Idee di viaggio

Palazzo Pitti: la storia, la struttura, i musei, le opere più importanti

Tutto quello che devi sapere

Palazzo Pitti MUSEI Shutterstock
5/5

Costruito per volere di Luca Pitti – banchiere fiorentino di successo – Palazzo Pitti a Firenze è una delle residenze storiche più importanti e famose della Culla del Rinascimento. La sua costruzione iniziò intorno al 1440 su progetto, secondo alcune fonti mai del tutto confermate, di Filippo Brunelleschi, architetto tra i più importanti del Rinascimento italiano. 

Ufficialmente, ad ogni modo, la costruzione fu affidata a Luca Fancelli - collaboratore del Brunelleschi – che ebbe l’idea, innovativa per il tempo, di costruire sia il palazzo che la piazza antistante. 

L’opera, enorme per l’epoca, fu poi finita dalla famiglia dei Medici, rivali storici di Pitti, che facendo leva sulle sorti poco felici del banchiere fiorentino, rivelarono la proprietà dell’intero edificio facendone la loro residenza privata. 

La prima ad abitare a Palazzo Pitti fu Eleonora di Toledo, moglie di Cosimo I dei Medici che, nel 1550 si trasferì qui da Palazzo Vecchio, storica dimora della famiglia fiorentina. 

Dopo l’arrivo dei Medici, Palazzo Pitti subì numerosi e importanti modifiche. I lavori furono portati avanti dall’architetto Ammannati. A lui si deve la costruzione del meraviglioso cortile interno e l’idea di fare vita al Giardino di Boboli. Fu invece l’architetto Vasari a realizzare il famoso “Corridoio Vasariano” che collega ancora oggi Palazzo Pitti con il Museo degli Uffizi.

Il Palazzo diventò successivamente proprietà della famiglia Lorena e dei Savoia, per poi diventare nel 1919 proprietà dello Stato per volere del re Vittorio Emanuele III. 

ACQUISTA QUI I BIGLIETTI PER PALAZZO PITTI E I SUOI MUSEI

(Foto: © Isogood_patrick / Shutterstock)

Palazzo Pitti

La struttura di Palazzo Pitti è quella classica di un palazzo rinascimentale: cubo con altezza pari alla profondità, stile in pietra delle colline di Boboli. La superficie totale è divisa in tre piani, con un ampio balcone che attraversa l’intera facciata e una loggia sotto il tetto. 

La facciata che vediamo ora è il frutto di diversi ampliamenti che Palazzo Pitti ha subito nel corso del tempo, l’edificio originale aveva soltanto un corpo compatto con sette finestre su due piani e tre diversi portali.

Tutti i musei di Palazzo Pitti

Lo storico palazzo fiorentino è sede di numerosi e importanti musei e gallerie d’arte. Al suo interno, infatti, si trovano la Galleria Palatina con gli Appartamenti Reali, la Galleria d’Arte Moderna, il Museo degli Argenti, il Museo della Moda e del Costume, il Museo delle Porcellane, il Museo delle Carrozze e il meraviglioso Giardino di Boboli, considerato un vero e proprio museo a cielo aperto. 

ACQUISTA I BIGLIETTI SALTAFILA PER GALLERIA DEGLI UFFIZI, PALAZZO PITTI E GIARDINO DI BOBOLI 

Le opere più importanti di Palazzo Pitti

All’interno di Palazzo Pitti, come detto, si possono osservare importantissime opere d’arte di artisti del calibro di Raffaello (nella sala di Saturno), Tiziano, Canova, Hayez e Rubens. Il fulcro del Palazzo è la Galleria Palatina, museo che ospita, tra le altre, il Tondo Bartolini di Filippo Lippi (nella sala di Prometeo), la Maria Maddalena e la Giuditta con testa di Oloferne di Artemisia Gentileschi (nella sala dell'Iliade). 

Gli Appartamenti Reali sono l'antica residenza della famiglia Medici prima e ospitano, tra le altre, la stupenda Sala del Trono, realizzata per il re Vittorio Emanuele II di Savoia, con vasi giapponesi del XVII e XVIII secolo e la Sala Blu, con i ritratti della famiglia Medici realizzati da Justus Sustermans nel 1600. 

Nella Galleria di Arte Moderna si trovano più di 2.000 opere realizzate dal Neoclassicismo ad oggi, con dipinti e sculture di artisti dal calibro di Canova, Hayez ed i Macchiaioli. 

Nel Museo degli Argenti si trovano il Tesoro di Anna Maria Luisa de'Medici - una collezione di animali di origine fiamminga – e i Vasi di Lorenzo de' Medici, con pietre dure risalenti al XIV secolo. 

Nel Museo della moda e del costume – unico in Italia – sono conservati più di 600 esemplari di costumi di scena usati nel teatro e nel cinema, realizzati tra gli altri da stilisti come Armani, Valentino e Versace. 

Nel Museo delle Porcellane si possono vedere le meravigliose ceramiche di Capodimonte, quelle francesi e viennesi, e tutta la collezione personale del Granduca Cosimo I de' Medici.  

Nel Giardino di Boboli, infine, da visitare assolutamente c’è la la Grotta del Buontalenti, decorata con giochi d'acqua e stalattiti, il Bacino di Nettuno, il Giardino del Cavaliere e l’Orto di Giove. 

Visite orari e biglietti

  • Orari 

da martedì alla domenica dalle ore 13.30 alle 18.50.

Il sabato e i giorni festivi sarà necessario effettuare la prenotazione con almeno un giorno di anticip

  • Biglietti

Biglietto singolo: Ingresso singolo alle collezioni di Palazzo Pitti: Galleria Palatina, Galleria d’Arte Moderna, Tesoro dei Granduchi, Museo della Moda e del Costume 16€

Ridotto 2 euro con prenotazione 3 euro. Per maggiori info visitate il sito ufficiale.

Autore: Paola Toia

Scopri