Idee di viaggio

Le maschere e i costumi di Carnevale città per città

Quali sono i costumi e le maschere tradizionali del Carnevale?

Maschere di Carnevale CARNEVALE Shutterstock
5/5

Quali sono le maschere e i costumi più belli del Carnevale 2020 in Italia? Ogni paese e ogni Carnevale hanno una loro maschera tradizionale che fonda le radici nella storia e nella cultura di quel posto. 

Maschere e costumi di Carnevale

Il Carnevale è una festa antica che fonda le sue radici nei Saturnali romani che si trasformarono nei secoli. Con l'arrivo del Cristianesimo si è inserito nel calendario cristiano, prendendo la forma di una festa liberatoria, prima dell'inizio del periodo austero della Quaresima. La tradizione del Carnevale prevede il ribaltamento dei ruoli sociali e la possibilità di essere per alcuni giorni chi si vuole, dando spago alla satira sociale e politica ed al divertimento più euforico.

Il travestimento e le maschere sono fondamentali in questa prospettiva. Le maschere del Carnevale di Venezia rendevano completamente irriconoscibili le persone permettendo di cambiare identità per qualche giorno. Le maschere dei Carnevali di Fano e di Viareggio si rifacevano all'attualità ed ai personaggi cittadini del momento, mentre quelle del Carnevale Sardo sono maschere ancestrali antichissime e rimaste in molti casi immutate fino ad oggi.

Di seguito trovate una guida alle maschere del Carnevale in Italia città per città, con i costumi tradizionali.

GUARDA ANCHE: CARNEVALE OFFERTE

Maschere del Carnevale di Venezia

Le maschere ed i vestiti del Carnevale Veneziano sono antichissimi. La maschera era così popolare che già nel '300 gli artigiani che fabbricavano le maschere erano chiamati mascheri ed un secolo dopo avevano già un proprio statuto. Le maschere coprivano il volto di chi le indossava per celarne completamente l'identità ed il sesso, trasformando la città in un posto unico dove le regole sociali venivano realmente stravolte. 

Nel corso dei secoli la tradizione ha suggellato alcune maschere celebri, che sono ancora visibili al Carnevale di Venezia. Tra le più importanti ci sono:

  • La Baùta è una delle maschere più conosciute ed ancora oggi indossate al Carnevale di Venezia in quanto è molto semplice e versatile all’uso. La Maschera Bauta copre solo gli occhi e metà del viso permettendo di parlare, mangiare e bere. Si indossa con un mantello scuro che si chiama tabarro e con un un tricorno nero che si mette sul capo sopra il tabarro. 
  • La Moretta era il travestimento preferito dalle donne: una piccola maschera ovale in velluto scuro copriva tutto il volto (si reggeva con la bocca attraverso un bottoncino) e si indossava con un cappellino ed indumenti e velature raffinati. Il fatto che fosse una maschera muta aiutava a mantenere l'anonimato concedendosi ad ogni genere di pazzia senza distinguere tra uomini e donne.
  • La Gragna era la maschera usata dagli uomini per travestirsi da donna. La maschera aveva sembianze da gatta e si portava con vestiti da popolana e un cesto al braccio con un gattino.

 

Maschere del Carnevale Ambrosiano

Il Carnevale Ambrosiano si svolge a partire dal martedì grasso e va avanti fino al sabato grasso. Durante il Medioevo era una festa piuttosto spartana, divertente e grossolana. Con la dominazione spagnola ed il Barocco divenne una festa elegante con sfarzosi cortei. In questo periodo fanno il loro ingresso le mascheere della Commedia dell'Arte che prendono piede anche nel Carnevale. A Milano la prima maschera della Commedia dell'Arte è stata quella di Lapoff (una specie di Pierrot con il cappello floscio). Il personaggio più importante però (e ancora maschera diffusissima del Carnevale milanese) è Meneghino, un maggiordomo avvezzo a criticare nobili e clero per i loro vizi. Lo riconoscete dalla casacca e il pantalone verde orlato di rosso, con calze a righe.

Maschere del Carnevale di Ivrea

Il Carnevale di Ivrea è una sorta di rivisitazione storica in cui si rivive un momento di ribellione dalla tirannia realmente avvenuto durante il Medioevo. Le figure del Carnevale storico si sono evolute durante gli anni fino a prendere la forma precisa attuale, ma si rifanno a quel periodo. La Mugnaia è la regina ed eroina del Carnevale vestita con una lunga veste di lana bianca con una fascia verde di seta sulla quale è appuntata una coccarda rossa con i simboli del Carnevale. Sulle spalle porta una mantella di ermellino e sfila su un carro dorato insieme a paggi e damigelle. Davanti al carro della Mugnaia sfilano gli Alfieri con le bandiere dei rioni di Ivrea. Nel corteo segue il Generale, che ha lo scopo simbolico di mantenere l'ordine costituito e dietro di lui sfilano gli ufficiali dello Stato Maggiore e le Vivandiere.

Maschere del Carnevale di Fano

La maschera tipica del Carnevale di Fano è il Pupo che apre le sfilate e che viene bruciato sul rogo del Carnevale il martedì grasso. Il pupo è la caricatura del personaggio di Fano più conosciuto e si rinnova quindi di anno in anno mantenendo un legame costante con l'attualità.

Maschere del Carnevale di Viareggio

La maschera ufficiale del Carnevale di Viareggio è Burlamacco, che arriva accompagnato da Ondina. Questa maschera è relativamente recente ed è stata disegnata nel 1930 riprendendo alcuni caratteri delle maschere della Commedia dell'Arte con i colori tipici degli ombrelloni di Viareggio ed una compagna in costume da bagno. Il nome si rifà a Buffalmacco, pittore fiorentino e personaggio del Decamerone. Sostituendo burla con buffa esce fuori il Burlamacco che è un cognome tipico della zona.

Maschere del Carnevale in Sardegna

Il Carnevale Sardo è uno dei carnevali più affascinanti della penisola. Le processioni sono spesso cupe e le maschere sono spaventose e incarnano mostri, anamali antropizzatti ed altre figure ancestrali. Ogni zona della Sardegna ha la sua maschera specifica. Tra le più note ed inqietanti ci sono quelle del Carnevale di Mamoiada. Le più famose sono i mamuthones che sono degli uomini mascherati da caproni neri ricoperti di campanacci che sfilano a passo cadenzato. 

GUARDA ANCHE: CARNEVALE A ROMA

Maschere e costumi di Carnevale | Nomi e tradizioni di ogni città

Nome della maschera Carnevale
Boes e Merdules Carnevale di Ottana
Meneghino Carnevale Ambrosiano
La mugnaia Carnevale di Ivrea
Il pupo Carnevale di Fano
Mamuthones e Issadores Carnevale di Mamoiada
Burlamacco Carnevale di Viareggio
Sos Corriolos Carnevale di Neoneli
La Bauta Carnevale di Venezia
Maschera a gattu Carnevale di Sarule
Maschera a lenzolu Carnevale di Aidomaggiore
Scopri