Idee di viaggio

Quattro giorni a Alicante

Con Hackjazz ad Alicante per un viaggio che anticipa l'estate.

alicante MARE iStock
/5

Autore: hackjazz
Periodo: Giugno

Volo: Ryanair da Orio al Serio prenotato a Marzo a 33 € a testa con orari davvero ottimi (Giovedì 7.20-9.20 / Domenica 16.10-18.10)

Pernottamento: La Milagrosa Hostel -Pensión. Calle Villavieja 8, Alicante, 126 € la doppia con bagno in camera (solo pernottamento).

Giovedì 9 Giugno

Arriviamo a Orio dopo 30 minuti scarsi di viaggio nell'orario prestabilito (1 ora scarsa prima della partenza ), controllo di sicurezza veloce e poco accurato, giro rapido nei negozi e siamo già al gate per l'imbraco. Controllo dei biglietti un pò lento, infatti partiamo con circa 15 minuti di ritardo che recuperiamo abbondamente in volo.

Arrivati a Alicante si nota subito la differenza con la nostra Italietta; aeroporto nuovo di pacca e ben pulito e soprattutto un clima fantastico 26° (tenete presente che qui in Brianza ha praticamente piovuto per 10 gg consecutivi in quel periodo con temperature intorno ai 18°).

alicante_1

Bus C-6 per la città al modico prezzo di 2,65 € pp a tratta (i bus sono al piano 2, non scendete al - 2 perchè quelli sono solo i bus dei tour operator) e in circa 30 minuti siamo a Puerta del Mar. Che sensazione rivedere il mare dopo quasi 24 mesi di astinenza (Estate 2010 in Islanda).

Ci dirigiamo verso l'hostal a piedi (circa 400 mt) rapido check-in anche se la stanza non è pronta, decidiamo allora di lasciare i bagagli in deposito e di andare al Castello di Santa Barbara.

Si può salire al castello in 2 modi: scarpinata inumana gratuita o ascensore a/r 2,40 € a testa. Naturalmente optiamo per l'ascensore.

Il castello e soprattutto la vista da esso sulla città è veramente bellissimo e con il sole che risplende, è tutto più bello.
C'è anche un piccolo museo e dei filmati davvero ben fatti che spiegano la storia del castello. Vale sicuramente la pena visitare il Castello che tra l'altro è una delle poche attrazioni di questa simpatica cittadina.

castello-alicante

Ci dirigiamo verso l'hostal e ci fermiamo per pranzo a 3 metri dall'ingresso al ristorante Camino del Castillo dove per 8.70 € a testa prendiamo il menù del dia composto da primo, secondo, pane, acqua o vino e dolce ... cominciamo bene.

Ci sistemiamo in camera, ci incremiamo e via rapidi verso la spiaggia dopo aver comprato il nostro ombrellone a 7€.
Natutalmente le spiagge sono al 70% libero a il restante attrezzate (come in Italia devo dire). Pomeriggio tipicamente balneare, sole splendido e ci gustiamo anche un bel bagnetto trovando l'acqua non caldissima ma accettabile. Verso le 19 torniamo in hostal e dopo la doccia di rito e esserci sistemati per bene in camera, verso le 21 (orario spagnolo) usciamo per cena.

Ci fermiamo in un ristorantino all'aperto (sono tutti così) lungo la via dei ristoranti a pochi passi dall'hotel Calle Mayor di cui sinceramente non mi ricordo il nome. Prendiamo una bella insalatona per lei, un fritto misto Alicantino per me, pane e da bere per circa 21 € in totale. Serata tranquilla poichè la giornata è stata piuttosto lunga ma qui volendo la notte può essere moooooolto lunga

Spiagge di Alicante


Playa del Postiguet: è la spiaggia cittadina a pochi passi dal centro di Alicante. Lunga circa 500 metri è ben curata e per la maggior parte libero da stabilimenti balneari. La sabbia è fine e color oro.

Posso dire che è la spiaggia che più ci è piaciuta perchè facilissima da raggiungere a piedi (basta attraversare la strada) pulita, non affollata e il mare nonostante sia "vicino" al porto non era niente male (intendiamoci, non è quello della Sardegna ma nemmeno quello di Rimini, è pulito al punto giusto).

spiagge-alicante

Playa de San Juan: la spiaggia di per se è bella, sabbia fine e dorata, lunga circa 2,5 km e veramente molto larga, assolutamente non affollata in questo periodo. Il problema vera stà nel raggiungerla; non è difficile ma il tragitto è moooolto lento.Ci si arriva con il tram in direzione Denia e tra le poche corse e il cambio di liena ci voglio 45-60 minuti. A mio parere decisamente troppo. Non posso dire che non ne vale la pena, perchè la spiaggia è decisamente bella, come il mare, ma perdere 2 ore per andare in spiaggia mi sembrano veramente troppe.

Playa de Albufareta, Cabo de Las Huertas, Isla de Tabarca: purtroppo non siamo riusciti (anche per pigrizia) a visitarle. Mi dispace soprattutto per Cabo de Las Huertas e l'Isla de Tabarca (Albufareta mi sebra sia una normalissima spiaggia), sarà per la prossima volta.

In generale le spiagge sono bene curate e non a pagamento (30% è organizzata) e il mare non è niente male. Probabilmente la nostra è stata un'impressione dettata anche dal perido, perchè probabilmente ad agosto tutto cambia e soprattutto il Postiguet credo diventi un carnaio terrificante

Venerdì 10 Giugno

Ci svegliamo di buon'ora ( 9.30 circa) e scendiamo a fare colazione al bar sotto l'hotel. Molti bar hanno un menù desayuno a circa 3€ a testa composto da caffè o cappuccino, spremuta d'arancia (non succo, spremuta vera e prorpia) e una fetta di "baguette" da 20 cm su cui spalmarci marmellate varie. Non male

Il tempo non è bellissimo, c'è il sole ma è un pò velato, allora decidiamo di fare un giretto in città. Alicante non offre moltissime attrattive turistiche a parte il castello quindi ci dedichiamo a fare un giro (a piedi è tranquillamente fattibile) per le varie vie, piazze, negozi e al mercato della carne/pesce (il palazzo che lo ospita è davvero magnifico). Per pranzo ci fermiamo in un bar lungo la Explanada de Espana (di fronte al mare) dove per 5€ a testa mangiamo una baguette enorme e bibita annessa.

alicante-strade

Qui incontriamo uno dei vari matti della città (non sò perchè, ma ne abbiamo viste parecchie di persone in questo stato)
è un ragazzo di circa 30 anni di colore che gira per la città vestito in modo invernale farneticando qualcosa e imitando il verso di un gabbiano o qualcosa di simile. Naturalmente viene cacciato (non in malo modo) da tutti i camerieri dei vari ristoranti affinche non disturbino la clientela.

Ritorniamo in hotel e dopo il solito passaggio obbligato di litri di crema protettiva corriamo in spiaggia. Le poche dubu del mattino nel frattempo sono scomparse e ci godiamo un pomeriggio intero di relax tra sole e mare pensando ai nostri colleghi che lavorano in questo piovoso venerdì di Giugno

Verso le 19 leviamo le tende e torniamo in hostal dove questa sera lo staff ha organizzato un Paella party sulla terrazza 2 piani di scale e siamo giù sulla terrazza (con vista castello) dove alle 21 ci viene data la paella di carne e verdura gratis e con soli 2 € un litro di sangria.

Davvero una bellissima sorpresa questa, non erano di certo obbligati a offrire la cena per circa 50/60 persone. Un punto a favore de La Milagrosa. La serata scorre tranquilla e dopo il classico giro sulla Explanada de Espana tutti a nanna

Sabato 11 Giugno


Decidiamo di cambiare spiaggia e con il tram raggiungiamo la Playa de San Juan, il viaggio è davvero troppo lungo (quasi 1 ora) e devo ammettere che non ne vale proprio la pena. Intendiamoci, la spiaggia è veramente bella e ampia ma molto frequentata (ok è sabato ma è pur sempre Giugno).

Pranziamo al Mac proprio di fronte alla spiaggia e deciciamo di tornare al Postiguet convinti di ritrovarci in un carnaio e invece... incredibilmente la spiaggia è "mezza" vuota e qui il cielo è più sereno rispetto a Playa de San Juan. Restiamo in spiaggia fino al tardo pomeriggio in quanto la temperatura è fantastica.

Dopo esserci docciati e rilassati usciamo tardi per cena (21.30 circa) per abituarci alle tradizioni spagnole. Ceniamo a base di pesce lungo la via dei ristoranti (alla fine uno vale l'altro) per una spesa complessiva di 30€ per due persone per antipasto, piatto di pesce e 1l d'acqua.

Anche di sera la temperatura è più che gradevole, si gira tranquillamente in maniche corte. Passeggiamo nella zona del porto che è davvero enorme e ben curata come tutto il resto della citta, prima di tornare in hostal....

Domenica 12 Giugno

Ci svegliamo di buon ora e facciamo davvero fatica a trovare un bar aperto per fare colazione. Incredibile per noi il ritmo tranquillo che si respira in questa città, neppure i bar aprono prima delle 9.30!! Fortunatamente troviamo un bar che alle 8.30 è gia operativo e effettuiamo il desayuno a base di churros.

Ci godiamo tutta la mattinata in una spiaggia praticamente deserta e verso mezzogiorno torniamo in hostal per la doccia e il check-out. Lasciamo i bagagli in deposito e ci dirigiamo verso lo stesso ristorante della sera prima dove con 10 € testa (menù del dia) ci sfamano con primo-secondo-dolce-acqua.

alicante-foto_1

Praticamente gli stessi piatti per cena ci sarebbero costati 20-25€ a testa, ottima l'offerta del menù del dia!Ci godiamo l'ultima passaggiata sul lungomare di Alicante prima di tornare in hostal per ritirare i bagagli e recarci in aeroporto.

Tristezza.....

Nessun controllo delle dimensioni/pese dei bagagli prima dei controlli di sicurezza, ma sorpresa sorpresa, al gate arriva il cerbero di turno ad infliggere sanzioni pecuniarie a chi non è perfettamente a norma. Incredibile la scena di una ragazza spagnola il cui bagaglio non entrava in un primo momento nella gabbietta,ma dopo aver sistemato meglio l'interno della valigia, entrava perfettamente nella gabbietta estorcidenaro.

Il cerbero inflessibile ha preteso il pagamento pena non imbarcare la ragazza sul volo, incredibiile... Volo tranquillo e appena tornati a casa cosa ci aspetta... pioggia

Conclusioni

Non saprei dire ad Agosto come si può presentare, ma Alicante a giugno è davvero fantastica per qualche giorno-1settimana di relax balneario. Clima fantastico (caldo ma non afoso), non affollata, abbastanza economica, spiagge ben attrezzate e non a pagamento, cibo ottimo e atmosfera spagnola davvero fantastica. Alicante te quiero!

Scopri