Idee di viaggio

La Sacra di San Michele, simbolo piemontese

Un'abbazia meravigliosa posta a vegliare la Val di Susa e che si erge lungo il cammino di San Michele, dalla Normandia alla Puglia

Sacra San Michele WEEKEND Shutterstock
5/5

In Val di Susa c'è un luogo magico e mistico allo stesso tempo, una meraviglia sospesa a mille metri d'altezza, un complesso architettonico dove il tempo sembra essersi fermato al medioevo. È la Sacra di San Michele, il simbolo indiscusso del Piemonte.

Non è un caso se questo questa incredibile abbazia abbia ispirato Umberto Eco nella stesura de il nome della Rosa. In questo articolo vi spieghiamo come arrivare e quando visitare l'abbazia.

Sacra di San Michele

L'abbazia venne costruita il 983 e il 987 sulla cima del monte Pirchiriano a 1000 metri di altezza. Il poeta Clemente Rebora la definì un "culmine vertiginosamente santo".

La Sacra di San Michele è un colosso di pietra grigia con una facciata alta più di 40 metri che si staglia contro il blu intenso del cielo. Da lì la vista su Torino e sulla Val di Susa vi lasceranno senza fiato. All’interno della Chiesa principale della Sacra sono sepolti membri della famiglia reale di Casa Savoia. 

La Sacra fu realizzata per volere del vescovo Annuncone che decise di voler realizzare un tempio dedicato a San Michele. Secondo una leggenda fu San Michele in persona a chiedere al vescovo l'edificazione della Chiesa.

Dal piano d'ingresso si raggiunge la chiesa attraverso un ampio e ripido scalone dove in passato erano custoditi gli scheletri di alcuni monaci, da cui il nome di Scalone dei Morti. Da lì di attraversa il Portale dello Zodiaco scolpito con bassorilievi ispirati allo Zodiaco e le opere di pittori del '500 e del '600.

In pochi sanno che questa bellissima abbazia, che in determinate condizioni atmosferiche spunta luminosa da una coltre di nuvole, fa parte di un percorso religioso che va da Mont Saint-Michel in Francia e arriva a Monte Sant'Angelo in Puglia.

Il pellegrinaggio passa per i luoghi di culto dedicati all'Arcangelo Michele, disseminati in oltre 2000 km di cammino attraverso l'Europa.

Cosa vedere

  • Statua di San Michele Arcangelo
  • Scalone dei Morti
  • Portale dello Zodiaco
  • Torre della Bell’Alda
  • Museo del quotidiano (solo il primo sabato del mese)
  • Antiche sale di Casa Savoia (solo il primo sabato del mese)

 

A piedi

Ci sono incredibili percorsi, adatti a tutti che vi condurranno alla sacra di San Michele, sul sito Sacra di San Michele ne sono segnalati 3 che vi riportiamo:

  • Da Sant’Ambrogio di Torino

Da qui potrete salire alla Sacra percorrendo una antica Mulattiera, lungo la strada incontrerete 15 stazioni della via Crucis che vi condurranno alla Frazione S. Pietro. Da qui il percorso prosegue verso la Sacra di San Michele. Per compiere il percorso impiegherete circa un'ora e mezza. 

  • Da Chiusa San Michele

Dal Chiusa di San Michele si prosegue verso la Parrocchia di San Pietro Apostolo da dove inizia la mulattiera che termina direttamente sul Piazzale Croce Nera, da lì una strada asfaltata conduce direttamente alla Sacra di San Michele. Per compiere il percorso impiegherete circa un'ora e mezza.

  • Da Frazione Mortera

Lungo il Sentiero dei Principi potrete arrivare alla cascina Pogolotti dove la mulattiera inizia a salire, per giungere ad una serie di tornanti che terminano alla Punta del Farò. Da lì la strada giunge fino al piazzale Croce Nera, da lì una strada asfaltata conduce alla Sacra di San Michele. Per compiere il percorso impiegherete circa un'ora e mezza.

  • Da Oulx

Il percorso è lungo oltre 60 chilometri e attraversa il Parco del Gran Bosco di Salbertrand e quello dell’Orsiera Rocciavrè. Il sentiero si divide in 3 tappe percorribili in 3 giorni. Sul sito ufficiale trovate tutte le informazioni per percorrerlo. 

Visite e Orari

La Sacra di San Michele è aperta tutti i giorni secondo i seguenti orari

Dal 16 ottobre al 15 marzo 

  • Da lunedì a venerdì: 9.30-12.30 e 14.30-17.00
  • Sabato: orario continuato 9.30-17.00
  • Domenica e giorni festivi di precetto: orario continuato 9.30-17.00 (dalle 12 alle 13 l’ingresso è consentito solo per la partecipazione alla Santa Messa)

 

Sal 16 marzo al 15 ottobre

  • Da lunedì a venerdì: 9.30-12.30 e 14.30-18.00
  • Sabato: orario continuato 9.30 e 18.00
  • Domenica e giorni festivi di precetto: orario continuato 9.30-18.00 
  • Giorni festivi (Pasquetta, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno): orario continuato 9.30-19.00

 

Aperture straordinarie 2019

  • Dal 22 aprile al 1° maggio 2019: aperto con orario continuato 9.30-18.00
  • 25 dicembre 2019: 9.30-12.00; 14.30-17.00
  • 26 – 27 – 30 – 31 dicembre 2019: aperto con orario continuato 9.30–17.00
  • 1 gennaio 2020: aperto con orario continuato 9.30-17.00
  • 2 – 3 gennaio 2020: aperto con orario continuato 9.30–17.00
  • 6 gennaio 2020: aperto con orario continuato 9.30-17.00

 

Il costo del biglietto è 

  • 8 euro per il biglietto intero
  • 6 euro per quello ridotto

 

Foto

Scopri