Idee di viaggio

Il Castello Sforzesco di Milano

Ecco perché dovete assolutamente visitarlo

Castello Sforzesco di Milano WEEKEND Shutterstock
/5

Milano nell’immaginario comune è il Duomo, la Madonnina, via Montenapoleone, San Siro. Ma Milano, soprattutto per chi ama il lato romantico di questa città piena di sfaccettature, è anche il Castello Sforzesco.

Costruito nel XV secolo per volere di Francesca Sforza, risulta essere oggi uno dei più grandi castelli d’Europa e chiunque capiti nel capoluogo meneghino non può non restarne affascinato.

Se l’esterno racconta di imponenza e classe – i due messaggi che la costruzione medievale voleva trasmettere – gli interni del Castello non sono da meno e oggi, oltre a conservare – attraverso le sue sfarzose sale – memorie della storia della famiglia che ne fu proprietaria, è anche la sede di mostre permanenti, biblioteche e spazi espositivi in cui ciclicamente vengono ospitate mostre di artisti moderni e contemporanei.

Ecco qualcosa che non sapete, e dovete assolutamente vedere, nel Castello Sforzesco di Milano.

TROVA QUI I BIGLIETTI PER IL CASTELLO SFORZESCO

Castello Sforzesco di Milano

  • Torre Filarete

Deve il suo nome all’architetto Antonio Averulino (detto Filarete) che la progettò, ma fu Ludovio Beltrami a donarle l’aspetto che ha oggi. È già da sola un simbolo per Milano che tutti identificano con il capoluogo meneghino. È dedicata a Umberto I e l’orologio con all’interno raffigurato un sole si rifà ai simboli riconducibili agli Sforza. Gli stemmi di  Francesco, Galeazzo Maria, Gian Galeazzo, Ludovico il Moro, Massimiliano e Francesco II furono poi addirittura dipinti sulla torre.

  • I cortili

Sono tre i cortili interni del Castello Sforzesco: Cortile Ducale, Piazza d’Armi e Cortile della Rocchetta. Il Cortile Ducale è quello che circonda la Corte Ducale, che fu la residenza di Galeazzo Maria Sforza prima e di Ludovico il Moro poi. Delimitata a nord dal cosiddetto Portico dell’elefante, un colonnato di pietra che ospita i dipinti raffiguranti un elefante e un leone, il cortile Ducale era il vero e proprio fulcro della vita di corte all’epoca degli Sforza. 

Piazza d’Armi, che sepata il Cortile Ducale dalla Rocchetta aveva invece il compito di accogliere le truppe stanziate nel castello. Per questa ragione è un cortile molto ampio e ospita anche l’Ospedale Spagnolo che serviva a curare soldati feriti o cittadini infettati dalla peste. 

Il Cortile della Rocchetta è invece il luogo in cui gli Sforza si rifugiavano in caso di attacco e originariamente era raggiungibile solo attraverso un ponte levatoio. Di recente le mura di questo cortile sono state restaurate e sono emersi diversi affreschi e opere murarie. 

  • Il museo degli strumenti musicali

È uno dei più prestigiosi trai musei ospitati nel Castello per la varietà di opere contenute. Qui si trova infatti una ricca selezione di antichi strumenti a pizzico, a fiato e a tastiera (particolarmente significativa è la sala dedicata al pianoforte dell’800). Dal 2008 il museo ospita anche le macchine dello studio di Fonologia Musicale dell RAI (una collezione istituita nel 1955). Il pezzo forte della mostra permanente è però la parte dedicata agli strumenti ad arco. Essa comprende infatti una collezione di attrezzi appartenuti alla famiglia Monzino e molti strumenti (viole, violini, chitarre e mandolini) di proprietà della stessa famiglia. I pezzi ad arco sono talmente tanti da essere suddivisi, nella mostra, per area geografica. Oggi il museo è chiuso al pubblico a causa delle disposizioni governative ma – come è accaduto a molte altre sale espositive – dal 10m marzo è possibile visitarlo virtualmente su Google Arts & Culture per l’iniziativa Music, Makers & Machines.

  • La pinacoteca

Quadri di autori importantissimi che consentono di passeggiare nella storia e che coprono 300 anni di arte e cultura: dal 1400 al 1700. La pinacoteca del Castello Sforzesco ospita infatti, stabilmente, dipinti di Antonello da Messina, Andrea Mantegna, Giovanni Bellini, Tiziano, Tintoretto, Canaletto e molti altri ancora per un totale di 230 opere. 

Visite e orari

Prima di visitare il Castello, verificate il dpcm vigente che garantisca l'apertura dei luoghi d'arte. Per maggiori informazioni visitate il sito ufficiale

Orari

Castello Ingresso libero 7 - 19.30 

Musei del Castello Sforzesco orari martedì-venerdì ore 10-16.30 

Biglietto 

Intero € 5,00 Biglietto 

Ridotto € 3,00

Scopri