Idee di viaggio

10 foto per innamorarsi di Barga

Guida al bellissimo borgo nel cuore della Garfagnana, decantato da Pascoli

Barga WEEKEND Shutterstock
3.7/5

Nel cuore della Garfagnana, nella provincia di Lucca, esiste un borgo che vi lascerà senza fiato, dove la vita scorre lentamente e sembra di essere catapultati in un'altra epoca.

Il borgo di Barga, tra i più belli d'Italia, si trova adagiato a 410 metri sul Colle Remeggio nel cuore della Media Valle del Serchio in Toscana

Cosa vedere a Barga

A dominare il paese c'è l'imponente castello che domina la valle circostante e il centro storico. Ha la conformazione tipica di un borgo medievale protetto da cinta muraria raggiungibile da 3 porte. Uno degli edifici che più importanti della città è il Duomo o Collegiata di San Cristoforo, il punto di partenza per esplorare, viuzze e varchi della affascinante città medievale. 

Non lontano da Barga, nella frazione di Castelvecchio, si trova Villa Cardosi-Carrara che Giovanni Pascoli acquistò e, ispirato dai rintocchi delle campane della Collegiata di San Cristoforo, scrisse L'ora di Barga (una delle composizioni dei Canti di Castelvecchio). 

La casa di Pascoli è visitabile, al suo interno troverete ancora gli arredi, la biblioteca ed i manoscritti del poeta. Nella adiacente cappella si trova il luogo  si trova anche la cappella dove Pascoli è sepolto insieme alla sorella.

Per maggiori info fondazionepascoli.it

Foto più belle di Barga

• Barga • #OlympusOMD // #ig_italy // #vscocam

Una foto pubblicata da M A X (@maxlazzi) in data: 13 Feb 2016 alle ore 03:16 PST

 

Crossed weather...in Barga, just outside the Duomo.

Una foto pubblicata da Matteo Viviani (@matviv23) in data: 7 Feb 2016 alle ore 14:05 PST

Chiaroscuro

Una foto pubblicata da Joy (@johannazambrano) in data: 6 Feb 2016 alle ore 03:24 PST

Sargentone at 4:49PM #Barga #Tuscany #countrylife

Una foto pubblicata da Elisabetta Gianasi (@bettsincredible) in data: 25 Gen 2016 alle ore 07:48 PST

Mille luci della #Garfagnana

Una foto pubblicata da Paolo Ceccarelli (@paoloceccarelli) in data: 2 Gen 2016 alle ore 11:26 PST

Scopri