinque Terre sono diventate un must della stagione estiva. Borghi colorati, locali alla moda, porti turistici, boutique esclusive ma anche botteghe caratteristiche, fanno di questo meraviglioso scorcio d’Italia una delle mete più ambite nella stagione più calda dell’anno.

Ma le Cinque Terre non smettono di meravigliare e affascinare i turisti anche in altri periodi dell’anno. In autunno, ad esempio, le case variopinte vengono illuminate da una luce calda e tutta nuova, le acque del mare si agitano e – con il tipico vento – trasportano la brezza profumata anche nelle vie delle cittadine. Ma soprattutto, la natura circostante diventa la perfetta cornice per una piccola vacanza rilassante.

Ecco cosa fare nelle Cinque Terre in autunno.

Cinque Terre in Autunno

Nel periodo estivo è uno dei paesi più visitati delle Cinque Terre, in virtù del fatto che le sue spiagge sono tra le più grandi della zona. Anche in autunno però conserva il suo fascino: a pochi kilometri dal centro abitato si trova il colle dei Cappuccini in cui è possibile effettuare diverse escursioni e visite guidate. Ma anche nel borgo c’è tanto da vedere: la torre Aurora, la Statua di Nettuno e soprattutto Villa Montale, la casa dove il poeta Eugenio Montale trascorreva le sue vacanze estive.

Nel periodo autunnale Vernazza si colora di sfumature che le regalano un fascino particolare ed emozionante. La sua conformazione geografica, che vede il centro arroccato sulla roccia, la rende una meta interessante per le escursioni anche in questa stagione dell’anno. 

Lontano dal caos turistico estivo, inoltre, è possibile dedicarsi con più attenzione a una passeggiata tra le botteghe artigianali e anche a una visita al Castello Doria, che si trova nella vicinissima Portovenere, facilmente raggiungibile dal centro di Vernazza.

Il più piccolo dei borghi delle Cinque Terre, solo arroccato sul mare, a cui non ha accesso diretto, e – per questo – il più adatto da visitare in autunno. Il centro storico di Corniglia, posto in cima al borgo, si raggiunge percorrendo infatti la scalinata Lardarina di 377 gradini. E la lunga salita, con le temperature meno alte, è sicuramente più semplice da affrontare. Con le sue case variopinte e le sue tradizioni, anche Corniglia, come Vernazza, ha un legame con la letteratura: qui, infatti, è ambientata una delle novelle del Decameron di Giovanni Boccaccio

Manarola sorge nel tratto finale della valle del Torrente Groppo, si tratta di una frazione di Rio Maggiore e il centro storico di questo borgo si arrampica sulla roccia fino ad affacciarsi a picco sul mare. In autunno è una delle mete predilette per il free climbing

Deve il suo nome alla discesa del torrente Rio Maggiore, appunto, e su di esso ha modulato la sua struttura geografica e le sue costruzioni “a torri” genovesi. Rispetto agli altri centri delle Cinque Terre, Rio Maggiore è quello più conosciuto non solo per essere una rinomata località turistica e balneare ma anche meta per gli escursionisti. 

È infatti il fulcro del Parco Nazionale delle Cinque Terre ed è per questo che, anche in autunno, raccoglie moltissimi visitatori. Trekking, passeggiate, arrampicate, le attività da fare nella zona non mancano. E per gli appassionati di storia e cultura non può mancare una visita al castello.

Trekking alle 5 terre da fare in autunno 

 

Autore: Paola Toia

Scopri