Idee di viaggio

Gite fuori porta in Lombardia

I luoghi ideale per passeggiate nel weekend

WEEKEND Shutterstock
5/5

Finalmente il sole scalda le giornate, l’inverno è (quasi) alle spalle e la voglia di dedicarsi a qualche gita fuori porta è alle stelle! Non serve andare lontano per trovare luoghi meravigliosi: tra borghi, laghi, castelli e monti, la Lombardia offre diverse destinazioni molto interessanti.

Scopriamo insieme le gite da fare (non solo) in Lombardia

10+1 Gite fuori porta in Lombardia

  • Sirmione
  • Grazzano Visconti
  • Lago Iseo e Monte Isola
  • Rocca di Angera
  • Montevecchia
  • Parco del Mincio 
  • Tremosine
  • Bergamo  
  • Mantova
  • Morimondo
  • Crespi d'Adda

Gite Fuori Porta in Lombardia

Un borgo meraviglioso, circondato dal Lago di Garda: Sirmione, con il suo Castello Scaligero e le Grotte di Catullo, antiche rovine di una villa romana, è una meta molto amata anche dai turisti che arrivano dall’estero. Passeggiare per le strade della cittadina permette di assaporare uno stile di vita tipicamente italiano, tra ristorantini all’aperto, bar vista lago e botteghe artigianali. 

GUARDA ANCHE: COSA FARE A PRIMAVERA IN LOMBARDIA

Il castello di Grazzano Visconti si trova a circa due ore da Milano, in provincia di Piacenza. Stradine pittoresche e atmosfera d’altri tempi accompagnano la visita al borgo, che in alcuni periodi dell’anno è anche teatro di rivisitazioni medievali. La primavera è il periodo ideale per visitarlo: glicini e roseti fioriscono colorando il paese. 

  • Lago Iseo e Monte Isola

Diventato famoso qualche anno fa grazie all’installazione artistica di Christo “The Floating Piers”, il Lago Iseo ospita un piccolo borgo molto tranquillo. Potrete passeggiare sul lungolago, oppure prendere il traghetto per raggiungere Montisola, una perla tra le acque del lago, inserita a dovere tra i Borghi più belli d’Italia. Montisola ha un’estensione di nove chilometri e per questo motivo è una delle isole lacustri più grandi d’Europa: salite al Santuario della Madonna della Ceriola, la vista è incredibile!

  • Rocca di Angera

Il Lago Maggiore è la meta preferita della domenica dei milanesi. Angera, con il suo lungolago con grandi prati dove rilassarsi per un picnic, le viuzze del borgo e la Rocca, regala davvero panorami blu di tutto rispetto. La Rocca, risalente al Medioevo, è conservata e può essere visitata. E se avete ancora qualche ora a disposizione spostatevi al Santuario di Santa Caterina del Sasso, posizionato su una parete rocciosa a strapiombo sul lago.

  • Montevecchia

Si trova sul confine con la Brianza, il paese di Montevecchia, nel Parco regionale omonimo e della Valle di Curone. È una località adatta per chi desidera trascorrere una giornata nella natura. La sua posizione permette di ammirare Milano dall’alto. Da qui partono diversi trekking nei boschi. 

  • Parco del Mincio

Una giornata divertente e sportiva, magari in bici, oppure in canoa: sul fiume Mincio si può fare tutto questo. Il Parco del Mincio si trova tra le Colline Moreniche del Garda e Mantova, e regala esperienze nella natura. Organizzatevi con una mountain bike e concludete con un pranzo al sacco, oppure fermandovi in uno dei vari agriturismi sul percorso. 

  • Tremosine

Tremosine è uno dei borghi più belli d'Italia, grazie alla sua posizione a strapiombo sul Lago di Garda e alle terrazze panoramiche con vista da togliere il fiato. Non perdetevi la Strada della Forra, un percorso scavato nella roccia tra cascate e gallerie.

È unica in ogni stagione, ma la primavera a Bergamo permette di visitare la città passeggiando lungo le mura veneziane, Patrimonio Unesco, e scoprendo la Piazza Vecchia con la sua Basilica di Santa Maria Maggiore. Per raggiungerla si può prendere la funicolare. Segnatevi anche l’Orto Botanico Lorenzo Rota, il cui ingresso è gratuito e che potete visitare con uno stop alla fermata di Colle Aperto. La vista si apre sui colli e monti circostanti.

  • Mantova

Mantova è un vero capolavoro e il suo centro storico va assolutamente visitato, così come anche Palazzo Ducale e Palazzo Te, che si trova leggermente fuori dall’area più centrale. Godetevi i capolavori del Rinascimento, i ristoranti all’aperto dove assaggiare il famoso risotto alla pilota con la salamella mantovana, e un giro in barca sui tre laghi creati dal fiume Mincio.

  • Morimondo

A solo una trentina di chilometri dal centro di Milano, Morimondo è un’oasi immersa nella valle del Ticino. Si può raggiungere da Milano in bicicletta, percorrendo la ciclabile dalla Darsena ad Abbiategrasso e poi fino al Naviglio di Bereguardo. Intorno non c’è altro che campagna, cascine, alcune delle quali fondate dai cistercensi, e orti. Resiste ancora qui il paesaggio tipico della Pianura Padana, fatto di fontanili, marcite, risaie, pioppeti e ontaneti. Si svolgono a Morimondo spesso feste legate al mondo medievale, di arti e mestieri, come anche a quello culturale, per esempio l’iniziativa Cinema in Cascina. 

Patrimonio dell’Unesco, Crespi d’Adda è il simbolo della rivoluzione industriale e di quegli industriali illuminati che costruivano città ideali del lavoro per i propri operai. Abitato ancora oggi da alcuni discendenti dei lavoratori dell’opificio tessile di inizio Novecento, il villaggio forniva agli operai tutti i servizi necessari, come ad esempio la possibilità ai figli di frequentare la scuola gratuitamente (compresi i materiali necessari per lo studio), oltre ad una casa con orto e giardino. C’erano persino una chiesa e una piscina al coperto, con docce, spogliatoi e.. acqua calda! Un luogo molto particolare che merita una visita. 

Autore: Paola Toia

Scopri