Idee di viaggio

I posti meno turistici e più curiosi di Cracovia

Guida alternativa alla città

Cracovia WEEKEND Shutterstock
5/5

La città polacca di Cracovia ha tanti punti di interesse da non perdere. Oltre alla celebre piazza Rynek Główny e alla collina di Wawel, dove si trovano il Castello e la Cattedrale, sono diversi i posti curiosi da non perdere a Cracovia.

Dalla street art ai quartieri più esterni, scopriamo insieme i luoghi meno turistici e più affascinanti della città polacca

Posti curiosi di Cracovia

  • Il Forte di San Benedetto

Il quartiere di Podgórze è collegato a quello ebraico di Kazimierz da tre ponti che attraversano il fiume Vistola. È una zona particolare, che ha una storia tragica alle spalle, perché è qui che gli ebrei venivano ghettizzati come sede temporanea prima di essere deportati nei campi di concentramento. Sorge a Podgórze una delle chiese più antiche di Cracovia, la chiesetta di San Benedetto, aperta solo una volta l’anno e che, secondo una leggenda, custodisce lo spirito inquieto di una principessa, condannata a vagare a causa dei peccati che ha commesso. Al suo fianco si trova invece il Forte, una meraviglia dell’architettura militare, unico di questo tipo conservato in Polonia, nonché uno dei pochi in Europa.

LEGGI ANCHE: MANGIARE A CRACOVIA

Simbolo del comunismo che ha segnato la Cracovia del Novecento, il distretto di Nowa Huta è davvero diverso dal centro storico e si trovano luoghi di interesse come le acciaierie, il Tadeusz Sendzimir Steelworks, che meritano una visita. Fate un giro nella Plac Centralny.

Visualizza questo post su Instagram

Kocham Nową Hutę jesienią. O tej porze roku wyglada jakby natura założyła trencz i przyszła tu na spacer. Wszystko jest tu retro, nawet drzewa ze złotymi liśćmi. Dzięki temu, że jednym z głównych założeń tego miasta-osiedla była duża ilość zieleni, teraz na każdej ulicy można podziwiać jak korony drzew zmieniają kolory. Szerokie chodniki wprost zachęcają do spacerowania. Nowa Huta to dla mnie idealny cel na jesienne #pieszopomieście :) A Wy? Gdzie się szwędacie o tej porze roku? . . . #miasto #nowahuta #kraków #igerskrakow #krakowplaces #jesien #drzewo #budynek #tinypeopleinbigplaces #spacer #babcia #polska #polskajestpiekna #igerspoland #chodzenie #wycieczka #zwiedzanie #mojemiasto #architektura #urbanistyka #placcentralny

Un post condiviso da Magdalena Milert (@pieing) in data: 30 Set 2019 alle ore 1:30 PDT

  • Street art di Cracovia

Cracovia ha una storia antica che si mescola ad una vivacità artistica non indifferente. La zona da non perdere per la street art e i murales è quella di Józefa Street o Plac Bawół. Troverete il grande Ding Dong Dumb, Judah o Robot di Stanislaw Lem.

La Miniera di Sale “Wieliczka” è stata inserita nel Patrimonio UNESCO. È uno dei luoghi più interessanti di Cracovia e si trova a 10 chilometri dal centro della città. Sono tanti i tour organizzati quotidiani che si possono prenotare direttamente durante il soggiorno a Cracovia. Vestiti con una tuta di protezione, potrete scendere nel più antico pozzo minerario di Wieliczka. Trecento chilometri di gallerie che per 700 anni sono state utilizzate per estrarre il sale. Alla luce della lampada della miniera camminerete sottoterra, in un contesto davvero particolare, tra statue e lampadari preziosi. 

  • Il sito archeologico sotto Rynek Główny

Proprio sotto alla piazza storica di Cracovia, si trova un museo archeologico sotterraneo molto curioso. Il complesso, di più di 3mila metri quadrati, mostra le tracce dei primi insediamenti urbani della costruzione medievale della Piazza. Il cimitero, l’acquedotto, la colonia rurale, le botteghe: tutto riemerge dalle fondamenta del cuore di Cracovia.  

  • Campana di Sigismondo 

Sigismondo era un antico sovrano polacco. All’interno della Cattedrale di Wawel si trova una scala in legno ripida, arrampicandovi arriverete alla campana più grande del Paese. Vi sembrerà di fare un salto indietro nel tempo: venne fusa nel 1520 e richiede lo sforzo di otto persone per essere suonata, cosa che accade solo in occasione di solennità importanti. La vista dalla torre campanaria si apre su tutta la città.

  • Il Collegio Maius

Un luogo molto suggestivo, all’interno dell’Università di Cracovia, è il Collegio Maius. Tra i suoi studenti ci sono stati Copernico e Papa Wojtyla e il suo cortile tardogotico, decorato da arcate eleganti, è un’oasi di tranquillità. Vengono organizzate visite guidate per scoprire la biblioteca, dove è conservato il manoscritto originale “De Revolutionibus Orbium Coelestium” di Copernico, risalente al 1543.

  • Con i bambini nella caverna del Drago di Wawel

In polacco è chiamata Smocza Jama ed è la caverna del Drago di Wawel, che si trova ai piedi dell’omonima collina. La leggenda racconta che la creatura diffondesse paura in tutta Cracovia prima che un umile calzolaio, con uno stratagemma creativo, riuscisse ad ucciderlo liberando così dal terrore la città. Oggi davanti alla grotta si trova la statua del Drago che ogni cinque minuti sputa fuoco sorprendendo i bambini che la guardano affascinati. 

  • Il Parco Nazionale di Ojcow

A 25 chilometri da Cracovia si trova il Parco Nazionale di Ojcow, un’area naturalistica dal grande fascino, perfetta per una gita all’aria aperta in ogni stagione. Qui troverete anche il castello di Pieskowa Skaia, immerso tra boschi, cascate, caverne e rocce calcaree. 

  • Cracovia dall’Alto dall’Accademia della Musica

La vista più bella su Cracovia? Dal Metrum - Restobistro, un caffè al sesto piano dell’Accademia della Musica di Cracovia. Un luogo nascosto - per raggiungerlo bisogna farsi spazio tra gli studenti della scuola e prendere poi un ascensore o le scale - che merita davvero una visita. 

Visualizza questo post su Instagram

mój #kraków 🌆

Un post condiviso da Ewa Łubnicka (@ewa_lubnicka) in data: 17 Nov 2019 alle ore 7:40 PST

Mappa

Autore: Paola Toia