Idee di viaggio

Scopello: il borgo marinaro siciliano dalla storia antica

Il borgo, la tonnara e le spiagge più belle di Scopello

Scopello MARE Shutterstock
5/5

Scopello è una località di mare che si trova sulla costa occidentale della Sicilia, in provincia di Trapani.

È una piccola frazione del comune di Castellammare del Golfo, che in inverno ha pochissimi abitanti e in primavera ed estate diventa invece uno dei luoghi più amati dei turisti in visita della zona di San Vito Lo Capo

Scopello

È un borgo seicentesco che si affaccia su un mare trasparente dal quale spuntano, suggestivi e incantevoli, due faraglioni. In estate le stradine di Scopello, deserte nei mesi invernali, quando gli abitanti non sono nemmeno un centinaio, sono piene di vita e si animano di colori e profumi.

I faraglioni sono il simbolo di Scopello, il cui nome deriva appunto dal greco Scopelos, ovvero scogli. Il borgo ha una storia antica, che si può ripercorrere visitando l’Antica Tonnara. Qui pare che sorgesse la città mitologica di Cetaria, chiamata così per la quantità di tonni presenti nelle acque di fronte a Scopello. Divenne riserva di caccia reale, durante il regno di Ferdinando II di Borbone, per poi invece passare nelle mani statali con l’Unità d’Italia. 

Visualizza questo post su Instagram

Bumpy drives through Scopello 🌵 #35mm

Un post condiviso da PATRICIA SOFRA (@patricia_sofra) in data: 14 Feb 2020 alle ore 3:39 PST

Come si raggiunge Scopello in Sicilia

A metà strada tra l’aeroporto di Trapani e Palermo, Scopello si raggiunge in auto prendendo l’autostrada A29 e uscendo a Castellammare del Golfo. Si può arrivare anche via mare, attraverso il Porto di Palermo o di Trapani, che sono collegati a Genova, Livorno, Roma, Napoli e Cagliari. 

Cosa vedere a Scopello

Una tappa fondamentale sarà sicuramente la Tonnara di Scopello, visitabile tutti i giorni fino alle 19, con un biglietto d’ingresso di 4 euro, che comprende l’edificio, l’atrio d’ingresso, le antiche ancore e naturalmente il panorama sul mare e sui faraglioni. 

Costruita nel XIII secolo, venne poi più volte ampliata e modificata da diverse famiglie, ultima tra le quali la famiglia Florio, protagonista oltretutto del recente bestseller I leoni di Sicilia di Stefania Auci, che racconta proprio della Tonnara di Scopello e vi suggeriamo di leggere prima di partire per la Sicilia. Sotto i Florio il pescato incrementò moltissimo. Nel periodo tra il 1896 e il 1905 la quantità di tonni pescati andava da 1043 e a 2480 quintali. 

La Tonnara venne ingrandita e oggi si possono vedere la casa del custode, i magazzini, la falegnameria, la loggia dove venivano appesi i tonni prima di sottoporli alle diverse lavorazioni, il forno del custode e lo scagno, un locale dove venivano pagati gli uomini.

Negli anni però i tonni nel Mediterraneo diminuirono e nel 1980 ci fu qui l’ultima mattanza. Oggi la tonnara ospita un diving center grazie al quale potrete programmare immersioni e tour in gommone. 

Le spiagge di Scopello

Il mare che circonda Scopello è cristallino e limpidissimo. Tra le spiagge da non perdere c’è:

la Spiaggia dei Faraglioni, a cui si accede dalla Tonnara. Davanti ad essa svettano appunto i faraglioni. Vi consigliamo di portare una maschera per apprezzare i fondali e la fauna del luogo. La spiaggia è piccola e intima, se potete evitate i periodi troppo turistici, altrimenti scegliete un orario molto mattutino per godere di un luogo selvaggio e incontaminato.

Visualizza questo post su Instagram

Spiaggia dei Faraglioni

Un post condiviso da Douglas Vilela 🇧🇷🇫🇷🇪🇺 (@douglasvilela) in data: 14 Set 2015 alle ore 2:13 PDT

Un’altra baia da non perdere è Cala Bianca, delimitata da rocce chiare da cui prende il nome su cui crescono palme e agavi spontanee. In primavera il paesaggio è verde di macchia mediterranea, mentre in estate diventa brullo. Qui si può fare snorkeling. Il fondale digrada pian piano ed è quindi adatto anche a chi ha bambini. Portate però delle scarpette da scoglio. Non si paga alcun biglietto per l’accesso. 

Cala Mazzo di Sciacca si trova vicino alla Riserva dello Zingaro, ed è immersa nella natura, tra il bianco di sabbia e ghiaia, l’azzurro dell’acqua limpida e il verde acceso della vegetazione che la circonda. 

La Spiaggia di Guidaloca è una delle più belle della zona, attrezzata in alcune zone con sdraio e ombrelloni e libera in altre. L’area a est ha fondale roccioso perfetto per lo snorkeling. Il parcheggio, a 50 metri, è economico. Riparata dal vento, ha mare calmo e servizi adatti anche alle famiglie. 

Dintorni

  • Riserva dello Zingaro
  • Segesta e Selinunte
  • Erice 
  • Custonaci
  • Trapani 
  • Castellammare del Golfo 
  • Riserva del Monte Cofano 

 

Mappa e cartina

Autore: Paola Toia

Scopri