Idee di viaggio

Le valli più belle d’Italia

Valli incorniciate da monti, colline e fiumi per una vacanza nella natura

Valli più belle d'Italia: le 10 da visitare in autunno AUTUNNO Getty Images
5/5

Incastonate tra maestose Dolomiti, incorniciate da sinuose colline o circondate da saline, fiumi e specchi d’acqua, le valli sono microcosmi da scoprire in qualsiasi stagione dell’anno. 

Nella natura spettacolare, attraversata da sentieri escursionistici e piste da sci, si stagliano suggestivi borghi, antiche chiese, eremi e castelli. La vacanza ideale per fotografi, escursionisti e amanti della natura. Ecco le valli più belle d’Italia, perfette per godersi i colori dell'autunno

Le valli più belle d’Italia da vedere in autunno 

  • Val Gardena, Trentino-Alto Adige
  • Val di Fassa, Trentino-Alto Adige
  • Val Pusteria, Trentino-Alto Adige, Tirolo
  • Val d’Orcia, Toscana
  • Le valli di Comacchio, Emilia-Romagna
  • Valtournenche, Valle d’Aosta 
  • Valtellina, Lombardia 
  • Val di Funes, Alto Adige 
  • Valle del Boite, Veneto 
  • Val d’Ega, Trentino-Alto Adige 

Val Gardena, Trentino-Alto Adige

È una meravigliosa valle alpina nel cuore delle Dolomiti, situata in Alto Adige, considerata parte integrante della Ladinia. La Val Gardena è dominata dai gruppi montuosi di Rasciesa, delle Odle e del Puez, dove le imponenti cime spiccano come delle vere e proprie sculture di rocce. La valle conta tre comuni: Ortisei, conosciuta per l’arte dell’intaglio del legno e considerato il paesino più bello delle Dolomiti, Santa Cristina, il paese baciato dal sole ai piedi del Sassolungo, e Selva di Val Gardena, il paese più alto della Val Gardena che si trova sotto il massiccio del Sella. 

LEGGI ANCHE: STRADE DEL VINO IN AUTUNNO

Vicino Ortisei, non perdete la chiesa di San Giacomo, la più antica della valle, e i numerosi castelli come il Castel Gardena, i ruderi del Castello di Wolkenstein e del Castello medievale di Stetteneck, testimoni dei primi insediamenti della zona. Numerosi sono i suoi laghi, in maggior parte sopra i 2000 metri, come il lech dl Dragon sulla cengia del Sella, il lago Crespëina nel Puez, i laghi lech Sant, lech sa Iman, lech da Rijeda ed il lech dla Scaies sull'alpe Mastlè. La Val Gardena però è soprattutto rinomata come paradiso degli sport invernali. Vanta, infatti, 500 km di piste uniche, moderni impianti di risalita, 30 km di sentieri per escursioni e 115 km per lo sci di fondo. Grazie al collegamento con Dolomiti Superski, il più grande carosello sciistico al mondo, la Sellaronda e la vicina Alpe di Siusi, la Val Gardena è un eldorado per gli sport invernali. Ma può essere esplorata anche in primavera, quando la natura ricomincia a tingersi di mille colori e i laghi brillano di blu per l’acqua del disgelo. L’estate è invece il periodo migliore dell’anno per gli amanti del trekking e delle camminate. Qui si trovano infatti 600 km di sentieri per escursioni e mountain bike, come la nuova Trail Arena Val Gardena, e innumerevoli vie d’arrampicata. Non dimenticate di concedervi una pausa in una delle bellissime baite dove assaggiare la cucina locale. 

Val di Fassa, Trentino-Alto Adige

La val di Fassa è un’altra bellissima valle di tradizione ladina, situata nel Trentino nord-orientale. La valle è circondata da alcuni dei più importanti massicci delle Dolomiti: la Marmolada, il gruppo del Sella, del Sassolungo e del Catinaccio. Attraversata dal torrente Avisio, la valle comprende sette centri principali: Moena, nota come la fata delle Dolomiti, vanta un pittoresco centro storico dove ammirare le chiese di San Volfango e di San Vigilio; Canazei, un apprezzato centro turistico, che fa parte del Dolomiti Superski e dispone di un centro benessere e di uno stadio del ghiaccio; Mazzin, il più piccolo comune della val di Fassa, conosciuto come il paese dei "pitores" che vanta l'unico maniero rustico-signorile della valle, il "Cèsa Battel"; Vigo di Fassa, sede del Museo Ladin de Fascia e dell'Istituto Culturale Ladino; Campitello di Fassa, il primo centro turistico della valle; Soraga, noto per le passeggiate presso il parco fluviale del lago di Pezzè e per l'artigianato locale; Pozza di Fassa, dove si trovano le terme Dolomia e la torre di Pozza, l'unico esempio di fortificazione presente nella valle. 

La Val di Fassa è un’altra meta delle Dolomiti amate dagli sciatori. Qui si trovano 4 skitour oltre al Sellaronda, 8 snowpark, 210 km e 150 piste servite da 77 impianti di risalita. La Val di Fassa è uno dei comprensori sciistici più completi delle Dolomiti con 7 diverse ski aree collegate tra loro. D’estate, invece, la valle offre altrettante opportunità di essere esplorata con escursioni sia nel fondovalle sia a quote elevate, grazie anche al Panorama Pass, una tessera che permette l'accesso illimitato agli impianti di risalita. Si può scegliere tra diverse attività come il nordic walking, il parapendio o il golf.

Val Pusteria, Trentino-Alto Adige, Tirolo

La Val Pusteria è una valle delle Alpi Orientali, lunga circa 100 km, che si estende tra Bressanone e Lienz, tra l’Alto Adige e il Tirolo Orientale. Mentre dolci pascoli, foreste e prati soleggiati caratterizzano la Bassa Pusteria, l'Alta Val Pusteria è conosciuta soprattutto per le maestose vette delle Dolomiti di Sesto, tra cui le Tre Cime di Lavaredo. Questa particolare formazione montuosa è molto amata dai fotografi, dagli arrampicatori, dagli escursionisti e da tutti gli amanti della natura. 

I parchi naturali delle Dolomiti di Sesto, di Fanes-Sennes-Braies e di Vedrette di Ries rendono la Val Pusteria poi una meta ideale per ogni stagione. Qui si trova inoltre il lago di Braies, un incantevole lago alpino situato a 1.496 m.s.l.m., che d’estate risplende di blu e smeraldo, d’inverno gela diventando un’ottima pista per pattinare sul ghiaccio circondati dalle vette imponenti delle Dolomiti di Braies. Ma sono bellissimi anche il lago di Dobbiaco e il lago di Anterselva. D’inverno invece si scia sulle piste di Plan de Corones, si può andare in slitta sulla Croda Rossa o fare escursioni sulle Dolomiti di Braies. Da non perdere poi nell’Alta Val Pusteria pittoreschi paesini e città di montagna, tra cui il capoluogo, Lienz, e Aguntum, l'antica città romana e uno dei più antichi monumenti conservati fino ad oggi.

Val d’Orcia, Toscana

Colline sinuose, viali di cipressi, meravigliosi vigneti e uliveti, e campi di grano color dell'oro. La Val d’Orcia rapisce il viaggiatore. Attraversata dal fiume Orcia, dal quale la valle prende il nome, questa regione a sud della Toscana, si estende tra le province di Siena e Grosseto. 

L'intera area è oggi un parco protetto, ed è stata riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. La sua natura incontaminata, dai colori sempre diversi a seconda delle stagioni, ha conquistato artisti di tutti i tempi, in particolare i pittori rinascimentali. Partite alla scoperta della terra dove nasce uno dei vini italiani più apprezzati, il Brunello di Montalcino, e andate a zonzo tra piccoli borghi, castelli, abbazie e casolari sparsi nella rinomata campagna toscana. 

Le valli di Comacchio, Emilia-Romagna

È un'ampia zona umida e paludosa dell’Emilia-Romagna, situata tra le provincie di Ferrara e di Ravenna. Le valli di Comacchio si estendono per 11mila ettari tra la cittadina di Comacchio e il fiume Reno, all'interno del Parco regionale del Delta del Po. 

Sono un rifugio naturale per numerose specie animali e vegetali, nonché uno dei più importanti complessi lagunari esistenti in Europa. Un giardino zoologico da esplorare attraverso un suggestivo percorso naturalistico che vi porterà a conoscere germani reali, aironi e fenicotteri rosa tra saline e specchi d’acqua. Le valli di Comacchio sono un luogo ricco di fascino dove riecheggiano ancora storie di briganti e antiche superstizioni. 

Valtournenche, Valle d’Aosta 

È la valle della più bella montagna del mondo, come i valtournains definiscono il Cervino. La Valtournenche si trova nella Valle d’Aosta nordorientale ed è una delle valli più scenografiche delle Alpi. Sullo sfondo domina il Cervino e le vette aguzze delle Grandes Murailles. 

Nella valle si trova Cervinia, uno dei centri più rinomati per gli amanti degli sport sulla neve. Nella Valtournenche d’estate invece ci si rilassa sulle sponde del lago di Maën, piacevole angolo di natura e relax, e si visitano i caratteristici villaggi tra cui Cheneil, grazioso villaggio senza auto, da cui si gode di una splendida vista sul Cervino, situato in un ambiente naturale di grande fascino, tra fitti boschi, rododendri e pascoli in fiore. Da non perdere il pittoresco borgo di Chamois, l’unico comune d’Italia non raggiungibile in automobile, ma solo a piedi, in bicicletta o in funivia con partenza da Buisson. 

Valtellina, Lombardia

La Valtellina è l’ampia valle nel nord della Lombardia, situata nel cuore delle Alpi al confine con la Svizzera, circondata dalla catena retica da un lato e da quella orobica dall’altro. Lunga 120 km, è una terra ospitale di antiche tradizioni. 

È conosciuta per le sue rinomate località sciistiche, tra cui Bormio, Livigno e Santa Caterina, che offrono oltre 400 km di piste dedicate allo sci alpino e più di 200 km allo sci nordico. In primavera e in estate la Valtellina vanta bellissimi scenari per dedicarsi all’alpinismo, all’arrampicata, al nordic walking e numerosi torrenti dove poter praticare il canyoning e il rafting. La valle è perfetta da esplorare a piedi o in mountain bike lungo i numerosi itinerari storici e naturalistici. La Valtellina, inoltre, ha un grande patrimonio artistico e culturale che testimonia del suo glorioso passato di crocevia d’Europa. Vale la pena andare alla ricerca di chiese, palazzi, torri e castelli. La Valtellina, infine, è famosa anche per le sue specialità enogastronomiche come i pizzoccheri, la bresaola e il Bitto (formaggio d’alpeggio DOP), oltre ai suoi vini e alle sue mele. 

Val di Funes, Alto Adige 

La Val di Funes è una piccola ma affascinante valle dell’Alto Adige. Si estende per soli 24 km e nasce dalle maestose cime del gruppo delle Odle e si spinge fino ai vigneti della Valle d’Isarco. È una delle ultime valli rimaste incontaminate che attrae i viaggiatori per lo scenario mozzafiato che offre questa valle incorniciata dalle Dolomiti. È un vero paradiso per escursionisti e amanti della natura in ogni stagione dell’anno. I meno sportivi invece possono visitare le incantevoli località tra cui San Pietro, il capoluogo della valle, Santa Maddalena, con la sua bella chiesa, Tiso, San Valentino, Colle e San Giacomo, oltre al borgo di Funes che dà il nome alla valle. Funes infine è una “Perla delle Alpi”, il marchio di qualità della mobilità dolce per le vacanze sulle Alpi. La valle si impegna infatti ad offrire ai turisti una vacanza sostenibile, all’insegna della tutela dell’ambiente. 

Valle del Boite, Veneto 

È una valle dolomitica della provincia di Belluno, percorsa dall’omonimo torrente Boite, che nasce in località Campo Croce ai piedi della Croda Rossa d’Ampezzo nel Parco naturale regionale delle Dolomiti d’Ampezzo. La Valle del Boite incanta per il suo magnifico scenario sormontato dal maestoso Antelao, seconda cima dolomitica dopo la Marmolada. La valle inoltre ospita Cortina d’Ampezzo, una delle località sciistiche più rinomate delle Alpi e frequentata dal jet set italiano e internazionale. 

Oltre alle boutique di lusso e agli eleganti alberghi fate caso alla settecentesca basilica dei Santi Filippo e Giacomo. Ma vale la pena visitare anche gli altri centri della valle tra cui San Vito di Cadore, dove vedere la chiesa della Difesa e il Museo Etnografico, Valle di Cadore, dal grazioso centro storico, Cibiana di Cadore, paese dei murales e del Museo delle Nuvole di Reinhold Messner sul Monte Rite, Vodo di Cadore, paese degli antichi fienili, e Borca di Cadore, con la chiesa di San Simone.

Val d’Ega, Trentino-Alto Adige 

La Val d'Ega è una valle dell’Alto Adige che inizia pochi chilometri a nord di Bolzano e si estende verso sud-est fino al passo di Costalunga che porta in val di Fassa. Prende il nome dal torrente omonimo, un affluente dell’Isarco. La gemma della Val d’Ega è il lago di Carezza, un meraviglioso lago alpino, chiamato in ladino “Lec de Ergobando”, lago dell’arcobaleno, perché a volte è verde smeraldo, altre blu scuro o grigio a seconda della luce e delle stagioni. 

La Val d’Ega, inoltre, è incastonata tra due imponenti massicci dolomitici, il Catinaccio e il Latemar, che si specchia nel lago di Carezza. Le località principali sono i piccoli comuni di Cornedo all’Isarco, Nova Levante e Nova Ponente. Da non perdere, se siete appassionati di stelle, poi, una visita all’unico osservatorio dell’Alto Adige e al planetario. 

Autore: Francesca Ferri

Scopri