Idee di viaggio

Il Cammino di San Jacopo in Toscana

Il Cammino di Santiago della Toscana

San Jacopo A PIEDI Shutterstock
5/5

Nel nord della Toscana c'è un piccolo Cammino di Santiago che vi invitiamo a percorrere. È il Cammino di San Jacopo, un itinerario lungo 110 km che da Firenze conduce a Lucca e passa lungo la direttrice della Via Cassia. 

Il sentiero ripercorre l'antico tracciato utilizzato dai pellegrini che nel medioevo volevano raggiungere Santiago di Compostela o Roma (nella direzione opposta). 

Il cammino jacopeo è un modo per scoprire con lentezza un territorio meraviglioso dove troverete città d'arte, storia, paesi, luoghi sconosciuti e meraviglie naturali da esplorare. 

LEGGI ANCHE: CAMMINI PIÙ BELLI IN ITALIA

Cammino di San Jacopo 

Sono 4 le tappe che compongono il Cammino Jacopeo che da Firenze porta a Lucca, passando per Pistoia: tappa fondamentale del percorso per la benedizione presso la venerata Reliquia nella Cattedrale della “Piccola Santiago”.

Il cammino, lungo 110 km, è  segnalato con appositi adesivi bianco-rossi con la Conchiglia di Santiago di Compostela in direzione ovest verso Santiago, e con il simbolo del Pellegrinetto in direzione contraria verso Roma. I pellegrini in viaggio lungo il cammino toscano potranno richiedere la credenziale, la Jacopea, il documento di viaggio che accompagna il viaggiatore lungo il cammino. 

Sulla Credenziale vengono apposti ordinatamente i timbri dei luoghi di accoglienza, ristoro, chiese, musei, monumenti lungo il cammino. La “Jacopea” attesta di aver percorso almeno 50 km a piedi e va richiesta presso il Battistero di San Giovanni in Corte in piazza Duomo a Pistoia.

Tappe e percorso

  • Prima Tappa 

Tappa 1 Firenze - Prato Km 27,1. Il percorso passa per le bellissime ville Medicee nell’area di Careggi-Castello e l’area archeologica etrusca di Quinto, permette la visita di numerose chiese e borghi, superando i torrenti su antichi ponticelli pedonali. Una bellissima strada di campagne fra gli olivi permette di salire alle Cappelle di Settimello, punto più elevato della tappa con i suoi 190 metri s.l.m. Si visitano poi la Pieve e il Castello di Calenzano, si attraversa la bella area agricola di Travalle e si passa per Cementificio Marchino, monumento di archeologia industriale, da cui vedere un ampio panorama della città di Prato e del suo territorio prima di entrare nel centro storico e poter visitare la città e rendere omaggio alla Sacra Cintola della Madonna.

  • Seconda Tappa

Prato - Pistoia Km 27,1. il percorso si svolge per lunghi tratti su strade,argini e sentieri non asfaltati. Appena fuori dalle mura di Prato ci immettiamo sull’argine del fiume Bisenzio. Si sale poi alla collina delle Sacca, dove rimangono i ruderi dell’Ex-Convitto Cicognini e la Villa Carlesi-Fossombroni, per poi discendere a Figline dove si incontra la bella chiesa romanica di San Pietro e l’edicola monumentale di Sant’Anna. Si attraversa poi la particolarissima Area Protetta del Monteferrato, salendo al punto più elevato della tappa a circa 350 ml s.l.m..Superati i resti del ponte romano della Cassia detto delle Sei Arcole, attraverso strade secondarie raggiungiamo direttamente il suggestivo Bastione San Marco delle mura urbane di Pistoia e ci immettiamo nel centro storico toccando l’Abbazia longobarda di San Bartolomeo e, percorrendo la longobarda “Via Domini Regis”, si raggiunge la Cattedrale dov’è conservata fra i suoi tesori, la Reliquia di San Jacopo pervenuta a Pistoia nel 1145 direttamente da Compostela, il cui culto rese famosa la città in tutta Europa tanto da essere denominata Minor Santiago, “La Piccola Santiago”

  • Terza Tappa

Pistoia - Pescia Km 29,6. Il percorso alterna tratti pianeggianti ad antichi percorsi collinari, spesso selciati, che raggiungono interessanti borghi e castelli. Si prosegue poi in saliscendi nella bella campagna oltre la Pieve di Groppoli fino al borgo fortificato di Serravalle. Si risale la Via di Perticaia per raggiungere la zona delle Terme storiche di Montecatini, il Parco di Villa Ankuri e salendo al Castello di Buggiano, il borgo dei giardini e degli agrumi. Si scende poi nuovamente lungo antichi selciati fino al torrente Cessana per risalire poi in collina verso i borghi fortificati di Stignano, La Costa e Uzzano e le loro belle chiese romaniche. Uzzano offre un bel panorama su Pescia e l’intera Valdinievole fino a San Miniato. Si scende poi rapidamente su antichi percorsi selciati per raggiungere Pescia.

  • Quarta Tappa

Pescia - Lucca 26,3 km. Il percorso si snoda prevalentemente su antiche strade selciate, mentre nella seconda parte attraversa la piana lucchese toccando numerose antiche chiese e manufatti di archeologia industriale. Nel centro di Pescia si imbocca la Via della Fiaba, un bellissimo antico percorso selciato che ci conduce a Collodi e al parco della Villa Garzoni. Si percorre poi il crinale di confine con Lucca e si attraversano le colline di Veneri percorrendo un antico selciato. Si passa poi per Segromigno in Piano, Lammari, Vico e si cammina in Via dell’Acqua Calda, una via che costeggia il canale derivato dal Serchio. Da lì il cammino prosegue fino a Lucca. Sul sito ufficiale trovate la mappa e le indicazioni per percorrere il Cammino di San Jacopo. 

Scopri