Idee di viaggio

Cosa fare e vedere a Senigallia

Ecco perché merita una visita

Cosa fare e vedere a Senigallia WEEKEND Shutterstock
5/5

Una rotonda sul mare, il nostro disco che suona… ed è subito magia, non solo quella che scivola sulla melodia cantata dalla voce suadente di Fred Bongusto, ma anche quella romantica che si trova sulla vera rotonda sul mare che ha ispirato la canzone nella bella città di Senigallia.

Posizionata sulla costa adriatica a metà strada tra Ancona e Pesaro, Senigallia, è una dei luoghi più amati della regione Marche e di tutta la costa orientale italiana, per la lunga distesa di spiaggia e sabbia finissima, il suo centro urbano di origine romana e la sua atmosfera vivace e romantica.

Simbolo massimo di questo romanticismo e di tutta la città è proprio l’iconica rotonda sospesa sul mare che dagli anni’30 del secolo scorso racconta, con la sua sola presenza, la vocazione marinara e mondana della città. Oggi sede di mostre ed eventi, la rotonda regala inoltre una vista panoramica sul mare che rimane impressa nella memoria, soprattutto alle prime luci dell’alba, con il sole che sembra emergere lentamente dal mare.

Incorniciata da colline verdi dolcemente protese verso il mare, Senigallia attira da sempre turisti e visitatori che amano mettere insieme un soggiorno da bagnanti grazie alle sue lunghe distese di sabbia dorata e da amanti delle passeggiate per le vie di un centro storico costellato di palazzi antichi e chiese affrescate ma anche da chi ama il divertimento e la vita più movimentata grazie ai suoi tanti locali, bar e ristoranti, anche stellati.

Durante i mesi estivi Senigallia, in gemellaggio con altre città europee, ospita numerosi festival, eventi musicali e feste dedicate alla musica con concerti gratuiti, corsi di ballo, spettacoli di burlesque, mercatini vintage, street food, spettacoli pirotecnici sul mare e feste folkloristiche come la Fiera di Sant’Agostino, la Festa della Musica o il Summer Jamboree.

COSA VEDERE A SENIGALLIA

  • La Spiaggia di Velluto

Circa 14 chilometri di soffice sabbia fina baciata dal sole costituiscono uno dei maggiori vanti di Senigallia: il suo celebre litorale conosciuto col nome di Spiaggia di Velluto. In questo tratto di costa le acque del Mar Adriatico restano prevalentemente calme e con fondali poco profondi che regalano bagni rilassanti alle famiglie e ai bambini, al punto di guadagnarsi il riconoscimento della Bandiera Verde, dato proprio alle località marine più idonee per i piccoli. Per loro vengono poi appositamente organizzate letture e animazioni sui tratti di lungomare antistanti agli stabilimenti, che offrono intrattenimento e relax anche per i genitori.

La gran parte della spiaggia di velluto è servita da bagni, stabilimenti balneari con ombrelloni, lettini e ogni tipo di servizio atto a rendere comoda e rilassante la vita dei bagnanti che così dovranno preoccuparsi solo di prendere il sole o di partecipare a partitelle sui vari campetti di beach volley, calcio e tennis.

Svariati sono anche gli stabilimenti pet friendly per i possessori di cani.

Due fantastiche spiagge da non perdere lungo la striscia di velluto sono quelle di Ponente e di Levante, entrambe insignite da anni dell’ambita e prestigiosa Bandiera Blu che certifica mare pulito e qualità dei servizi.

Le due spiagge rispettivamente posizionate a nord e a sud del centro storico di Senigallia vantano una grande fama tra gli amanti del mare grazie ai loro vasti spazi in cui si alternano stabilimenti di prim’ordine e tratti liberi, tutti ottimamente mantenuti e bagnati da un mare color acquamarina. Per chi al posto della sabbia preferisca sassi e ciottoli invece la destinazione migliore è la spiaggia in località Marzocca.

  • Il centro storico

Oltre alla spiaggia restano ancora numerose e interessanti i luoghi da scoprire a Senigallia, pedalando in tutta tranquillità lungo il suo panoramico Lungomare si possono già scorgere le sagome degli edifici più rappresentativi e successivamente spingersi dentro le vie del centro.

Da visitare c’è davvero molto a cominciare da uno dei monumenti più simbolici della città: la Rocca Roveresca, che con la sua struttura quattrocentesca s’impone sul centro. L’insieme di diversi stili architettonici, i quattro torrioni agli angoli, i suoi sotterranei, le sale interne decorate che ospitano la Mostra permanente dei centri storici delle Marche, ne fanno una tappa imprescindibile e spettacolare.

Subito fuori la Rocca ci troviamo in Piazza del Duca dove trovano spazio la Fontana dei Leoni, il Palazzo del Duca con i suoi soffitti a cassettoni dipinti e il Palazzetto Baviera d'origine trecentesca con un ampio cortile e sale adornate da antichi stucchi e dipinti.

Piazza del Foro Annonario invece conserva un’impronta neoclassica ed è contornata da un porticato di trenta colonne doriche dove oggi trovano alloggio alcuni banchi rionali per la vendita di prodotti agricoli locali e spettacoli estivi.

Altro tesoro di Senigallia sono i Portici Ercolani, una lunga sequenza di arcate in pietra bianca lungo la riva destra del fiume Misa progettati nel ‘700 per ospitare l’antica fiera della Maddalena.

E poi ancora la splendida Chiesa della Croce di epoca rinascimentale, la maestosa Porta Lambertina, il Palazzo Comunale con la Fontana del Nettuno, Palazzo Mastai con la sua pinacoteca d'arte sacra, il Duomo, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie che ospita al suo interno una tavola del Perugino. Il Museo d'Arte Moderna, dell'Informazione e della Fotografia e l’area archeologica La Fenice sono altri tesori che impreziosiscono il tessuto urbano e storico di una città ricca di cultura e arte.

Percorsi ciclabili

Mare e monumenti dunque ma anche tanta natura e sport, perché Senigallia è una città che si presta alla perfezione per essere esplorata in bicicletta, tanto nel suo centro abitato quanto lungo le numerose piste ciclabili che portano verso la campagna.

I 14 chilometri pianeggianti del lungomare che costeggia la spiaggia di velluto sono il primo percorso panoramico da sfruttare insieme al circuito più breve che porta, sempre vista mare, fino alla località di Marzocca.

Altro itinerario insolito e interessante è quello che porta alla scoperta del Porto della Rovere che conduce fino al faro proseguendo poi sul molo di levante dove ammirare la statua di “Penelope” "la sirenetta di Senigallia". Tutto questo pedalando tra cassette di pesce appena pescato e un numero infinito di imbarcazioni ormeggiate nel porto turistico.

Poi si può decidere se puntare le due ruote verso uno dei tanti percorsi ciclabili che portano alla scoperta della natura che circonda la città, costeggiando il fiume Misa o arrampicandosi in salita sulle colline su percorsi di varia difficoltà, oppure concedersi un percorso più accessibile di stampo urbano pedalando in centro lungo un itinerario che collega tutte le principali e più belle piazze cittadine.

  • Porto della Rovere
  • Tour Piazze
  • PercorriMisa
  • Vivere Verde
  • Cesanella
  • Borgo Molino
  • Saline

 

Autore: Giorgio Calabresi

Scopri