Idee di viaggio

Cosa vedere in Val Camonica

Cosa vedere in questo angolo di paradiso della Lombardia

Val Camonica: dove si trova e cosa vedere WEEKEND Shutterstock
5/5

La Val Camonica è una delle più famose ed estese vallate della Lombardia. I suoi 100 km di lunghezza – attraversati per intero dal letto del fiume Oglio – si sviluppano a cavallo tra la provincia di Brescia e quella di Bergamo

Si tratta di una zona che accoglie migliaia di turisti tutto l’anno: passeggiate nel verde, stabilimenti termali, visite storico- culturali e attività sportive da fare all’aria aperta sono un’attrattiva perfetta tanto nel periodo prettamente estivo che in quello autunnale e primaverile. E d’inverno, poi, come resistere al fascino romantico delle immagini di questa valle ricoperta di neve? Insomma una meta turistica adatta a ogni periodo e a ogni esigenza.

Ecco cosa fare, vedere e mangiare in Val Camonica.

Cosa Fare – itinerari naturalistici della Val Camonica

Tanti sono gli itinerari di trekking in cui cimentarsi o le passeggiate slow da affrontare in Val Camonica. La maggior parte di questi percorsi sono accessibili per tre qarti dell’anno e ce n’è per tutti i gusti: da quelli percorribili dai camminatori inesperti fino a quelli adatti solo ai turisti più sportivi e allenati. Per i principianti le mete consigliate sono: le escursioni attorno al Lago di Iseo, dove è possibile sostare anche in diverse aree ristoro o, addirittura, ristorantini locali. 

GUARDA ANCHE: 10 POSTI POCO CONOSCIUTI DA VEDERE IN LOMBARDIA

Oppure la visita tra ulivi e vigneti nei comuni di Piamborno e Darfo Boario, per attraversare storia e gusto locale. Questo ultimo itinerario è percorribile anche in bicicletta. Per gli appassionati di trekking che non hanno paura di altezze o lunghi e impervi percorsi, gli itinerari prediletti invece sono soprattutto due: quello per raggiungere il laghetto della Sorba e la Porta di Stabio a 2.536 metri di altitudine, lungo nel complesso 16 km e che attraversa corsi d’acqua, boschi e vallate. Ma anche quello che porta fino alle sorgenti del Caffaro e al Cornone del Blumone (a 2.843 metri sopra il livello del mare), la cima più alta dell’Adamello meridionale, un sentiero di 17 km da affrontare solo se davvero allenati.

GUARDA ANCHE: IL CAMMINO DI CARLO MAGNO

Cosa vedere

La Val Camonica è un territorio ricco soprattutto di storia antichissima. I primi reperti e soprattutto importantissime iscrizioni risalgono all’epoca rupestre. Oroprio attorno a questi ritrovamenti millenari, sono quindi stati istituiti e creati musei, zone protette e parchi archeologici. 

In particolare i parchi archeologici di grande pregio che si trovano in Val Camonica sono ben otto, ma i principali sono il Parco Archeologico comunale di Luine, quello di Asinino –  Anvoia, il Parco Archeologico comunale di Sellero e quello di Sonico.

Gli stabilimenti termali

Se invece non siete fan delle escursioni in mezzo alla natura o siete poco inclini a scoprire la storia antica dei posti che state visitando, ma la vacanza per i vostri standard vuol dire soprattutto relax, la Val Camonica riesce comunque a fare al caso vostro. 

È questa, infatti, la terra di numerosi, esclusivi e lussuosi stabilimenti termali. Acque calde anche nel bel mezzo delle stagioni delle basse temperature, spa, bagno turco, massaggi e tante coccole per la vostra pelle mentre sorseggiate un flute di champagne. Il principale stabilimento termale è quello storico, delle terme di Boario presente sul territorio da oltre 150 anni. Ma non solo: anche a Lovere e Angolo sono presenti due strutture di recente costruzione che sapranno catapultarvi in un’oasi di relax.

Autore: Paola Toia

Scopri