Idee di viaggio

I cammini da fare a piedi in Trentino-Alto Adige

Una selezione dei cammini più belli da fare nella regione, compreso qualche itinerario escursionistico di più giorni.

Cammino di San Vili A PIEDI Shutterstock
/5

Quali sono i cammini più belli da fare a piedi in Trentino-Alto Adige? In questa guida scopriamo tutti i cammini segnati che solcano la regione, da fare in uno o più giorni. Non parliamo dei grandi sentieri escursionistici di alta montagna che necessitano di preparazione fisica e di un'ottima attrezzatura tecnica e conoscenza della montagna, ma di cammini meno impegnativi, ideali per un viaggio a piedi di più giorni.

Cammini in Trentino-Alto Adige

Il Trentino-Alto Adige è da sempre terra di confine che collega il Nord Europa al meridione passando per valichi e strade che hanno mosso merci e persone, fedeli e eserciti. I cammini storici per questo motivo sono tanti. Alcuni seguono le antiche strade romane, altri ripercorrono i pellegrinaggi di santi e pellegrini.

In questa guida scopriamo una selezione dei cammini più belli del Trentino-Alto Adige facili da percorrere con una preparazione al cammino che non includa necessariamente quella all'alta montagna.

Su questo link trovate una guida alle cose da sapere prima di fare un cammino a piedi, come vestirsi e come allenarsi. Il Mibact ha creato un atlante dei cammini italiani (qui trovi la mappa del Mibact dei Cammini d'Italia) in cui ha inserito i cammini italiani opportunamente segnati che rispondono a determinati standard di fruibilità a favore dell'utente (qui trovate i migliori cammini da fare in Italia).

Cammini più belli del Trentino-Alto Adige

  • Cammino di San Romedio

Il Cammino di San Romedio è lungo 180 chilometri e diviso ufficialmente in 12 tappe. Dal Tirolo, passando per l'Alto Adige arriva in Trentino e presso il Santuario di San Romedio. Il dislivello complessivo è di 9600 metri e è necessario un buon allenamento. Il periodo migliore per fare il Cammino di San Romedio è da metà giugno a ottobre. A maggio infatti alcuni valichi potrebbero essere ancora innevati.

  • Cammino Jacopeo

Circa 170 chilometri divisi in 7 tappe facili e fattibili più o meno per tutti, con un po' di allenamento, il “Cammino Jacopeo d’Anaunia” è uno tra i cammini spirituali più belli d'Italia. Parte da Sanzeno e arriva a San Romedio, passando per Madonna di Senale, Marcena di Rumo, Terzolas, Cles, Flavon e Vigo di Ton. Ne esiste anche una versione più breve di 64 chilometri che si sviluppa ad anello attorno a Sanzeno.

  • Sentiero del Dürer

Il sentiero del Dürer prende il nome dal celebre pittore tedesco che percorse questo cammino durante il suo viaggio verso Venezia quando, sorpreso da una piena del fiume Adige, fu costretto a percorrere il sentiero che da Egna arriva fino alle piramidi di Segonzano in Val di Cembra. Il percorso misura 39 km e può essere percorso con lentezza in 8 comode tappe.

  • Cammino di San Giacomo

Il Cammino di San Giacomo è la variante tirolese del Camino di Santiago. Con i suoi 130 chilometri parte da Winnebach/Prato alla Drava nel comune di San Candido e in 16 tappe arriva fino al Convento di S. Giovanni in Müstair, in Val Monastero nel Cantone dei Grigioni, appena oltre il confine con la Val Venosta. Da qui volendo si può proseguire nel tratto austriaco fino al Duomo di San Giacomo a Innsbruck.

  • Alpiedi – Ledro Alps Trek

Alpiedi – Ledro Alps Trek è un facile cammino naturalistico, percorribile tutto l’anno e lungo 101 km. Si cammina toccando le riserve protette della rete di riserve delle Alpi Ledrensi con un percorso ad anello che si percorre in 5 giorni. Adatto anche a chi si avvicina ai trekking di montagna per la prima volta.

Il Cammino di San Vili è considerato il piccolo cammino di Santiago italiano. Il percorso si snoda in Trentino, da Trento a Madonna di Campiglio, passando per le terre evangelizzate da San Vigilio, il vescovo martire che in queste zone è chiamato affettuosamente San Vili. Ci sono due varianti del cammino, uno alto adatto ai più esperti ed uno basso, più facile da percorrere. La Via Vigilius si snoda lungo i luoghi toccati dal vescovo Vigilio di Trento, vissuto tra il IV e V secolo d.C., che ha edificato o in cui onore sono state edificate numerose chiese della regione. Le sue spoglie sono nel duomo di Trento, dal quale il cammino parte.

Scopri