Idee di viaggio

Cosa vedere a Pienza

Guida a cosa fare e vedere nella città ideale della val d'Orcia

Pienza cosa Vedere WEEKEND Shutterstock
5/5

Se i morbidi paesaggi della Val d’Orcia, in Toscana, sembrano disegnati dalla mano di un pittore particolarmente ispirato, il piccolo e incantevole borgo di Pienza è stato scientemente progettato e costruito per farne la città ideale del Rinascimento italiano

Questo gioiello nascosto nel cuore della Toscana è ancora oggi lo splendido esempio di realizzazione di una visione, la messa in pratica di un’utopia urbanistica di rara bellezza.

Pienza

Appollaiata in cima ad una collina nel contesto fiabesco della Val d’Orcia, Pienza è uno dei borghi italiani considerati tra i più belli in assoluto ed inseriti di diritto nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco.

Situata nel sud della Toscana, tra i famosi comuni di Montalcino e Montepulciano, in provincia di Siena, Pienza e tutta la sua campagna circostante regalano scenari da sogno, fatti di panorami mozzafiato, soffici colline, strade contornate da filari di alti cipressi e architettura armonica.

Un'esplorazione a passo lento in queste zone è da mettere nella personale lista di cose da fare per riscoprire le bellezze abbacinanti del nostro paese e per godere di un misto di piaceri visivi ed enogastronomici senza uguali.

Grazie alle sue dimensioni ridotte e ad un centro storico intimo e raccolto Pienza si lascia visitare facilmente a piedi tra le sue stradine acciottolate, le sue piazze e i suoi eleganti edifici storici concepiti per riflettere i valori umanistici di un’epoca. Il borgo di Pienza è così come lo conosciamo grazie alla visionaria intuizione di un uomo: Enea Silvio Piccolomini poi divenuto papa Pio II che durante il suo pontificato di metà ‘400 volle realizzare il sogno di costruire una città ideale in accordo ai valori umanistici dell’epoca e di trasformare la sua città natale in una residenza papale in stile rinascimentale. Grazie alla sapiente mano dell’architetto Bernardo Gambarelli detto il Rossellino in pochi anni Pienza venne riedificata secondo un moderno piano urbanistico con al centro la piazza principale, Piazza Pio II, circondata da imponenti edifici rinascimentali quali Palazzo Piccolomini, il Museo Diocesano, Palazzo dei Canonici, la Cattedrale di Santa Maria Assunta, il Palazzo Comunale e il Palazzo Ammannati. 

Da qui si snodano le arterie principali per andare alla scoperta di una vera e propria città ideale emblema del Rinascimento. Passeggiare lungo queste stradine con nomi quali Via del Bacio o Via dell’Amore è un toccasana per i sensi, compreso quello del gusto data la presenza di numerose botteghe e rivenditori di uno dei prodotti tipici in città: formaggi e pecorini artigianali.

Un altro primato che questo piccolo gioiello può vantare è la vista panoramica che offre a chi cammina lungo le antiche mura di cinta che circondano e proteggono il centro storico o a chi è in visita in uno dei suoi edifici più importanti, come Palazzo Piccolomini dalle cui terrazze si riescono ad intravedere Montalicino, il Monte Amiata e gli spettacolari paesaggi della Val d’Orcia.

Per non restare disorientati tra le sue tante opere d’arte e attrazioni abbiamo stilato una piccola lista di suggerimenti sulle cose da vedere e fare a Pienza e dintorni.

Cosa vedere a Pienza

  • Centro storico di Pienza

La camminata tra i luoghi più significativi del borgo di Pienza parte dalla sua piazza centrale intitolata a papa Pio II che va considerata come una delle più suggestive di tutta la regione Toscana e uno dei pochi esempi ancora intatti di  urbanistica rinascimentale

  • Palazzo Piccolomini

Il primo tesoro dentro il centro storico di Pienza è il Palazzo Piccolomini, un elegante edificio a tre piani. La sua facciata decorata si apre con un enorme ingresso sul cortile interno contornato da un portico colonnato. Il cuore segreto del palazzo è il suo splendido giardino pensile con tre logge sovrapposte che offrono una spettacolare vista panoramica sulla Val d'Orcia che spazia dal Monte Cetona al Monte Amiata e alle colline intorno a Montalcino. In mezzo al giardino c’è un’antica fontana con aiuole rettangolari intorno a cui si alzano mura ricoperta d’edera e si diramano stradine fiorite. Da visitare poi ci sono anche gli appartamenti papalini con eleganti sale arredate del palazzo con opere d’arte di valore e una magnifica biblioteca

  • La Cattedrale di Santa Maria Assunta

Rimasta inalterata nei secoli per espresso volere di Pio II la Cattedrale di Santa Maria Assunta è uno dei vanti di Pienza. La sua facciata in travertino divisa in tre parti con tre diversi portali, reca in alto sopra il rosone lo stemma papale in perfetto stile rinascimentale. Al suo interno, diviso in tre navate, sono presenti antiche opere d’arte sacra della scuola senese commissionate dallo stesso Pio II, un imponente crocifisso sopra l'altare e un soffitto decorato.

  • Museo Diocesano

Il Museo Diocesano d’arte sacra trova spazio all’interno del Palazzo Vescovile o Borgia. Nelle undici sale del museo sono esposte importanti opere d'arte e arredi ecclesiastici del periodo di Papa Pio II ad opera di artisti senesi come ad esempio la Madonna di Monticchiello di Pietro Lorenzetti.

Il tour di Pienza prosegue poi attraverso un percorso ideale tra le sue attrazioni più significative come il Palazzo Comunale, edificio di grande valore artistico progettato da Bernardo Rossellino, il ‘pozzo dei cani’ nella stessa piazza che resta uno dei più eleganti fra i tanti pozzi presenti a Pienza, la chiesa di San Francesco in stile gotico accanto alla  Porta al Prato, i Palazzi Gonzaga e Piccolomini e la Pieve dei Santi Vito e Modesto a Corsignano, ad appena 500 metri di distanza dalla centralissima Piazza Pio II, un’antica chiesa in puro stile romanico con un grande portale decorato.

Cosa vedere nei dintorni

Immersa nella meravigliosa Val d’Orcia Pienza è anche un ottimo punto di partenza per esplorare una delle zone più belle d’Italia. A breve distanza si possono raggiungere le caratteristiche località di Montalcino dove bere un ottimo calice di vino e Bagno Vignoni dove rilassarsi in bagni termali. Un piccolo tour nei dintorni di Pienza potrebbe iniziare visitando il bel monastero benedettino di Sant’Anna in Camprena. Monticchiello invece è un piccolo borgo antico borgo in collina conosciuto per i suoi spettacoli di teatro popolare all’interno delle spesse mura difensive che ospitano anche la Pieve dei Santi Leonardo e Cristoforo con affreschi del Trecento. Da visitare c’è poi il Castello di Spedaletto un complesso fortificato che conserva ancora torri e mura merlate, mentre per gli amanti della natura la meta è quella presso la Riserva naturale Lucciola Bella e la Quercia delle Checche, un’area protetta di grande impatto visivo e naturalistico a breve distanza da Pienza.

Il Pecorino di Pienza

Oltre a tutta queste serie di bellezze artistiche e paesaggistiche una delle attrazioni in grado di richiamare un gran numero di turisti a Pienza è il suo famoso Pecorino, il formaggio tipico locale che è possibile degustare in uno dei caseifici artigianali nella campagna, in una delle sue preparazioni tradizionali in abbinamento col miele o per farne scorta da riportare a casa.

Cosa fare in un giorno 

  • Piazza Pio II
  • Palazzo Piccolomini
  • Cattedrale di Pienza
  •  Museo Diocesano d'arte sacra
  •  Chiesa di San Francesco
  •  Romitorio di Pienza
  • Pieve dei Santi Vito e Modesto a Corsignano
  • Monticchiello
  • Castello di Spedaletto
  • Riserva naturale Lucciola Bella
  • Quercia delle Checche

 

Mappa e cartina

Autore: Giorgio Calabresi

Scopri