Idee di viaggio

Il Castello della Zisa in 10 foto

Questo castello arabesco che si trova a Palermo è stato costruito con un primitivo, seppur geniale, sistema di climatizzazione

/5

Le informazioni, la storia, le curiosità e le foto del Castello della Zisa di Palermo. 

Questo incredibile edificio risale agli anni della dominazione normanna in Sicilia. Conosciuto come La Zisa deve, probalilmente l'origine del suo nome, ad al-Aziz, che in arabo significa glorioso, magnifico.

LEGGI ANCHE: VILLA PALAGONIA A BAGHERIA

La costruzione dell'edificio iniziò sotto il regno di Guglielmo I ma venne portata a compimento da Guglielmo II intorno al 1175.

Nacque per essere residenza estiva del sovrano e venne realizzato fuori le mura di Palermo, all’interno del parco reale normanno conosciuto come Genoardo.

Il palazzo venne realizzato in perfetto stile arabo per volere dei dominatori Normanni, che subentrati agli Arabi nella dominazione furono attratti dalla cultura dei predecessori e ne ripresero lo sfarzo e la vita di corte.

Il palazzo è stato progettato interamente secondo l'architettura islamica, con archi, muqarnas, nicchie a volta e anche un sistema di aria condizionata perfettamente funzionale.

L'architetto che progettò l'edificio lo fece utilizzando tutti gli espedienti per creare un luogo confortevole durante il caldo torrido dell'estate siciliana: dall'esposizione del castello ai sistemi per far circolare l'aria.

LEGGI ANCHE: COLLEZIONE DI MAIOLICHE A PALERMO

La Zisa

Una foto pubblicata da @sogno93 in data: 21 Giu 2015 alle ore 06:26 PDT

 

Nel corso dei secoli La Zisa subì numerose trasformazioni, specie nel 600 quando furono realizzati importanti trasformazioni degli interni e delle finestre. Nel 1950 il castello divenne proprietà della regione Regione Siciliana. Tra gli anni 70 e 80 il restauro della Zisa lo riportò allo splendore.

Il cielo sopra la Zisa.

Una foto pubblicata da Sirè (@sire_gov) in data: 21 Mag 2015 alle ore 06:55 PDT

 

Si narra che nell'edificio sia conservato un tesoro in monete d'oro custodito da un numero indefinito di davoli, impossibili da contare per via del loro continuo movimento. Se un giorno qualcuno riuscirà a contarne l'esatto numero e sarà in grado di accedere al tesoro del castello, donerà ricchezza alla città di Palermo.

(Foto: Andreas Zerndl/Shutterstock)

(Foto: Andreas Zerndl/Shutterstock)

(Foto: Andreas Zerndl/Shutterstock)

 

#lazisa #palermobella #vivipalermo

Una foto pubblicata da Dario Dragna (@dario_jnr) in data: 10 Set 2015 alle ore 09:34 PDT

 

Oggi il castello è visitabile ed è sede del Museo di Arte Islamica dove sono esposti numerosi manufatti provenienti da paesi del bacino del Mediterraneo. Potrete visitare il castello da lunedì a domenica dalle 9 alle 19. Costo ingresso 6 euro.

(Foto: Andreas Zerndl/Shutterstock)

#Palermo #zisa #palace #beniculturali #al-Aziz #genoardo #park #museoarteislamica

Una foto pubblicata da @mannicicli in data: 7 Giu 2015 alle ore 04:23 PDT

 

Una foto pubblicata da Carlo S.III (@l.c.s.iii) in data: 5 Lug 2014 alle ore 03:42 PDT

“Al-ʿAziza” - “La splendida” - “The beautiful”

Una foto pubblicata da Paolo (@orishas87) in data: 15 Gen 2015 alle ore 07:04 PST

Scopri