Idee di viaggio

Oltrepo Pavese, cosa vedere assolutamente

Cosa fare e vedere in questa area

Oltrepo Pavese: cosa vedere assolutamente WEEKEND Shutterstock
5/5

Nella provincia di Pavia, a sud del letto del fiume Po si trova quella zona geografica conosciuta con il nome di Oltrepò pavese. Si tratta di una subregione che assomiglia a una piccola oasi naturalistica in cui paesaggi affascinanti, borghi con pittoresche viuzze, castelli imponenti e vini di altissima qualità si incontrano. E danno vita a una località perfetta per una gita fuori porta o qualche giorno di relax, lontani dalle scartoffie e dalla routine.

Ecco cosa non potete assolutamente evitare di vedere nell’Oltrepò pavese.

castello-visconteo-di-voghera

Oltrepo Pavese: cosa vedere assolutamente

  • I Castelli

La zona dell’Oltrepò pavese ha avuto nel tempo un importante valore strategico, dovuto proprio alla sua posizione geografica. In particolare, è nel medioevo che la zona ebbe il suo massimo periodo di fioritura, ragione per cui qui si trovano numerosi castelli. In totale tra rocche, fortezze, palazzotti e torri se ne contano più di venti. Tra i più importanti ci sono: 

Il Castello di Branduzzo, appartenuto alla famiglia Botta, particolarmente imponente: oltre a quella che fu la zona abitativa prevedeva infatti le scuderie, i giardini, un ampio cortile interno e altri annessi agricoli, tutto circondato da una cinta muraria.

Il Castello di Montalto Pavese, costruito con pietre e mattoni a vista, famoso soprattutto per il mastio – la torre principale – che svetta sull’intera costruzione e per i due giardini, all’inglese e all’italiana, visitabili ancora oggi.

Il Castello di Pietra dei Giorgi, che in passato fu lo scenario di battaglie tra guelfi e ghibellini (apparteneva alle famiglie Beccaria e Giorgi, entrambe ghibelline) e oggi è invece diviso in due parti ben strutturate. Una, ancora privata, e l’altra divenuta sede di una delegazione comunale.

Il Castello Visconteo di Voghera che risale addirittura all’VIII secolo ma che subì nel tempo diverse modifiche e più consolidamenti. Il più significativo grazie a Galeazzo II Visconti nella seconda metà del ‘300. Dopo essere stata un’abitazione privata per i signori di Voghera, il Castello venne trasformato nel 1807 in un carcere per poi essere definitivamente destinato a diventare, come è tutt’ora, una sede museale. 

  • Il Planetario

Se la storia trova ampio spazio e attenzione nell’Oltrepò Pavese, lo fa anche la scienza. Il Planetario e l’Osservatorio Astronomico di Ca del Monte è infatti, dal punto di vista didattico ma anche divulgativo, una realtà degna di nota per tutto il nord-Italia. 

La cupola centrale della struttura è ampia circa 7,5 metri e il planetario, che è stato aperto al pubblico nell’estate 2020 risulta essere uno di quelli più all’avanguardia nel Belpaese. 60 posti a sedere e una totale immersione 3D nella volta celeste, per vivere un’emozione unica.

  • Riserva naturale Montealpe

Ma l’Oltrepò pavese è soprattutto contatto con la natura. Vallate immense in cui la parola d’ordine è biodiversità, affacci su vastissime distese verdi e lunghe passeggiate alla scoperta del fascino della natura. 

L’ideale per una vacanza dedicata al relax e a vocazione green è quella che comprende una visita alla riserva naturale di Montealpe: 320 ettari di terreno, tra itinerari nei boschi e sorgenti naturali, nell’alta Valle Staffora.    

  • Pian del Poggio

Se invece siete degli sportivi e il vostro ideale di vacanza coniuga al relax delle passeggiate nel verde anche qualche attività sportiva non potete evitare di visitare il Parco del Pian del Poggio. Piste da sci in inverno, bike park nel resto delle stagioni (meteo permettendo). 

Percorsi impervi in bicicletta per gli amanti dell’adrenalina, circondati da uno scenario mozzafiato. Ma non solo: per chi non ama le due ruote, l’alternativa è un giro in seggiovia, per ammirare dall’alto panorami e itinerari.

Mappa e cartina

Autore: Paola Toia

Scopri