Idee di viaggio

Le 10 spiagge del Salento più belle con foto e mappa

Le migliori spiagge tra il Mar Ionio e L'Adriatico, per organizzare il vostro viaggio alla scoperta del Salento

Spiagge Salento MARE Shutterstock
/5

Dove il Mar Ionio incontra l'Adriatico, tra dolmen, menhir, colline brulle, frumento e tabacco, si trova una delle terre più affascinanti d'Italia: il Salento.

Tra baie, grotte e torri d'avvistamento facciamo un viaggio nella terra dei Messapi, alla scoperta di spiagge, le calette e i luoghi da non perdere sulla costa salentina. 

Spiagge Salento

Difficile racchiudere in una lista le spiagge del Salento. Lungo i 300 chilometri di costa troverete meraviglie naturali, campagne sconfinate riarse dal sole, uliveti, paesi e borghi autentici, arte e tradizioni e spiagge da cartolia. Ce ne sono per tutti i gusti, nel vostro viaggio on the road troverete le spiagge bianche della zona di Pescoluse, dove l'impressione è quella di essere alle Maldive, incontrerete spiagge dorate e scogliere calcaree, come quelle di Porto Selvaggio e di Santa Cesarea Terme. 

Abbiamo realizzato una guida utile per orientarsi e scegliere le spiagge più belle del Salento, per una vacanza al mare in una delle zone più belle della Puglia, scoprendo alcune delle spiagge più belle d'Italia.

LEGGI ANCHE: VIAGGI LOW COST ESTATE 2018

Spiagge Salento più belle: quali e dove sono

Nome spiaggia Località
Baia dei Turchi Melendugno
Pescoluse Salve
Punta Prosciutto Porto Cesareo
Porto Selvaggio Nardò
Punta della Suina Gallipoli
Roca Vecchia Melendugno
Acquaviva di Marittima Diso
Torre Sant'Andrea Melendugno
Porto Badisco Otranto
Dune di Porto Cesareo Porto Cesareo

 

Spiagge Salento più belle

Quali sono le spiagge più belle del Salento? Di seguito ne trovate 10 tra le più belle. Ce ne sono per tutti i gusti e le esigenze.

A pochi chilometri dalla città di Otranto, è un vero e proprio paradiso dalla sabbia bianca, gli scogli color ocra e le acque limpidissime. Baia dei Turchi è un'insenatura a ferro di cavallo dove si narra che siano sbarcati i guerrieri turchi nel corso della battaglia di Otranto. Raggiungete la spiaggia incontaminata, perfetta per chi vuole praticare surf. 

Dopo aver lasciato l'auto ed esservi inoltrati lungo l'unico sentiero esistente, circondati da alberi di pino della macchia mediterranea, inizierete a vedere le acque turchesi in lontanza. Raggiungete la spiaggia di Atlantis ed immergetevi nello scenario naturale dei laghi Alimini, due laghi naturali una volta comunicanti, e non perdete poco distante dalla costa il relitto della nave Dimitros che giace su un fianco a pochi metri dalla spiaggia.

baia-dei-turchi_1

  • - Santa Cesarea Terme 

E' una delle meraviglie del Salento che troverete affacciata, a strapiombo sulla Baia di Otranto: Oltre alla bellezza del mare e della buona cucina, potrete rigenerarvi grazie alle acque sulfuree presenti in questa zona. Passate in rassegna tutta la costa rocciosa dove troverete anfratti, calette e grotte.

Non perdete la caletta di Porto Miggiano, dove rocce e sabbia si incontrano e danno vita ad un incantevole scenario naturale. Fate visita alla grotta Romanelli che conserva ancora resti dell'epoca preistorica. Tra le altre grotte naturali visitate la più grande, quella dei Cervi, un'insenatura naturale nella quale trovò riparo Enea fuggito da Troia.

santa-cesarea-terme

  • Porto Badisco 

Tra Santa Cesarea e Otranto, raggiungete il piccolo borgo di pescatori di Porto Badisco. Qui troverete una incantevole costa frastagliata formata da calette e anfratti nascosti tra la roccia bianca, tutto circondato dalle dolci fragranze del mirto, del timo e del finocchio selvatico. Dopo aver visitato la grotta dei Cervi, raggiungete Grotta delle Striare, la grotta delle streghe (caratterizzata dall'entrata attraversata in diagonale da una lingua di roccia).

porto-badisco_2

Poco più di un chilometro di spiagge banchissime e di basse dune protette dalla folta pineta: siamo a Torre dell'Orso, dove le spiagge formano delle grandi insenature e dove sono presenti piccole grotte usate dai pescatori come rifugio.

Raggiungete i faraglioni delle due sorelle chiamati così perché secondo la leggenda un tempo due sorelle vollero vedere il bellissimo mare e, affascinate dalla sua bellezza, si gettarono dagli scogli. Per volere divino vennero trasformate in faraglioni.

torre-dell-orso

  • - Grotta della Zinzulusa, Castro 

In barca o a nuoto raggiungete la bellissima grotta, dove l'acqua dal turchese diventa cobalto e dirigetevi poi verso la famosa grotta della Zinzulusa. Da un enorme atrio seguite il Corridoio della Meraviglie, un fantastico percorso dove stalagmiti e stalattiti nel corso dei secoli hanno assunto diverse forme. Troverete una cripta, chiamata così per via delle colonne cristallizzate, uno spettacolo di luci e riflessi. 

zinzulusa

  • - Acquaviva di Marittima, Diso 

Tra Castro e Marina di Marittima non perdete la bellissima caletta in direzione Santa Maria di Leuca. Addentratevi nel Canale del Bosco, attraverso lecci e macchia mediterranea e raggiungete la rocce e l'acqua cristallina che caratterizzano questa costa; una zona dove le polle di acqua sorgiva sfociano nel mare e regalano correnti fredde e piacevoli. Da Otranto dirigetevi verso Santa Maria di Leuca. Nella frazione di Diso, tra Castro e Marina di Marittima troverete la località.

acquaviva-di-marittima

  • - Pescoluse, Lecce 

Una volta giunti in spiaggia la sensazione è quella di trovarsi su una lontana spiaggia esotica. Tra splendide dune e circondati da vegetazione e ginepri, non perdete questo paradiso definito le Maldive del Salento. La spiaggia delle Pescoluse è la più lunga del litorale Salentino, ed è caratterizzata da sabbia cangiante che pare cambi colore in base alla posizione del sole. Poco distante dalla spiaggia raggiungete Torre Pali dove si può ammirare, dalle rovine dell’antica torre spagnola che emerge dalle acque, un bellissimo panorama.

La città è anche un perfetto punto di partenza per coniugare un rilassante bagno alla visita delle antiche città di Salve, Morciano di Leuca e Ugento dove viveva un’antica popolazione di greci e di romani.

pescoluse_1

  • - Isola di Sant'Andrea, Gallipoli

Poco distante da Gallipoli, dopo una visita al Castello Angioino o la Basilica di Sant'Agata, imbarcatevi in direzione dell'Isola di Sant'Andrea, un paradiso naturale ed incontaminato che un tempo era usato per pascolare il gregge che conserva ancora il suo imponente faro. L'area rappresenta l'unico sito di nidificazione, del versante ionico ed adriatico d'Italia, di una specie di gabbiano.

isola-sant-andrea

  • - Salina dei Monaci, Manduria 

A Torre Colimena non perdete l'incantevole spettacolo della riserva regionale, uno spettacolo di dune sabbiose, fenicotteri e mare cristallino. A circondare la Salina troverete macchia mediterranea, ginestra spinosa e mirto. Si tratta di una splendida spiaggia di sabbia bianca e dune che separano la spiaggia della Vecchia Salina. La spiaggia è collegata al mare da un canale scavato nella roccia.

salina-dei-monaci

Chiusa in una caletta all'interno della riserva naturale di Poggio Selvaggio, con le correnti d'acqua fredda che danno sollievo nelle torride giornate di sol leone, si giunge alla Baia di Porto Selvaggio attraverso un percorso nella fitta macchia mediterranea dal profumo di ginestre e lentischi.

È una spiaggia rocciosa immersa in uno scenario contornato da fitta vegetazione dove il mare ha il colore del cobalto. Godetevi il panorama spettacolare recandovi nel tratto tra Torre dell'Alto e Torre Uluzzo dove la natura è selvaggia ed estremamente suggestiva. Recatevi nella grotta delle Corvine, la più spettacolare della riserva, è grandissima, al suo interno potrete trovare diverse specie marine. Da torre dell'Alto proseguite seguendo una mulattiera in cattive condizioni. Da Torre Uluzzo prendete il bel sentiero a mezza costa.

porto-selvaggio_1

Conosciuta anche come la Palude del Conte, è una bellissima spiaggia fatta di sabbia bianca dal fascino un po' selvaggio. Il litorale appartiene al Parco Regionale dove si trova anche la Vecchia Salina. Tra dune, vegetazione spontanea e macchia mediterranea non perdete il fascino di questo angolo di paradiso dal mare color turchese. Più della metà delle spiagge è libera e l'acqua, particolarmente cristallina e dal fondale basso, ricorda le ben più lontane località tropicali.

punta-prosciutto

LEGGI ANCHE: BANDIERE BLU

Maldive del Salento

Nella zona più meridionale del Salento, quella che va da Gallipoli a Santa Maria di Leuca ci sono spiagge di sabbia fine e acqua cristallina che sembrano caraibiche. E' per questo motivo che uno degli stabilimenti balneari del litorale sull'area di litorale Torre Pali-Pescoluse porta il nome di Maldive del Salento, nome che è stato poi erroneamente utilizzato nel corso degli anni per indicare tutta la zona del basso Salento.

maldive-salento

GUARDA ANCHE: MIGLIORI SPIAGGE DELLA PUGLIA

Migliori spiagge Salento

Dove andare al mare in Salento? Tra Otranto, Taranto e Brindisi troverete distese di sabbia cristallina, spettacolari insenature e piscine naturali. Ecco quali sono le spiagge più belle da vedere nel vostro prossimo viaggio in Salento. 

Punta Prosciutto si trova nella zona di Porto Cesareo ed è una delle spiagge più selvagge di tutto il Salento. Qui la spiaggia di sabbia è circondata da boschi e macchia mediterranea. Punta Prosciutto è delimitata a nord da Torre Colimena e a sud da Torre Lapillo.

A Nardò non perdete la spiaggia di Porto Selvaggio che si raggiunge attraverso una lunga passeggiata nella pineta, si parte da Villa Tafuro. La spiaggia è di ciottoli. Dalla spiaggia parte il sentiero che porta fino a Torre dell’Alto. 

Punta della Suina si trova nel tratto di costa definito come le Maldive del Salento. Qui le rocce di tufo si alternano a calette di sabbia bianca. 

punta-della-suina

Roca Vecchia è la prima spiaggia del Salento che incontrerete scendendo da Lecce lungo la costa. Oltre che per la torre iconica è famosa per la Grotta della Poesia una piscina naturale a cui si accede sia a nuoto che a piedi, attraverso la scala scolpita nella roccia. 

Un vero e proprio fiordo quello che incontrerete a Cala dell'Acquaviva all'interno del Parco Regionale della Costa d'Otranto - Santa Maria di Leuca. Una baia di roccia all'interno di una insenatura ad U. 

La spiaggia Salina dei Monaci si trova nel tratto di costa di Manduria all'interno del Parco naturale della Salina. Qui un tratto di dune separano la spiaggia da una vecchia salina. 

LEGGI ANCHE: VACANZE 2018

Spiagge Salento Ionico e Adriatico

La costa adriatica del Salento è caratterizzata da un litorale fatto di scogliere dove poter trovare piccole baie e calette sabbiose. La costa ionica è invece caratterizzata da fondali bassi e sabbiosi e acqua cristallina, perfetta anche per chi va in vacanza con i bambini. 

Sono più belle le spiagge del versante ionico o adriatico? Difficile dirlo o scegliere. Gli abitanti del luogo scelgono le spiagge in base al vento: la Tramontana o lo Scirocco. Se soffia la Tramontana è meglio scegliere le spiagge della costa ionica dove troverete mare piatto e colori caraibici, se invece soffia lo Scirocco raggiungete le spiagge della costa adriatica. 

Spiagge per bambini in Salento

In Salento ci sono molte spiagge adatte ai bambini. I fondali sono solitamente bassi e sabbiosi ed il mare tende ad essere calmo ed assomigliare ad una piscina meravigliosa. In alcune zone, come quelle di Porto Selvaggio, Porto Cesareo e Porto Badisco, ci sono soprattutto scogliere poco adatte alle famiglie con bambini. Tra le migliori spiagge family-friendly del Salento citiamo la spiaggia di Torre dell'Orso e di Pescoluse. Qui trovate le migliori spiagge per bambini in Italia.

Cartina e mappa Salento

A questo link trovate la cartina del Salento con tutte le attrazioni, le cose da visitare e i luoghi da non perdere se state organizzando una vacanza in Salento. 

Di seguito invete c'è la mappa con tutte le spiagge del Salento: 

Spiagge Salento: le foto più belle

Vai alla gallery

Le 10 spiagge più belle del Salento - foto

10 foto.

Scopri