Idee di viaggio

A Polignano a Mare una mostra sul "nulla"

“A helpful guide to nowhere” dal 9 luglio al 10 settembre 2021 alla Vento Blu art gallery

A helpful guide to nowhere, a Polignano a Mare una mostra sul nulla MOSTRA Photo Courtesy
5/5

"A helpful guide to nowhere” è il titolo della mostra che la Vento Blu art gallery di Polignano a Mare presenta dal 9 luglio al 10 settembre 2021. 

Si potrebbe tradurre come «Guida utile verso il nulla», ed è una riflessione degli artisti contemporanei di fama internazionale Giacomo Costa e Gehrard Demetz sul futuro dell’uomo, del nostro pianeta e sulle ripercussioni che le nostre scelte hanno sull’ambiente. Le immagini di Giacomo Costa incontrano le sculture di Gehrard Demetz in un percorso espositivo che rappresenta un futuro distopico, diretto appunto verso il nulla. 

A Polignano a Mare una mostra sul "nulla"

Giacomo Costa è un’artista nato a Firenze che da oltre 20 anni indaga il rapporto uomo-natura. Affascinanti ed inquietanti allo stesso tempo, le immagini create da Costa offrono uno spunto di riflessione sul modo in cui viviamo la Terra e il nostro impatto sull’ambiente. 

Ha esposto alla Biennale di Architettura di Venezia e al Centre Pompidou di Parigi, dove è entrato a far parte della collezione permanente nel 2006. Attratto fin dagli inizi dalla possibilità di intervenire sulla realtà fotografata, Costa trova la sua massima realizzazione nella manipolazione delle immagini attraverso le tecnologie digitali. Nel 1996 esordisce con la serie degli Agglomerati, semplici montaggi di immagini ottenute con Photoshop, ma è a partire dal 1999 che abbandona la fotografia tradizionale, seppur elaborata, per dedicarsi esclusivamente all'uso delle tecnologie 3D. 

Con l’aiuto di diversi programmi, da Photoshop al più recente Houdini, l’artista crea immagini e scenari fotorealistici e inesistenti, ponendo la sua ricerca a metà tra la pittura e la fotografia. La sua riflessione parte da ciò che angoscia il mondo contemporaneo, come i disastri naturali, le speculazioni, l'inquinamento, il devastante impatto ambientale dello sviluppo insostenibile, lo sfruttamento sconsiderato delle risorse naturali, per poi tradurre queste tematiche in immagini. 

Postumane sono le immagini create, che richiamano mondi distopici, ispirati proprio a quel filone di fantascienza che ha avuto il suo apice in scenari alla “Blade Runner” o “Matrix” e in autori come Isaac Asimov, Philip Dick o William Gibson. Mondi affascinanti seppur inquietanti, presentati con la liricità della tragedia greca o di quella shakespeariana. "A helpful guide to nowhere", dunque, ripercorre l'opera dell'artista con un focus particolare sulla produzione artistica degli ultimi dieci anni. 

Con le immagini di paesaggi minimali, megalopoli futuristiche, sobborghi post-nucleari e agglomerati urbani in rovina, dialogano le sculture lignee di Gehrard Demetz alla mostra di Polignano a Mare. 

Gehard Demetz nasce a Bolzano, ma vive e lavora a Selva di Val Gardena. Nel giro di pochissimi anni si è fatto conoscere nel mondo come intagliatore di legno. Osservando i suoi lavori si nota subito uno degli elementi sostanziali della sua opera: il vuoto. La scultura è lavorata mantenendo degli spazi che creano un effetto visivo nuovo, un piccolo disturbo nella lettura d’insieme. Le sue opere esasperano il rapporto tra finito e non-finito, tra materia raffinata e materia abbozzata. 

L’artista altoatesino sceglie come soggetti prevalentemente bambini e riesce a fermare nel legno le paure, i bisogni, gli entusiasmi che accompagnano l’infanzia e il passaggio all’età adulta. Tuttavia il tema dell’infanzia è solo uno dei molteplici aspetti della ricerca artistica dello scultore. Artista di fama mondiale, presenza fissa alle più importanti fiere internazionali, da più di un anno anche in Galleria Vento Blu, Gehard Demetz espone tre opere scultoree, testimonianza del suo profondo interesse per la scultura lignea, da lui declinata in chiave contemporanea con un linguaggio che fonde riferimenti al pensiero esistenzialista e alle teorie di Rudolf Steiner. Nei suoi lavori la nobile arte della scultura in legno si proietta in una nuova dimensione grazie all’ibridazione con l’estetica dei mondi digitali, di cui sono prova i tasselli che Demetz intaglia e dispone con cura meticolosa come fossero pixel. La ricerca spasmodica di nuove strade per la scultura, lo spinge a realizzare opere in diversi formati, con attenzione alla resa della corporeità e della tensione emotiva. L’ampio universo espressivo di Gehrard Demetz è carico di mille riflessi specchianti molteplici aspetti di una sublime forza creativa.

“A helpfull guide to nowhere” di Giacomo Costa e Gehrard Demetz è in mostra alla Vento Blu art gallery di Polignano a Mare (Bari), in via Conversano 14, dal 9 luglio al 10 settembre 2021.

Autore: Francesca Ferri

Scopri