Idee di viaggio

Sciare Low Cost in Italia, dove una settimana bianca non costa una fortuna

Dalle località sciistiche dell'Appennino a quelle meno gettonate e turistiche delle nostre Alpi. A caccia di promozioni e offerte per una settimana bianca low budget.

Sciare Low Cost NEVE Shutterstock
5/5

Quasi mai la voglia di neve e le possbilità delle nostre tasche sono proporzionate. Ecco allora qualche soluzione a portata di mano per non rinunciare a una settimana bianca sulla neve risparmiando un bel po' su skipass e soggiorno.

Sciare Low Cost in Italia

In Italia ci sono tante stazioni sciistiche poco turistiche e decisamente più economiche rispetto a quelle più conosciute e più gettonate.

Qui di seguito abbiamo selezionato le destinazioni italiane più low cost per una settimana bianca economica. Qui trovate invece le migliori 10 destinazioni per sciare low cost in Europa e gli ostelli sulla neve dove dormire a partire da 18 euro a notte.

Il paesaggio non è quello delle Dolomiti ampezzane né tantomeno quello delle Alpi svizzere. Le piste sono però ben innevate e gli impianti attrezzati con una cabinovia, cinque sciovie e uno skilift. Le piste di Pescasseroli sono di solito aperte da dicembre a marzo. Il prezzo del giornaliero è di 18 Euro contro le 35 medie di rinomate località alpine. Acquistando lo skipass per 6 giorni si risparmiano fino a 200 Euro totali (105 Euro per 6 giorni).

A questi prezzi sono inoltre applicabili alcune offerte. Gli studenti con libretto universitario al seguito usufruiscono di uno sconto del 20%, del 10% per chi presenta la tessera dell'anno precedente o per i gruppi di 20 o più persone. I bambini sotto i 6 anni sciano gratis purché accompagnati da un adulto pagante.

Ogni anno Pescasseroli promuove inoltre un programma settimana bianca, che inizia dopo la Befana e termina a fine stagione e che prevede ottime agevolazioni per i soggiorni in hotel (info su www.pescasseroli.net).

  • ANDALO, TRENTINO

Il comprensorio è quello della Paganella, con due bei versanti, Fai della Paganella ed Andalo. I prezzi per un soggiorno in questa località delle Dolomiti non sono troppo alti rispetto ad altre località simili e la possibilità di usufruire di offerte vantaggiose è particolarmente allettante.

Ci sono anche offerte per famiglie e bambini. Meglio darci un'occhiata prima di cedere all'idea di non potersi permettere una settimana bianca in Trentino (info su www.paganella.net).

  • SCANNO, ABRUZZO

Le piste scendono lungo i pendii dolci eppure eterogenei del Monte Rotondo. I km di piste sono solo 10 e gli impianti di risalita 3, moderni e dotati di skipass a lettura ottica. La pista più bella e famosa è il Pistone che scende dai 1600 metri di Colle Rotondo fino ai 1050 di Scanno arrivando fino al piazzale vicinissimo al centro. Lo skipass giornaliero costa 18 Euro, 20 nei giorni feriali.

Oltre al risparmio sulle piste si risparmia nel noleggio di attrezzature, per mangiare e per dormire a Scanno. Nonostante la località non sia tra le più rinomate mete sciistiche d'Abruzzo il paese è forse uno dei più caratteristici e belli. Borgo di origine romana tagliato da vicoli e vicoletti in cui sorgono inaspettati edifici signorili segnati dal tempo ma non nel fascino.

Come località sciistica Pila è rinomata. Circa 70 km di piste che raggiungono i 2750 metri di altezza. Il comprensorio è suggestivo e il panorama all'ombra del Cervino è stupendo. L'assortimento di piste è molto più adatto alle famiglie, ai principianti e agli intermedi piuttosto che agli sciatori provetti. E così i prezzi sono meno alti che altrove, garantendo comunque un'ottima qualità di impianti, rifugi e servizi. Il clima non è troppo rigido, le piste sono al riparo dal vento e collegate con una telecabina al capoluogo della Valle d'Aosta.

Lo skipass per 6 giorni costa 176 Euro, praticamente lo stesso prezzo di località molto meno attraenti dell'Appennino abruzzese (info su Pila in the Sky).

  • BRENTONICO, TRENTINO

L'altopiano Brentonico è servito dalle località sciistiche di Polsa e San Valentino. Si tratta delle più meridionali del Trentino, che dal Monte Baldo si inerpicano fino a guardare al lago di Garda. Paesaggio e panorama sono incredibilmente suggestivi e il prezzo dei soggiorni e dello skipass più che convenienti. 13 impianti di risalita e oltre 40 km di piste di cui 20 per sciatori avanzati. Sistemi di innevamento artificiale e impianti di risalita nuovi di zecca. 

Il costo del giornaliero (acquistabile anche online) è di 30 Euro. 6 giorni di sci costano 149 Euro in media stagione e 189 in alta stagione (info su www.brentonicoski.com).

  • TOLMEZZO, FRIULI

Tolmezzo è la piccola e pittoresca capitale della Carnia. A due passi dal centro storico, dai ristorantini e dall'isola pedonale di Tolmezzo, c'è il comprensorio dello Zoncolan con una ventina di km di piste che si snodano lungo gli splendidi declivi della Carnia. Ideale per chi non ha grandi pretese da sciatore ma una grande voglia di scoprire questa terra dalle prelibate tradizioni culinarie con gli sci ai piedi.

L'ufficio del turismo del Friuli mette a disposizione biglietti cumulativi che permettono di spostarsi attraverso diverse località sciistiche. Partendo da Sutrio per esempio ci si muove in altri comuni della Carnia, tra degustazioni di vini locali e succulenta gastronomia. Su www.turismofvg.it trovate interessanti promozioni su skipass + hotel. I bambini entro i 10 anni sciano e dormono gratis (in tutto il Friuli). 

  • MACUGNAGA, PIEMONTE

Il Piemonte (qui trovate la guida su dove sciare in Piemonte) è una meta perfetta per le vacanze sulla neve. Ci sono così tante stazioni sciistiche che la regione è stata soprannominata la Galassia Bianca. Tra i comprensori più gettonati ci sono la Via Lattea, la cui località più famosa è Sestriere, Bardonecchia e Monterosa Ski. Macugnaga e Domobianca in Val d'Ossola sono tra le destinazioni più economiche in assoluto sia per quanto riguarda gli alloggi che per quanto riguarda lo skilift. 

Migliori destinazioni per sciare in Italia

Qui di seguito abbiamo selezionato le migliori località per sciare in Italia con prezzi e info sui comprensori. 

  • Madonna di Campiglio 

Conosciuta in Italia e all'estero, Madonna di Campiglio è una delle località più belle e rinamate dell'arco alpino. Adagiata a quota 1550 si trova in una splendida conca tra le Dolomiti del Brenta e i ghiacciai dell'Adamello. Oltre 150 km di piste di varia diffilcoltà, una cinquantina di km dedicati allo sci nordico e uno snowpark tra i più grandi d'Italia. Info: www.campiglio.it

  • Cortina d'Ampezzo

Bellissima località delle Dolomiti Ampezzane, nel Bellunese, Cortina è una delle principesse più belle della neve in Italia. Il parco naturale delle Dolomiti d'Ampezzo è uno scrigno di bellezza con vette dalle forme fantasiose che toccano anche i 3.200 metri e piccoli ghiacciai. La tradizione culinaria è molto simile a quella tirolese. Se scegliete Cortina come meta delle vostre vacanze non dimenticate di assaggiare i chenedi, polpette di pangrattato ripiene di spinaci e lardo e il gulash. Circa 140 km di piste di varia difficoltà. 

Skipass dalle 38 alle 50 Euro per il giornaliero, dalle 177 alle 250 per 6 giorni, a seconda della stagione.

  • Cervinia 

La chiamano la perla della Valle d'Aosta. Il comune è Valtournenche, uno scenario imbiancato da ottobre a maggio che inizia a 1.524 metri, a Valtournenche, abbraccia Breuil-Cervinia e sale ai 3.480 del Plateau Rosà fino alla vetta del Cervino. Il comprensorio è Skirama e oltre ai km di piste di Valtournenche Breuil Cervinia comprende il versante svizzero del Monte Cervino cui si accede da Cervinia e da Zermatt.

Skipass 42 Euro giornaliero ai 270 per 7 giorni. Info e tariffe qui.

  • Courmayeur 

La chiamano la “Perla delle Alpi”. In effetti Courmayeur, adagiata ai piedi del Monte Bianco, è un gioiello di rara bellezza. Oltre al comprensorio, quello di Chécrouit-Val Veny, con oltre 100 km di piste tra le più rinomate, c'è il paese con baite di legno e balconi fioriti in primavera e estate. Botteghe artigiane e dei sapori, autentici e tradizionali quelli dei formaggi locali e dei salumi, delle carni e delle farine. Per gli appassionati dello sci di fondo la località da non perdere è Planpincieux, mentre gli amanti del freeride troveranno invece nella parte alta del comprensorio bellissimi itinerari fuori pista con vista sul Monte Bianco. 

  • Tonale 

La sua fortunata caratteristica è quella di trovarsi adagiata all'ombra di un imponente ghiacciaio, quello del Presena. Il Tonale è quindi una delle prime stazioni sciistiche ad aprire all'inizio della stagione e una delle ultime a chiudere. Riparata tra le braccia di un anfiteatro naturale che delimita la Val di Sole dalla Vallecamonica, si trova a 1884 m.s.l.m, al confine tra la Lombardia e il Trentino.

  • Selva di Val Gardena

Il paesaggio è quello splendido e rosato delle Dolomiti e Selva di Val Gardena è incastonata  tra i massicci del Sassolungo, del Puez e del Gruppo del Sella, nel cuore del carosello sciistico della "Sella Ronda". Km e km di piste da sci e la possibilità di praticare tutti gli sport invernali, scalate su cascate di ghiaccio, snow-shoeing, ciaspolate notturne e tanto altro. Bellissime anche le altre località della Val Gardena, Ortisei e Santa Caterina Valfurva.

  • Livigno

La località valtellinese a due passi da Bormio e dalla sua zona termale non ha bisogno di presentazioni. La gastronomia di Livigno e dintorni è quella tipica della Valtellina, gustosa e prelibata come i pizzoccheri e la bresaola tipici di questa zona. Molto accoglienti i rifugi sulle piste. Livigno è la scelta giusta per gli amantio dello snowboard e del freestyle. Lo snowopark di Livigno è infatti il più grande e attrezzato d'Italia. Info: www.livigno.eu, skipass giornaliero 31 Euro, 6 giorni 129 Euro. 

  • Sestriere

Sestriere è il comune più alto d'Italia, a quota 2035 metri di altezza. Sospesa tra l'alta Valle Susa e la Val Chisone, oltre alle piste di estrema difficoltà che hanno visto l'assegnazione di medaglie olimpiche tra le più prestigiose della storia dello sci alpino ci sono le piste da discesa di tutte le difficoltà. Il comprensorio è quello della Via Lattea. A sfavore del paese bisogna dire che è meno caratteristico di altre mete italiane, più commerciale e meno intimo. Info: www.consestriere.it, skipass 34 Euro al giorno per sciare in tutto il comoprensorio della Via lattea.

  • Corvara 

Tra le località della Bella Alta Badia Corvara è quella che negli anni ha saputo conquistarsi il titolo di rinomata destinazione turistica. Per l'offerta e la professionalità delle strutture ricettive, per la bellezza della valle e per la qualità della neve e degli impianti di risalita. Adagiata in un‘ampia e soleggiata conca ai piedi del massiccio del Sassongher. Non perdete l’indimenticabile panorama che si gode dall’altipiano del Pralongià: dalla Marmolada alle vette austriache, accarezzando le Dolomiti. Info: www.altabadia.it, skipass 43 Euro per il giornaliero e 223 per 6 giorni in alta stagione.

Scopri