Idee di viaggio

10 (+1) Posti Poco Conosciuti da Vedere in Veneto

La guida perfetta dei posti meno noti da vedere

Grotta Azzurra di Mel WEEKEND Shutterstock
4.6/5

Se Marco Polo potesse tornare sui suoi passi, con buona probabilità oggi sceglierebbe di rimandare il viaggio in Cina per trascorre una serena vacanza nel suo amato Veneto alla riscoperta di luoghi e posti meno conosciuti di una regione piena di attrazioni anche lontano dalla massa turistica che assedia Venezia

Oltra alla meravigliosa città lagunare nota in tutto il mondo, il Veneto è luogo di una serie di paesaggi e città deliziose da visitare. Il territorio della regione spazia dalla laguna alle pianure a dolci colline e si innalza fino alle cime rocciose delle Dolomiti.

Il Veneto offre una destinazione turistica completa, con una combinazione di attrazioni come grandi città, splendida campagna, laghi, stabilimenti balneari e centri sciistici. 

LEGGI ANCHE: VACANZE IN ITALIA

Una regione di grande diversità incastonata tra il Mar Adriatico, il Lago di Garda, le Dolomiti, il fiume Po, i Monti Berici a sud di Vicenza e i Colli Euganei con una serie di valli e fiumi che scendono dalle Alpi del nord come L'Adige, il Brenta, il Piave e altri che rendono fertili le sue colline ricche di vigneti, frutteti e piccole aziende agricole.

Il Lago di Garda insieme ai più grandi parchi di divertimento d'Italia, Cortina d'Ampezzo, la romantica Verona, Padova che vanta opere di Giotto e monumenti medievali, Treviso e Vicenza adornata dalle incantevoli ville del Palladio fino a Bassano del Grappa e Asolo. Ognuno di questi luoghi offre uno spaccato del Veneto unico e suggestivo. 

Il Veneto è una terra di contrasto con un territorio che spazia dalle città d’arte alle colline del Prosecco nella zona di Valdobbiadene, oggi parte del patrimonio mondiale dell'UNESCO con splendidi paesaggi disseminati di vigneti e cantine ad oasi naturalistiche uniche come la Vallevecchia, il Lio Piccolo e la Laguna del Mort.

Si tratta di una regione tutta da scoprire, piena di mete alternative e interessanti per ogni gusto e tipologia di viaggio. Per questo abbiamo raccolto alcuni consigli per escursioni insolite nelle zone d’interesse meno conosciute della regione.

10 Posti Poco Conosciuti da Vedere in Veneto

  • 1. La strada del Prosecco

La zona del Prosecco è una bellissima area di colline ricoperte di viti tra i comuni di Conegliano e Valdobbiadene dove vengono coltivate e vinificate le uve da cui deriva uno dei migliori prodotti italiani da esportazione: il Prosecco doc. Con i suoi paesaggi incantevoli la zona si presta ad escursioni che portano alla scoperta di vigneti e cantine locali dove è possibile comprendere il processo agricolo e ovviamente degustare un buon bicchiere di prosecco originale nel suo luogo di nascita. Inoltre l’intera area è bella da vedere percorrendo strade e sentieri che si snodano tra castelli medievali, fiumi e piccoli laghi, antiche abbazie e persino un vecchio mulino vicino a una cascata.

  • 2. Laguna di Caorle

La Laguna di Caorle è un’area naturalistica protetta che un tempo era abitata da pescatori in abitazioni in legno e canna dette Casoni. Qui è possibile intraprendere numerose escursioni alla scoperta del territorio, dalla vicina Ca 'Corniani, un piccolo villaggio rurale fino a raggiungere l'Isola dei Pescatori. L’intera area si può esplorare fra canali e terre emerse sia in bicicletta che in navigazione grazie a tour organizzati in barca. Oltre a visitare i Casoni per avere un assaggio della vita dei pescatori di una volta si possono osservare numerose specie animali e vegetali che popolano questo ecosistema vivo e incontaminato dove regnano silenzio ed equilibrio naturale.

  • 3. Spiagge e natura della laguna di Jesolo 

Quindici chilometri di spiagge, enormi aree di camping, vita da spiaggia di giorno e movida di notte, sono le caratteristiche delle tre località regine delle vacanze balneari sulla costa veneta: Jesolo, Cavallino e Bibione. Nella stessa zona però c’è molto altro da scoprire, una laguna ricca di luoghi speciali tra natura e cultura. Tra canali, dune di sabbia, campi coltivati e antiche case coloniche è possibile esplorare la zona e godere ad esempio di una delle più belle spiagge della regione la Laguna del Mort presso la città di Eraclea o dell’oasi naturale di Lio Piccolo. Lasciando il litorale e seguendo a ritroso il corso del fiume Piave si potranno invece scoprire itinerari e paesaggi ricchi di siti storici, musei, fortezze, monasteri, chiese e ville antiche, raggiungibili in auto o pedalando lungo la grande Ciclovia del Piave.

  • 4. Tour delle città termali venete

In tutto il territorio Veneto sono disseminate numerose sorgenti naturali di acque minerali e termali intorno alle quali sono nate svariate cittadine e centri per il benessere che rappresentano un’ottima opzione per un soggiorno rilassante e rigenerante. Servite da strutture alberghiere di livello e fornite di ogni comodità, le stazioni termali sono concentrate nelle località di villeggiatura di Albano Terme e Montegrotto Terme a poca distanza da Padova e Vicenza. Bibione dove è possibile abbinare ai bagni termali quelli nel mar Adriatico grazie alle sue ampie spiagge sabbiose e Recoaro Terme, una località più montana, conosciuta per le proprietà curative e benefiche delle sue acque che da secoli regalano benessere fisico e spirituale a chi ne fa uso. 

  • 5. Tour delle Isole Venete

Il Veneto vanta centinaia di isole che galleggiano nelle acque del Mar Adriatico davanti le sue coste e che meriterebbero una visita in barca per la loro bellezza paesaggistica, la ricchezza delle loro tradizioni artigiane e la loro storia affascinante. Lasciando la terra ferma si può così scoprire una vasta porzione di territorio veneto in mezzo al mare spesso trascurato dai turisti. Oltre alle note Burano e Murano conosciute per le loro tradizionali lavorazioni di merletti e vetro soffiato, ci sono l’isola San Giorgio Maggiore dove si trova l’omonima chiesa disegnata dal Palladio, San Servolo che ospita un museo all’interno dell’ex manicomio attivo per anni, la quasi disabitata Torcello con il suo famigerato Ponte del Diavolo e i mosaici bizantini conservati nella Basilica di Santa Maria Assunta. E poi ancora la poco visitata Pellestrina, Lido dove si tiene il Festival del Cinema di Venezia, l’isola Albarella, di Donzella e di Ariano per un soggiorno più chic nel Delta del Po e l’isola del Garda che rappresenta al meglio tutte le meravigliose isole ricche di giardini e ville nelle acque del lago di Garda.

  • 6. Tour delle ville venete

Uno dei modi più originali di visitare la regione Veneto può essere quello di girarla alla ricerca della sue splendide Ville antiche disseminate su tutto il suo territorio. Nel corso dei secoli infatti i migliori architetti italiani, fra cui spicca la firma di Andrea Palladio, hanno progettato fantastiche residenze di campagna per le famiglie nobili locali. Queste abitazioni ottimamente conservate e ancora adornate da splendidi affreschi antichi sono oggi visitabili in un tour ideale per gli amanti di architettura e arte. Tra queste vi segnaliamo la più nota villa firmata dal Palladio Villa Capra La Rotonda nei pressi di Vicenza, Villa Contarini a Piazzola sul Brenta dove si tiene ogni mese uno dei più grandi mercati di antiquariato in Italia, Villa Foscari La Malcontenta in provincia di Venezia per i suoi affreschi e Villa Pisani a Stra sulla Riviera del Brenta nota per essere una delle più grandi ville d’Italia.

  • 7. Sentieri dei Colli Euganei

I Colli Euganei, nei pressi di Padova, oggi formano un Parco Naturale di grande biodiversità con colline ricoperte di vigneti e uliveti costellate di musei e città fortificate medievali. L'intera area del Parco è attraversata da una fitta rete di sentieri e percorsi ideali per fare escursionismo. Gli amanti del trekking e delle passeggiate immerse nel verde potranno scegliere tra una ventina di percorsi ufficiali percorribili a piedi o in bicicletta tutti adeguatamente segnalati e tracciati con tabelloni informativi e aree di sosta. Questi sentieri sono adatti a tutti e permettono di entrare dentro una natura avvolgente contornata anche da costruzioni come terme e abbazie tutte da scoprire. Tra i luoghi da non perdere in questi percorsi suggeriamo il Pianoro del Mottolone, ricco di panorami affascinanti e l'antico borgo medievale di Arquà Petrarca

  • 8. Grotta Azzurra di Mel

In provincia di Belluno ci sono luoghi incredibili e poco conosciuti che difficilmente si dimenticano. Tra questi spicca il borgo di Mel, nella lista dei più belli d’Italia, con il suo Castello di Zumelle e la magnifica Grotta Azzurra. Nascosta alla fine di un percorso di trekking, la grotta è un gioiello dalle acque cristalline annidato tra boschi della Valbelluna. Proprio partendo dal Castello di Zumelle inizia un percorso a piedi di circa mezz’ora adatto a tutti in uno scenario immerso nella natura del luogo tra torrenti e cascate che conduce fino alla Grotta. In una delle anse del torrente, incastonata in una maestosa cornice rocciosa la vista della Grotta Azzurra arriva come un’apparizione magica e incantata. Le sue acque limpide e turchesi sono uno scenario unico avvolto dal silenzio della montagna che ci si porta dentro anche al ritorno.

Il territorio trevigiano seppur poco esteso offre numerosi spunti d’interesse. Un ottimo esempio è rappresentato dal Molinetto della Croda, nelle vicinanze del comune di Refrontolo nella valle del fiume Lierza. Si tratta di un antico e incantevole mulino ad acqua, risalente circa al XVI secolo. Attivo fino al 1953 e poi abbandonato, il mulino oggi restaurato si può visitare con la sua caratteristica macina funzionante e la grande ruota di legno immersa nell’acqua del torrente. Visitare questo piccolo e affascinante mulino rappresenta anche l’occasione di esplorare le bellezze delle colline del Prosecco con i suoi borghi come Refrontolo, Possagno, Conegliano e Cison di Valmarino con il suo maestoso maniero di Castelbrando

  • 10. Orto Botanico dell'Università di Padova

Il Veneto è una regione dove abbondano le aree naturali e gli spazi verdi. Attaccati ai suoi palazzi storici e ville i giardini del Veneto sono luoghi incantevoli da visitare per passare qualche ora circondati da alberi e piante autoctone ed esotiche coltivate con cura. Uno dei giardini più significativi di tutta la regione è l’Orto Botanico dell'Università di Padova. Il giardino universitario più antico del mondo dove storia e flora creano un luogo speciale e istruttivo. Nel corso degli anni i curatori del giardino hanno assemblato un’incredibile varietà di vegetazione con esemplari di piante di ogni tipo e provenienza in un insieme spettacolare che non mancherà di appassionare anche chi è sprovvisto di pollice verde.

  • 11. Campi di Lavanda di Porto Tolle

Non tutti sanno che anche il Veneto ha il suo angolo di Provenza. È il campo di Lavanda di Ca' Mello a Porto Tolle, in Provincia di Rovigo, dove tra antichi casolari la lavanda fa spettacolo. 

Il campo di lavanda è stato coltivato dalla famiglia Masiero, ed è una immensa distesa di due ettari. Una delle cose da vedere assolutamente lungo il Delta del Po. Il periodo migliore per ammirarlo è nei mesi che vanno da giugno ed agosto. 

Autore: Giorgio Calabresi

Scopri