Idee di viaggio

Terme gratis più belle d'Italia: dove sono e come raggiungerle

Guida utile alle Terme Libere d'Italia: le migliori terme gratuite della penisola e le informazioni dettagliate per raggiungerle e organizzare un viaggio alle terme Gratis

Terme di Saturnia WEEKEND Shutterstock
4.2/5

Le terme libere sono una delle meraviglie più piacevoli della natura. L'acqua termale sgorga dalle profondità della terra e forma piscine idilliache dove è possibile rilassarsi e dedicarsi al benessere del proprio corpo e della propria mente in una sorta di spa naturale sempre aperta.

Non saranno quelle dello Yellowstone National Park né quelle Islandesi, ma anche in Italia non mancano bellissime piscine naturali.

Terme libere in Italia

Quali sono le migliori terme libere in Italia dove immergersi nell'acqua termale è gratis?

Abbiamo realizzato una piccola guida ai migliori posti d'Italia dove rilassarsi nell'acqua calda e benefica, circondati dalla natura, senza spendere neanche un centesimo: la guida alle terme libere d'Italia, le più belle e come raggiungerle. 

Terme gratis più belle d'Italia

  • Cascate del Mulino, Saturnia, Toscana - 37,5°C 
  • Terme di Petriolo, Monticiano, Toscana - 43°C 
  • Fumarole di Ischia, Barano, Campania - 30 - 100°C 
  • Terme del Bullicame, Viterbo, Lazio - 58°C 
  • Bagni di San Filippo, San Filippo, Toscana - 48°C  
  • Terme Libere Carletti, Viterbo, Lazio - 58°C 
  • Terme di Bormio, Bormio, Lombardia - 40°C 
  • Terme di Caronte, Lamezia Terme, Calabria - 39°C 
  • Terme di Fordogianus, Fordogianus, Sardegna - 54°C 
  • Baia di Sorgeto, Forio di Ischia, Campania -  40°

 

Terme libere di Saturnia (Grosseto)

Secondo il mito le terme di Saturnia si formarono per mano di Giove che scagliò un fulmine per colpire Saturno mancandolo.

L'antico complesso termale è molto esteso. Oltre ai lussuosi stabilimenti termali di Saturnia ci sono una serie di terme naturali e vasche libere. Tre queste le cascate di Gorello e le terme a gradoni di Manciano.

Come raggiungere le terme di Saturnia: percorrendo la strada che da Scansano conduce a Manciano, incontrerete, circa 2 km prima del paese, il ruscello termale. Dopo il ruscello, dove la strada devi averso destra potrete parcheggiare e proseguire a piedi verso la strada sterrata a sinistra. In pochi minuti di cammino raggiungerete le splendide cascatelle di acqua sulfurea.

Terme libere di Ischia (Napoli)

Ischia è l'isola delle terme, conosciuta dai Romani per questa sua preziosa caratteristica. La prima tappa per un tour termale di Ischia, rigorosamente gratuito, inizia a Olmitello, nel sud dell'isola. L'ingresso è possibile durante tutto l'anno e l'accesso è un sentiero che parte dalla baia Maronti.

Proseguendo in senso orario il giro di Ischia si arriva alle Fumarole dove le rocce sono scaldate dall'acqua bollente che sgorga dal fondo del mare ribollendo in superficie. Qui si possono fare sabbiature calde, mentre il bagno è possibile solo in estate.

Nella baia di Sorgeto le sorgenti di acqua termale formano delle piscine marine naturali, favolose d'inverno e anche di notte. Alla spiaggia dell'Agnone nel comune di Forio le sorgenti di acqua caldissima sgorgano sulla spiaggia. Qui trovate le info sulle antiche terme romane di Cavascura ancora in funzione.

Bagni di San Filippo (Siena)

Nascosto tra i boschi verdi, ai piedi del Monte Amiata, c'è un piccolo tesoro: sono i Bagni di San Filippo, le terme libere che devi raggiungere in Val d'Orcia a Siena.

Dal paese di San Filippo raggiungete un piccolo sentiero nel bosco che conduce al Fosso Bianco, il torrente dove confluiscono le sorgenti d’acqua calda che nel tempo hanno creato uno scenario incantevole, fatto di montagne calcaree bianche da cui sgorga acqua bollente che si riversa in piccole piscine naturali.

Terme libere Carletti (Viterbo)  

Carletti forse una delle terme più affascinati della zona di Viterbo. L'acqua scende lungo numerosi rigagnoli a 58° e alimenta diverse vasche. L'acqua è trasparente e di colori suggestivi.

Come raggiungere le terme libere Carletti: per raggiungere le terme Carletti prendete la strada per Tuscania e una volta giunti alla zona militare, girate a sinistra fino a che non vedete le terme alla vostra destra. C'è un ampio parcheggio libero. Possono essere piuttosto frequentate il fine settimana.

Terme di Petriolo (Siena)

Sulle sponde del torrente Farma (comune di Monticiano) ci sono le terme libere di Petriolo. I resti di uno stabilimento termale risalgono al quattrocento ma l'acqua termale di Petriolo era conosciuta ancor prima, ai tempi di Cicerone.

Sgorga a 43°, carica di idrogeno solforato. Le terme libere si trovano in un'insenatura del torrente, protette dalle rocce dall'acqua fresca che scorre a fianco. Sono abbastanza grandi, anche se è comunque abbastanza facile trovarle affollate al weekend. Meglio la sera, qualche candela accesa sulle rocce, qualcosa da bere e il relax è assisurato.

Terme di Bormio (Sondrio)

La magia di sdraiarsi nell'acqua bollente con la neve tutt'intorno, non succede solo in Islanda ma anche qui da noi, a Bormio. La piscina termale si trova ai margini di un torrente protetta dalle pietre su cui appoggiare la schiena godendosi il calore e il panorama spettacolare tutt'intorno.

Come raggiungere le terme di Bormio: da Bormio proseguite verso il passo dello Stelvio per poi svoltare a sinistra per Livigno. Subito dopo il ponte potete parcheggiare e proseguire a piedi costeggiando il torrente finchè non incontrerete la vasca naturale.

Terme di Bagno Vignoni (Siena)

Un antico borgo di pietra nel cuore della Val d'Orcia. L'acqua benefica delle terme è parte integrante della vita a Bagno Vignoni da sempre. La vasca principale si trova in una posizione quanto mai singolare: al centro della piazza, là dove solitamente sorge una fontana c'è una vasca bella grande, calda e trasparente. Purtroppo oggi non è più balneabile per una questione di decoro. Ma niente paura, ci sono altre piscine e sono libere.

Come raggiungere Bagno Vignoni: in fondo al percorso del parco dei Mulini è stata costruita una piscina rettangolare, pulita e ben tenuta, che capta le acque che attraverso canali e rigagnoli percorrono il parco dei Mulini. I più avventurosi e meno inclini alla comodità potranno bagnarsi direttamente nelle acque dei canali.

Terme del Bagnaccio (Viterbo)

Le Terme libere del Bagnaccio, con 6 vasche termali e due prati per sdraiarsi e rilassarsi al sole, sono gestite da un'associazione che mantiene pulito e custodito il sito. Le terme sono aperte tutti i giorni dalle 7:00 alle 24:00. Si paga una quota per entrare di 5 euro con la quale si può entrare tutto l'anno.

Terme del Bullicame (Viterbo)

Le terme libere del Bullicame si trovano sulla strada Bullicame a 2 km e mezzo da Viterbo. Ci sono una vasca piccolina e una più grande ed allungata. C'è un piccolo parcheggio non custodito proprio accanto alle piscine.

Terme di Caronte (Lamezia Terme)

Poco distante dallo stabilimento a pagamento troverete l'ingresso delle terme libere di Caronte. Qui l'acqua sgorga a 39°, potrete mitigarla con la cascata attigua il cuo getto è decisamente più freddo. 

Terme libere di San Casciano dei Bagni (Siena)

Nell'antica città della Val di Chiana si contano pù di 40 bagni termali, ma quelli che dovete assolutamente raggiungere sono le terme gratuite: vasche calde ad accesso libero che sono ubicate a poche centinaia di metri dal centro storico.

Percorrete via della Fontanacci e raggiungere vasche e bagni murati e piccole piscine dove l'acqua è costantemente a 40°.

Terme libere di Vulcano (Messina)

Vulcano, l'isola del benessere delle Eolie, ha le sue preziose terme libere, delle pozze ipertemali ricche di zolfo dove potrete bagnarvi. Raggiungete la zona della Pozza dei Fanghi, una vasca alimentata ininterrottamente da acqua, fango argilloso e vapori sulfurei e poi  beneficiate delle acque rigeneranti delle "fumarole" o delle "acque calde", a poca distanza dai fanghi. 

Sclafani Bagni (Palermo)

Sclafani Bagni è uno dei segreti nascosti e meglio custoditi della Sicilia. Si trova lungo la variante montana che collega Messina a Palermo e lungo la via francigena del sud. Le terme libere, una pozza termale piccola e immersa nella natura, si raggiungono con un sentiero super panoramico in discesa. Poco distante dalla pozza ci sono i resti, affascinanti ed in rovina, dell'antico stabilimento termale di Sclafani Bagni. Anche il paesino con i resti del suo castello meritano una visita.

Terme libere di Segesta (Trapani)

Anche l'antica città di Segesta ha le sue terme libere, sono le Polle di Crimiso. Si tratta di sorgenti di acqua vulcanica a 47 gradi, circondate da un meraviglioso scenario naturale. 

Foto Terme libere in Italia

Di seguito una galleria fotografica con le immagini più belle delle terme gratuite in Italia. 

Vai alla gallery

Le migliori terme d'Italia

6 foto.

Scopri