Idee di viaggio

Quattro giorni a Amsterdam

Per la settima volta il nostro Domyvasco va a Amsterdam e da grande esperto ci racconta Coffee Shop, locali e magie della città dei canali.

Quattro giorni a Amsterdam VIAGGI URBANI Shutterstock
/5

Eccomi qui, pronto a scrivere quest'altra (ennesima) esperienza in Amsterdam. Questa volta ci siamo Arrivati sfruttando un offertona di Ryanair davvero conveniente.


Bari-Maastricht 24/6
Maastricht- Bari 27/6.

Trasferimento Maastricht-Amsterdam (che spieghero' in seguito). Il volo è costato in tutto 10,49 x 2 (più soli 6 euro di spese Amministrative, comprando le tratte separate). L'ostello è stato Il Toko Budget Hostel, facente parte del HEM Hotel pagato 9 euro a Notte tramite Booking.com.

Dunque Tralasciando offerte e prezzi vari.... ecco a voi il report. Penso lo dividero' anche perchè con questo caldo non ho nemmeno tanta voglia di Buttare giu' tanta roba.

  • GIORNO 1
Il volo partira' alle 14.25 , ed io , Reduce da un sabato sera non dei piu' Salutari, Sveglia alle 11.00.

Doccia, Check-list Bagaglio, Controllo peso, Ipad Preso, Colazione Super, Doccia e arrivano immediatamente le 12.30, il mio Amico Compagno di Viaggio è sotto casa con tanto di bagagliaio aperto.

GUARDA ANCHE: COME RAGGIUNGERE AMSTERDAM DA ROTTERDAM

in Tempo circa mezz'ora raggiungiamo Il terminal Di Palese-Macchie "Karol Wojtyła". Caffe', Spuntino in aeroporto con la mitica Focaccia barese , controlli , ed eccoci qui... in attesa dell'imbarco. Approfittiamo della Smoking Area dell'aeroporto, cosi' fra una risata e l'altra ci rendiamo conto che mancano SOLO 5 MINUTI alla chiusura del Gate!!!! Cosi' ci affrettiamo a guadagnare il Gate 1, che non avevo mai visto , infatti si trova in una sorta di piano sotterraneo, insieme al Gate 2.

Come spesso accade per i voli per Olanda o Germania, nell'area Gate nonostante ci sia un sacco di gente, regna il silenzio , e una fila Educata ed ordinata. Noi, assieme a qualche faimglia saremo gli unici Italiani su quel Volo , direi pieno all 80% circa.

Imbarco Puntuale, Telefoni e dispositivi mobili spenti, E decollo che spacca il minuto, tra il limpido cielo di Bari. Ci sono 32 Gradi e sappiamo gia' che una volta atterrati in Olanda ce ne saranno ben 18!! (un po' di respiro!). Dopo 2 ore abbondanti di volo, inizia la discesa verso Maastricht e quindi atterriamo.

Come previsto, il tempo è da No comment, il tipico insomma di quelle zone, Nuvole basse, Grigie, pioggerellina... ma tutto passa quando Scorgiamo le Biondissime e Altissime Addette allo scalo :P

L'aeroporto è straordinariamente piccolo, da me definito UN BUCO! E' infatti l'aeroporto piu' piccolo che abbia mai visto e non esagero se dico che un supermercato è piu' grande!

Dunque, da Itinerario, dobbiamo prendere un Bus 59 (3,50 EURI) che ci portera' alla Stazione dei Treni Di Maastricht, quindi prendere un Treno per Amsterdam (23,60 Euri o 24,10 se preso dal banco) ed ecco qui Il primo colpo di Fortuna della giornata.

Ci avviciniamo alla Fermata del Bus e un Taxista con Accento Orientale si Avvicina e ci chiede la nostra destinazione Finale, Amsterdam, e ci offre di portarci dirtto fino all'ostello a soli 30 euro in sole 2 ore, anziché le 3 e mezza circa pianificate fra Attesa Bus, Tragitto stazione e Treno. Ovviamente ne approfittiamo, e nelle promesse 2 ore siamo ad Amsterdam.
(inoltre è un piacere viaggiare in auto per le Bellissime Autostrade Olandesi)

Ad ogni modo, dato che dobbiamo fare la Card per i Trasporti di 3 giorni a 16 euro decidiamo di farci lasciare alla Stazione Centrale, infatti li, secondo il sito GVB c'è un punto vendita per codesta Card. Sono circa le 19.30 , e non abbiamo intenzione di perderci la Partita dell'Italia contro L'inghilterra, pero' ci fiondiamo ugualmente in uno dei miei Coffeshop Preferiti, The GreenHouse Effect, in Warmoestraat.

Fatto il misfatto, guadagnamo la fermata del tram di Dam, e attendiamo il Tram n2 che ci portera' fino a WestlandGracht, fermata prossima alla Struttura che ci Ospitera' per questi 3/4 giorni di fuoco. Dopo circa 20 minuti di Tram ( che io adoro ) giungiamo a destinazione.
L'ostello infatti non è centralissimo, si trova in Slotervaart, una zona Residenziale, Molto Silenziosa, con Tanto verde e il bellissimo canale.

Tra coffeshop, Perdizione, Tram etc, sono le 21. ( LA PARTITAAAA!!!!! :-O ). Cosi' check in Rapidissimo, (viene fatto nell HEM HOTEL, ma la struttra Ostello è difronte). Ci sistemano in tre diverse camere da 2 posti, molto grandi pulite con bagno privato, con Televisione con Canali Italiani, inglesi, francesi olandesi e tedeschi.

Cosi' scaltro come una faina, metto su rai 1, e noto il PALO DI DE ROSSI! WOW che inizio. Ma non c'è tempo per vedere la partita in Ostello, cosi' lasciamo sul posto i bagagli e ci fiondiamo verso la Fermata del Tram n2.

Coco's Outback, in RembrandtPlein è un pub locale Australiano, uno dei miei posti preferiti, decisamente un Must durante le mie visite ad Amsterdam. Cosi' Prendiamo posto, ci sono davvero molti , forse troppi tifosi inglesi, che Cantano , urlano, si dimenano, ma non c'è verso l'Italia stasera è in Partita....

Nel frattempo ordiniamo, visto che abbiamo una discreta fame, cosi' i miei amici oprano per 2 unlimited di Costolette Barbecue ed io per una bistecca di Canguro con Patatine Australiane e immancabile HB sauce, il tutto Accompagnato da una Magnifica Heineken Extra cold, che è sempre un piacere in quel Di Amsterdam.

Tra sofferenze varie si arriva alla Lotteria dei Calci di rigore. Tra varie sorprese noto che praticamente ci sono un sacco di INDIANI, con la maglia della ferrari che tifano Italia Sfegatatamente, e anche diversi Olandesi e americani sono per noi Azzurri. BUFFON E DIAMANTI, zittiscono tutti quei tifosi inglesi che pian piano svuotano il locale fra i nostri festeggiamenti.

E' arrivata la Mezzanotte, dobbiamo ammettere che la stanchezza post volo-taxi-tram-partita si fa' sentire, quindi decidiamo di fare un ultimo giro , una piccola sfumacchiata e tutti a nanna. Domani è un altro giorno, e dobbiamo essere al top, per viverlo al Meglio.
  • GIORNO 2

Bene bene, dopo una bella dormita (E CI VOLEVA!), la sveglia è alle 9 del mattino. Mi sveglio piu' carico che mai, mi viene da Urlare se penso che una fantastica giornata nella mia Citta' preferita mi aspetta...!!!!

Condivido la mia stanza doppia con un Apparentemente 50enne, Palesemente Russo, dato che la sera precedente mi ha salutato con un Privet, poi in bagno il dentrifricio è da Colgate.ru, purtroppo non parla Inglese ma con disinvoltura inizia a fare un discorso lungo e articolato nella sua Lingua, cosi' annuisco sorrido e poi spezzo con un Cortese Sorry I don't speak Russian.

Doccia piu veloce che mai, il bagno non è male, piccolo ma pulito, insomma una doccia un lavandino e un cesso... mi vesto che gia' sono nella hall dell' hotel dove ci siamo dati appuntamento con i miei 2 compagni di viaggio. Come gia' immaginavo... NON C'E' nessuno. Li conosco troppo bene , cosi' sapendo di un Supermercato in prossimita' dell'Ostello approfitto per comprare una bella macedonia da Albert Heijn, sempre molto fresca e buona.

Di Ritorno alla Hall non c'è ancora nessuno... E MO BASTA! a me l'ingrato compito di bussare alle loro stanze e buttarli giu' dal letto. Sono quasi le 10 e non posso pensare che stiamo perdendo tempo in Ostello. Come due soldati eccoli li sull'attenti al suono dell'alzabandiera, e in poca roba siamo gia' in strada pronti per la citta'.

Solito tram n. 2, questa volta pero' scendiamo tutti a van baerlestraat , infatti il mio amico Roberto vuole visitare il Museo di Van Gogh, io non lo ritengo opportuno visto che ci sono gia' stato una volta , inoltre la fila all'esterno mi scoraggia.

Dunque impossibile evitare la usuale visita alla gigantesca scritta IAMSTERDAM, le tipiche foto, anche arrampicandosi sulle enormi lettere.
Impossibile ammirare la distesa di verde in front of , vedere i bambini che giocano a palla e soprattutto le loro rispettive progenitrici.

Questa mattina, a differenza del volo, noto una grandissima presenza di italiani, ormai ho sviluppato doti surreali per riconoscerli. Un giorno scrivero' un libro su come riconoscerci all'estero, spero lo compriate. Il tempo passa inesorabilmente e cosi' vista l'ora (ci siamo anche fermati ad un supermercato per prendere dei magnifici WAFFLES per colazione) lasciamo il povero Roberto alla sua sorte, infatti c'è una fila incredibile stamattina davanti al museo, salutiamo e via con il tram n.5 destinazione The DAM.

Piazza dam, pur non essendo nulla di speciale, per me è sempre qualcosa di emozionante, per le emozioni che in passato questa piazza mi ha regalato, specialmente a Natale, dunque decido di fermarmi qualche minuto a sentire gli artisti di strada (buskers)..

Il palazzo reale, finalmente è stato scoperto del tutto, ed è li , davanti a noi , in tutto il suo splendore. In zona , vi è un famossissimo nonchè bellissimo coffeshop, si chiama The Grasshopper, lo amo poichè è stato uno dei primi mai provati e perchè offre uno scenario niente male, con tavolini proprio su una sorta di piccolo porto dove partono i traghetti.

Dato che come si sta dicendo , per il 2013 il sogno finira', vogliamo darci dentro alla grande visto che questa potrebbe essere la nostra ultima, probabile visita da Consumatori. Una magnifica waitress , alta, biondissima e dal viso angelico, irrompe su noi chiedendoci se gradiremmo ordinare qualcosa da bere.

MA CERTO, IO DA TE MI PRENDO TUTTO IL BAR !
purtroppo non sempre si puo' dire quello che si pensa, dunque optiamo per un te' caldo, che con questa temperatura non propriamente estiva e questo venticello, fa' la sua bella figurina Tra un joint forse piu' di uno, un bicchierone di Te' inglese e la degustazione del paesaggio il tempo passa in una maniera spaventosa.

Infatti squilla il telefono, é un Roberto entusiasta quello al telefono, che è appena uscito dal museo e ci aspetta a Leidseplein.
Detto, fatto, Tram n1, 2 o 5 dalla stazione centrale a leidseplein ci vanno tutti e 3, e in 15 minuti siamo li.

Leidspelein , in versione estiva non l'avevo mai vista. Infatti dove in inverno vi era la pista da pattinaggio, ci sono un sacco di Tavolini e sedie, dei vari bar, impossibile non prendere posto e Mandar giu una Ghiacciata pinta di Birra.

Molto carino anche il nuovo Negozio Della Apple, aperto in leidseplein, praticamente un Paradiso Terrestre per chi come me ama il brand dell'Azienda di Cupertino. E' tempo di Hard Rock Cafe', in tutte le volte che sono stato ad Amsterdam non sono mai riuscito a prendermi la Famigerata Maglia che riporta la Scritta Amsterdam, detto fatto, non ci fermiamo a mangiare li , i prezzi sono qualcosa di spudorato ma... con un cenno di intesa....si opta per il..... KFC!!!!!!!!

Menu da 6 hot wings + patatine e Pepsi 6 euro e 50. Non male considerando che lo preferisco di gran lunga ai vari Mcdonalds e Burger King.

Sazi Sazi Sazi, adesso TUTTI AL COFFESHOP Lo so, potremmo sembrare monotoni, o forse dei fattoni, ma ognuno ha le sue abitudini o vizi che dir si voglia. Purtroppo notiamo che uno dei miei preferiti DE ROKERIJ e' CHIUSO! o meglio è in cantiere, non c'è piu nulla ma solo dei muratori.... Cosi' optiamo per the Bulldog Palace, anch'esso molto carino, magari un po' affollato dai nostri connazionali, ma davvero un ottimo posto per stare comodi, spensierati, e mangiare o bere qualcosa di buono.

Vi risparmio i vari dettagli, ma dopo un po' di tempo ne usciamo letteralmente come PERE COTTE.... è ormai pieno pomeriggio cosi' decidiamo di tornare in ostello un paio di ore per riorganizzare le idee e lanciarci verso la Serata senza le solite sonnolenze.

Strano ma vero, mi appoggio delicatamente sul letto e come riapro gli occhi.. vedo l'orologio e incredulo Scorgo che sono LE 9!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ma sto bene? voglio dire, fuori c'è un sole che spacca la pietre, è stato proprio lui a svegliarmi... controllo sull'Ipad e sono DAVVERO LE NOVE.

Nel panico, corro a svegliare i miei compagni di viaggio che increduli anche loro dormivano beatamente... presto scopriremo che la notte giunge SOLO dopo le 23.00. ASSURDO! d'altro canto è la mia prima volta ad Amsterdam a Giugno.

Che fame!!!! Che si mangia? alla fine si Opta per un Burger King, chimico piu' che mai ma in tempi di guerra dobbiamo arrangiarci, domani cercheremo di mangiare, si spera, un po' piu salutare facendo la spesa dal supermercato. Nella sera è in previsione una Serata all'Escape, sempre in RembrandtPlein, noto club di Amsterdam.

Sempre serate memorabili, pieno di studenti e studentesse, in seguito, ubirachi come spugne ci troveremo ad aspettare un Bus notturno in Muntplein che non arrivera' mai....

Riusciranno i nostri eroi a tornare in ostello???? CERTAMENTE SI. Ed ecco la fine della nostra giornata, chiedo scusa se sono andato a tratti lenti e veloci a volte fin troppo veloci o fin troppo lenti, ma mi capireste se vi dicessi che i miei ricordi sono davvero sfocati e devo fare uno sforzo immane per raccontare tutto.

Nella prossima Parte, quindi nel Giorno 3, raccontero' la visita al Coffeshop The Doors, La visita al vondelPark e un giro nella Red Light District.. non mancate... !!!

  • GIORNO 3
E già, il tempo qui vola letteralmente. Oltre ai canali, il palazzo reale, le biciclette e i coffeshops, questa, ahimè, è un'altra caratteristica.

Dunque oggi sarà praticamente il nostro ultimo giorno PIENO, e la maliconia già inizia a farsi sentire. Ma guai a parlarmi di partenza, siamo qui e ce la godiamo fino alla fine.

Questa mattina come ci si poteva aspettare la sveglia è alle 10, purtroppo siamo umani anche noi, la solita doccia...e il russo che va via sempre in primissima mattinata, e mentre mi preparo , l'addetto alla pulizia irrompe in camera mi chiede di dove sono e quando rispondo che sono Italiano inizia a parlarmi di Sofia Loren, della ferrari, del colossseo, BellaNapoli..... pizza pasta mandolini, (ma chi minchia lo sa suonare stu mandolino).

Passo a svegliare i miei compagni di viaggio... Mamma mia , oggi è una bellissima giornata, non c'è nemmeno una nuvola, davvero insolito per noi che dal nostro arrivo abbiamo visto solo il grigiume. Si opta per il supermercato, abbiamo infatti deciso di comprare qualcosa da consumare verso l'ora di pranzo.

Usciamo dal negozio pieni di pane, salame, bresaola (per me, i grassi ) e di ottimo formaggio olandese in fette sottili che allieteranno i nostri sandwiches. Con questo cielo, ho una bella idea. La collinetta artificiale che si trova in prossimita del museo di vangogh, in quella sorta di prato.

Decidiamo di portare la nostra colazione a base di succhi di frutta, waffles, briosches varie, li sul posto e stenderci nell'erba mentre il sole ci bacia. A quanto pare nn siamo i soli,la collinetta è infatti piena di giovani studenti che hanno approfittato per un po di relax.
Impossibile non fare conversazione con qualcuno.

Già ce la spassiamo alla grande, ma qui il tempo corre, e il mezzogiorno già sta arrivando. Così decidiamo di prendere il tram n5 che arriva fino in stazione, scenderemo alla fermata prima, sulla via principale che percorre la stazione, di li andremo verso ovest, in zona jordaan, è li che vi è The doors, il coffeshop.

questo locale non è molto grande, un piccolo baretto, ma l atmosfera è davvero degna di nota, gigantografia di jim morrison difronte ai tavolini, luce soffusa, e musica tra le migliori, classic rock, reggae, the doors.

Da provare assolutamente la specialità della casa, La Morrison Haze, fumare l'essenza di jim morrison Questo locale mi coccola Ogni volta con le mie canzoni preferite, quindi tra un altro tè, e un altro joint, il tempo si rallenta, la realtà si distorce, sono davvero in paradiso. Consiglio davvero a tutti questo posto. E' l'ora di andare via, dalla luce soffusa al sole che oggi batte davvero forte regalandoci un piacevolissimo 22 gradi.

Adesso, anche se si trova dall'altra parte del mondo voglio tornare al greenhouse, non l'effect di cui vi avevo parlato prima, ma quello che si affaccia sul canale, dietro piazza dam. Il vincitore di numerosissime cannabis cup, quello della famosa super lemon haze, che molti di voi avranno conosciuto grazie alle Iene.

Dopo un po di tram e piccola tappa a piedi, eccoci qui al suo cospetto. La prima cosa che noto sono le tre ragazze che stamattina lavorano qui. Tre FATE, sicuramente non sono olandesi , non sono ne,memo inglesi , i tratti richiamerebbero la slovacchia o comunque quel tipo di bellezza slava, più tardi scoprirò di averci visto bene... non potevo non scambiarci due chiacchiere dai.

Dunque, come da tradizione, al greenhouse devo fare il Vaporizzatore. È una sorta di aerosol al THC, una botta tremenda che ci trasformerà in pesci lessi per un bel po'. Attenzione, non voglio esortare nessuno al consumo di droghe, è una mia scelta indipendente, effettuata in olanda, dove questo si puo fare a norma di legge. Se volete prendervela con me prendetevela prima con chi ha creato questa realtà.

Basta coffeshop per ora, è pomeriggio così decidiamo di spostarci a vondelpark, e durante il tragitto in tram decidiamo di farci, finalmente, i nostri benedetti sandwiches.... Che , vista la fame chimica.... Si lasciano inghiottire che è un piacere. Vondelpark è sempre qualcosa di straordinario. Superlativo d'inverno con i suoi stagni ghiacciati, i cigni, le anatre, gli alberi spogli, la neve.

Mozzafiato d'estate, grandi distese di verde, gente distesa che si gode un attimo di relax, ragazzi che fanno picnic o giocano a calcio, altri che suonano e cantano insieme, altri che da casa porano l'amaca.... insomma incredibile.

Troviamo un posto nel prato, sistemiamo la coperta, ed eccoci qui.... This is the Heaven. Che aria che si respira qui.... sono davvero in pace con me stesso e con il mondo che mi circonda. Immancabili le Patatine Lay'S alla paprika, accompagnate da una magnifica Trappe Quadrupla. Vorrei restare qui per sempre, vivere di niente, sfamando solo la mia anima... davvero.

Ma purtroppo il tempo vola, e nonostante ci sia il sole alto , sono già le 19.30 , decidiamo di tornare in ostello, riposare un po, e quindi uscire piu tardi per goderci questa nostra ultima serata nella capitale Olandese..... In programma il quartiere a luci rosse!

Vi tralascio il ritorno in ostello, la dormita e il risveglio.... Saltiamo tutto e arriviamo ad aspettare il classico tram n.2 che ci porterà fino a The Dam. Il quartiere a luci rosse si trova a est di piazza dam, ed è sempre comsigliabile visitarlo di sera quando calano le tenebre.

È uno spettacolo, le luci rosse risaltano, tanti negozi osè, sexy shops, teatri live sex... e poi eccole li, roba da sbavare.. .le famose prostitute di Amsterdam. Sembrano finte, davvero. Il neon viola le rende ancora più appetitose, davvero difficile se non impossibile resistere quando una di loro picchietta sul vetro e ti fa cenno di entrare. Tra i vostri increduli boooo, non posso mi spiace.
Preferirei non spendere 50 euro per fini sessuali, avrò mille vizi e difetti ma pagare una donna a scopi sessuali non rientra nel mio database.

Però il mio compagno di viaggio stasera, sembra di essere di tutt'altro avviso.... Dunque da buon amico non posso far altro che aiutarlo nella scelta della gentil fanciulla. Ehm, nel frattempo, rimaniamo in due e decidiamo di approfittare di un irish pub, il slainte, altro mio must, penso sia stato il mio primo pub in amsterdam, visto che si trova esattamente sotto il white tulip hostel.

Degno di nota il Ham n cheese toast, davvero grande e squisito, e l'immancabile GUINNESS. Prendiamo posto all esterno, la temperatura è ideale, e a fine cena.... il joint. Questa è vita.

Passeremo la serata prendendo in giro il nostro amico, appena rientrato dai suoi misfatti e bevendo e fumando e mangiando e ri fumando.
Che giornata, sono le 3 e mezza di notte, il tram ormai non gira più dopo mezzanotte, così il bus 358 è quello che ci porteà a casa ma arriva fra un ora... No è troppo, dunque......taxiii.... 14 euro diviso 3 ma almeno siamo a casuccia in fretta visto che sto crollando.

Domani sarà il nostro ultimo giorno, da godere fino alle 12 e mezza..... adesso non penso ad altro che dormire riposare e smaltire questa sbornia. Buona notte.

  • GIORNO 4
Ebbene si, dopo un ritorno a casa tra fumi dell'alcool e no... Il risveglio è sempre tragico Sono le 9, la mia sveglia suona puntuale, doccia.... Stamattina ci sono 20 gradi quindi opto per una bermuda con un Maglione. Bisogna abbandnare la camera, infatti ecco che bussano alla porta, e il tipo mi chiede se sto lasciando la stanza , dopo avermi fatto i complimenti per il vestiario.

Cosi faccio un controllo generale della stanza, non ho dimenticato nulla, saluto e abbandono la mia beloved stanza n. 612. Passo anche a chiamare i miei compagni di viaggio che oggi stranamente sono gia pronti belli e profumati... Che sollievo.

Eccoci i reception con i nostri trolley, le barbe incolte da viaggio, e occhiali da sole messi li a nascondere le borse accumulate nel corso della nostra permanenza. Check out rapido... salutiamo il tipo, ed eccoci qui, salutiamo anche il nostro amato quartierino residenziale... e prendiamo il 2... Stamattina si fa colazione dal bulldog.

Che malinconia, è ancora presto (ma non troppo) per partire ma gia in me penso che stiamo lasciando Amsterdam. Eccoci a Leidseplein, che fame, cosí prendiamo posto in uno dei tavolini del bulldog e vediamo il menu cosa ha da offrire. Questa apple pie mi intriga non poco , cosí la ordino accompagnata da un caffelatte.

Devo dire molto buona, piu in stile strudel, con pistacchi e cerali che per motivi personali ho tolto (purtroppo detesto gli alimenti verdi). Joint del buongiorno.... Che bello, questo è uno dei momenti della giornata che adoro, ti svegli , esci, colazione al "bar" e un bel sostegno mentale

Approfitto per fare la foto al menu. Come vola il tempo quando è poco a disposizione. Sono più o meno le 11 e mezza. Infatti il nostro volo partirà alle 17 da maastricht, ma abbiamo appuntamento con il taxista alle 13 quindi c'è tempo dai.

Tram n 5 e si va a piazza dam. Il nostro primo coffeshop all arrivo è stato The greenhouse effect, quinei come buona regola da fumatore, chi inizia finisce, ed è qui che ci stiamo dirigendo.

All'inizio guardavo con simpatia i turisti con le valigie che entavano nei coffeshop, mai avrei pensato che in questo viaggio l 'avrei fatto anche io. Non possiamo permetterci di comprare nulla da fumare , ne abbiamo ancora e non intendo buttarlo prima di partire quindi stamattina si carica al massimo.....

Consiglio a tutti di prendere il classico chocomel con panna... È davvero la morte sua. Bisogna godersela questa situazione qui , fra un oretta sarà tutto finito, torneremo nel paese del perbenismo, dell'ipocrisia, del proibizionismo e moralis o dettato dal vaticano etc etc.

Nn mi dilungo oltre sulla nostra permanenza nel coffeshop, ma purtroppo è successo, gia,.. Ci è avanzato!!!!! e va be dai.... A me non è mai successo, ma spero un giorno succederà.... Lo regalo a dei ragazzi nel coffee...che ringraziano increduli.... Buon viaggio ragazzi , in tutti i sensi. Si va a dire addio anche al nostro tanto amato KFC, prima di partire, non possiamo mica restare in fame chimica fino alle 5...!!

Scatto qualche scatto distratto l stamattina la giornata è davero grigia, al nostro arrivo amsterdam ci aveva accolto com un bel sole , ora sembra non gradire la nostra partenza. È ora di andare all incontro col taxi, dietro la stazione centrale, si intravede una nave costa crociera.. No, non è la concordia

Aspettiamo arrivino anche gli altri ragazzi che hanno prenotato lo stesso van insieme a noi, sono gli stessi della famiglia e si parte, direzione maastrich aachen airport. Dopodichè passeremo un oretta all aeroporto mangiando twix e snickers e bevendo 7 up, ci imbarcheremo e torneremo a casa tra il cielo limpido di bari.

Cara Amsterdam, sono sette volte che ci vediamo... e stai sicura che non sarà l'ultima.

Scopri